sabato 23 giugno 2018

Di nuovo sul grande Gianbattista Callegari




Disponibile, da subito, il nuovo libro di Giuseppe Callegari: “Radionica e Radiobiologia Callegari” - Volume 3 k - Tomo I, di oltre 530 pagine di grosso formato (18x25 cm), con copertina rigida, rilegato e cucito.
Si può richiedere qui:


Il libro, che fa parte di quattro volumi di cui uno già pubblicato anni fa e altri due disponibili a breve, lo potremmo definire il “lavoro di una vita”, quella del professore e ingegnere Giuseppe, dedicata al suo grande padre, Giambattista Callegari.
Anche se stavo partendo per il mio convegno annuale di Sant’Agata sui Due Golfi, non ho potuto resistere e l’ho sfogliato a lungo, provando, nuovamente, tantissime emozioni nell’immergermi ancora in quegli scritti, in quelle prove di esperimenti, nelle tantissime foto, nei racconti (ce n’è anche uno mio, breve), negli amarcord che hanno legato, a mezzo di un filo invisibile, quanti ammirarono e amarono Giambattista Callegari, certamente una delle persone più straordinarie che io abbia mai conosciuto.

Mi sono già impegnato, con l’amico ingegnere Giuseppe Callegari, a organizzargli qui a Milano (in autunno?) una presentazione pubblica di questi lavori e un dibattito con i Lettori che avrò l’onore di coordinare.

Nel libro in oggetto ci sono anche le storiche foto di un altrettanto storico convegno da me organizzato a Vico Equense e a cui parteciparono personaggi straordinari come lo stesso Giuseppe Callegari, Nicola Del Giudice, Emilio Del Giudice, Renato Palmieri, Massimo Troise, il sottoscritto, tutti mirabilmente coordinati da Andrea Rossetti (vedi foto): quante emozioni! Una vita di ricordi!

Ma ora mi taccio, su questo versante, ad evitare che l’emozione mi prenda la mano e…
Parliamo di scienza, invece.
Nel libro vengono riportati molti esperimenti realizzati da fisici, medici, scienziati vari, relativamente all’effetto k, alla Centralina Callegari e alle sue innumerevoli possibili applicazioni.
Ripeto: sto scrivendo relativamente alla Radionica e alla Radiobiologia Callegari che è cosa diversa rispetto alla radioestesia.
Desidero illustrarvi, come semplice esempio, un esperimento descritto nel libro in oggetto.
Tutti i particolari tecnico-scientifici dello stesso potrete trovarli in esso, ma la cosa più importante, a mio parere, è che voi stessi potrete ripetere tale esperimento!

Prendiamo due piccoli recipienti contenenti acqua bidistillata ed esposti alle stesse variabili microclimatiche: temperatura del recipiente, temperatura della stanza, pressione barometrica dell’ambiente, stessa quantità di luce e via dicendo.

Ora immettiamo nei due recipienti la stessa quantità di acqua bidistillata proveniente dalla stessa fonte, con un PH (acidità) di partenza pari a 6,14.

Poi lasciamo il primo recipiente (che ci serve come riferimento nell’esperimento) come lo abbiamo preparato e sottoponiamo il secondo all’effetto di irraggiamento, all’interno di un circuito k Callegari, per 180 minuti, con un’onda pari a fk=2,500 (giallo canarino/giallo medio oro, nella relativa scala Callegari).
Come già detto procediamo a un irraggiamento “acido” della durata di 180 minuti e poi andiamo a leggere il PH nei due recipienti a distanza di 24 ore, di 48 ore e di 72 ore.

Ecco i risultati:

Campione di riferimento (non irradiato): PH 6,14, a 24, 48 e 72 ore di distanza dalla partenza dell’esperimento.

Campione irradiato: PH iniziale 6,14; PH dopo 60 minuti di irraggiamento 5,38; PH dopo 120 minuti di irraggiamento 5,18; PH dopo 180 minuti 5,07. Valori mantenuti dopo 24 ore, dopo 48 ore e dopo 72 ore dall’inizio dell’esperimento.


Lasciate che vi spieghi più in dettaglio tale esperimento dato che per molti anni, da giovane, mi sono occupato di PH, quando lavoravo con mio padre che era il rappresentante campano della più importante casa costruttrice al mondo di apparecchi di misura del PH, nel sangue e in altri liquidi.
Ma vorrei fare un ulteriore passo indietro e riandare alla mia materia preferita nel biennio prima del diploma in Elettronica Industriale: Misure Elettroniche.
Posso dire senza timore di essere smentito che tale materia mi ha formato molto, a livello di essere pensante.
In essa, infatti, venivano e vengono analizzate tutte le possibili cause di errore quando si fanno misure elettroniche (di questo stiamo parlando): errore di parallasse, errore medio, errore percentuale medio e molti altri errori ancora.

Soprattutto in campo medico, all’alba della “Scienza del Laboratorio di Analisi” (parliamo degli anni Sessanta e dei primi apparecchi computerizzati) si utilizzavano fialette costosissime e dal valore pre-tarato. In altre parole e facendo un esempio volutamente grossolano, come se volessi spiegarlo a un bambino di 5 anni, se io mi attendessi di leggere valori assolutamente affidabili di PH nell’intervallo che va da 5 a 6,20, utilizzerei, per l’appunto, due fialette di taratura del mio piaccametro e, dopo avere controllato le cento e una ragioni di possibili errori, aprirei le due fialette e mi attenderei di leggere sul mio display i valori di PH 5,00 con + o - 2 centesimi di errore e anche il valore di PH di 6,14 con un errore massimo di + o - 2 centesimi di PH. Detto ancora più semplicemente, io tarerei il mio strumento di misura tra due valori noti, il primo compreso nell’intervallo di 4,98 e 5,02 e il secondo nell’intervallo di 6,12 e 6,16 di PH.


Questo ci serve a dichiarare quanto segue:


- che il mio errore, in tali misurazioni, potrebbe essere al massimo dell’ordine di centesimi di PH
- che, invece, l’acidificazione del campione è avvenuta nella misura di circa 1 cifra intera, ovvero di quasi il 20% del valore iniziale!!!
- che tale acidificazione, se non vogliamo prendere in considerazione eventuali interventi magici nel corso di quell’esperimento, è dovuta all’effetto k Callegari e a quella specifica onda irradiata.


Aggiungo solo che simili esperimenti si fanno anche in medicina omeopatica, alla faccia di tutti i positivisti a prescindere che negherebbero tali risultati anche se li conducessero loro personalmente e in condizioni di laboratorio controllate da regolari professori di cattedra di facoltà scientifiche e non filosofiche.

Dove voglio arrivare?
Mi piacerebbe arrivare tanto lontano e proporre al Lettore tantissimi esperimenti di grande, grandissimo interesse, ma lascio agli altri il proprio lavoro e mi limito solo a fare un’ultima osservazione che riguarda assai da vicino l’Astrologia Attiva.

Alcuni miei colleghi, da un po’ di anni a questa parte, asseriscono di fare esperimenti di invio di persone (umani) in luoghi virtuali della Terra, anche in mezzo all’Oceano Pacifico, per Rivoluzioni Solari Mirate o per Rivoluzioni Lunari Mirate, a mezzo dell’uso di un pendolino radioestesico.

Più volte ho spiegato perché ciò è impossibile, sia in via teorica che pratica e anche a quest’ultimo convegno di metà giugno 2018 ho invitato a parlarne, ma nessuno si è fatto avanti.
Allora ripeterò quanto già detto in diverse occasioni e, su tale argomento, sono disposto a rispondere, di nuovo e pubblicamente, se qualcuno, firmandosi con nome e cognome (veri), mi porrà quesiti o critiche.

Sul piano pratico, mi sembra non ci possano essere dubbi di sorta: se noi a Mario mettiamo, con una RLM gestita dal pendolino, un Marte in Seconda Casa, togliendolo dalla Prima, saremo certamente in grado, dopo un mese, di dire, con assoluta certezza, se tale Marte sia caduto al centro della Prima Casa o al centro della seconda Casa. A meno che non ci riferiamo all’astrologia filosofica in contrapposizione all’Astrologia Giudiziaria.
Da un punto di vista teorico la cosa — mi sembra in tutta evidenza — è ancora più apodittica e vediamo il perché.

Mettiamo che Marte in Prima Casa di RSM, per Stefania, picchiando per 12 mesi, “procurerà” qualcosa del tipo ulcera allo stomaco. E mettiamo che, semplificando volutamente, ciò sia espressione di un “raggio acido” (per esempio giallo nella scala Callegari) che colpisca costantemente lo stomaco della poverina, per dodici mesi di seguito. Come potremmo, con il pendolino, annullare tale “raggio giallo”?
Abbiamo visto che la centralina Callegri potrebbe irradiare lo stomaco di Stefania, di Amedeo o di Ketty, con un raggio basico (questa volta!) per tentare di neutralizzarne il PH. Vero: se lo stomaco è in forte acidità e si trova in una condizione “stabile”, cioè senza cause che continuino ad acidificarne il contenuto, o a mezzo Maalox o a mezzo bicarbonato di sodio o a mezzo di un irraggiamento basico della centralina Callegari, noi potremmo tentare di riportare a PH neutro tale organo.
Ma ciò presupporrebbe che la fonte di acidificazione, cioè Marte in Prima Casa che ha iniziato a funzionare mettiamo a Pavia al momento dell'ultimo return, smettesse di funzionare da parte sua.
E come potrebbe? Qualcuno potrebbe dire a Marte di smettere di fare il proprio lavoro (in Prima Casa)?

Buona giornata a Tutti.












Ricevo da Vania Crispino



Astrologia e radionica, Sant'Agata 2018

Buona sera caro Ciro,
come promesso ti scrivo qualche riga per farti conoscere la mia attività rispetto alla radionica.
Premetto che sono arrivata al tuo convengo quando già avevi iniziato a parlare dell'argomento, pertanto mi sono persa alcune tue considerazioni iniziali che magari possono rientrare in quello che di seguito ti scrivo, eventualmente mi farai sapere.
Ad ogni buon conto, la radionica che io considero ed applico è, come sai,  la disciplina che si occupa di trasferire a distanza qualsiasi tipo di informazione. Fa parte di quell'insieme - corposo per la verità- di discipline olistiche che hanno come obiettivo quello di ristabilire un equilibrio energetico - prima ancora che fisico - della persona nei confronti della quale l'operatore esegue specifici trattamenti. 
In realtà si è evidenziato come il suo apporto possa essere utile anche rispetto all'astrologia attiva.
Proprio in occasione di un convegno a Sant'Agata (era il 2014), Marcella Foscarini portò la d.ssa Alessandra Previdi per illustrare le caratteristiche di tale disciplina, ed è emerso che si poteva sperimentare tramite le  tecniche radioniche il trasferimento del corpo energetico di un soggetto che per varie ragioni non riusciva a partire per il suo compleanno mirato, in una determinata località.
Alcuni di noi hanno portato e sviluppato la cosa sotto diversi punti di vista ed io stessa, con Marcella, per alcuni mesi ho iniziato ad indagare questa possibilità.
Successivamente ho proseguito da sola questa sperimentazione, ed ecco in sintesi quello che ho fatto.
Ho raccolto un campione di 14 soggetti che da Ottobre 2014  e fino a Dicembre 2015 compreso (in totale 15 mesi) hanno acconsentito a far parte di questo progetto sperimentale.
Ho effettuato per ciascuno dei 14 soggetti tutte le lunari radioniche comprese nel periodo di riferimento e le relative solari radioniche 
Ho creato un questionario a crocette con la descrizione minuziosa, particolareggiata e meticolosa degli effetti che avevano o meno avvertito i soggetti durante il periodo di riferimento, (ad esempio sulla salute, sui contatti, sui rapporti col partner, sulle dinamiche immobiliari etc, cioè in pratica rispetto a tutte le 12 case di rivoluzione), lasciando un adeguato spazio descrittivo per commenti o per la descrizione di stati d'animo specifici
Ho raccolto per ciascuno dei 14 soggetti non uno ma due feedback per ciascuna lunare, sia radionica che reale per confrontarne effetti, accadimenti e risultati
Ho avuto un contatto telefonico - a titolo di intervista - ogni mese con ciascuno di questi soggetti per avere un feedback diretto sulla lunare appena passata e per avere la conferma dei dati che mi avevano inviato
Ho creato il file di elaborazione sia qualitativo che quantitativo, di tutta questa corposa mole di dati (oltre 200 eventi statisticamente rilevati), sia per gli effetti della lunare radionica che della lunare non-radionica per ciascun soggetto
Ho creato un file specifico e riassuntivo per l'analisi delle rivoluzioni solari fatte radionicamente, sottoponendolo anche a sperimentazione finita, cioè successivamente a Dicembre 2015

Senza il supporto e il lavoro di squadra di queste persone non sarei mai arrivata in tempi così relativamente brevi a concludere, dati alla mano, che la radionica applicata all'astrologia attiva funziona.
Il file di elaborazione finale mi ha restituito una percentuale di validità del protocollo radionico di più del 90%.
Dunque la stragrande maggioranza delle lunari fatte radionicamente ha funzionato, cioè come se il soggetto fosse andato, e ne avesse materialmente riscontrato gli effetti, esattamente nel luogo corrispondente al relativo grafico astrologico. 
Lo scostamento del 10% circa rimane però assolutamente evidente e degno di attenzione.
Perchè alcune lunari radioniche non hanno assolutamente funzionato?
Ebbene, non lo so.
Posso solo ipotizzare che alcuni soggetti rispondono meglio perchè forse e dico forse hanno antenne sensibili e capacità di percezione e lettura degli eventi molto più affinate di altre persone.
Fatto sta che alcune volte queste procedure funzionano, altre meno.
O meglio: in realtà sembra che un effetto ci sia, anche se questo è ancora un file aperto.
Sembra cioè che invece di agire secondo quanto ci aspetterebbe dal grafico radionico, la procedura agisca come sostanziale annullamento della lunare "reale" e pertanto alcuni soggetti non registrano proprio niente. Dunque niente di buono, ma nemmeno niente di cattivo.
Resta comunque acclarato il fatto che, stando così le cose, questo strumento è una valida alternativa per chi non parte per il compleanno mirato o per le lunari mirate.

Per il trasferimento energetico delle informazioni contenute nel grafico astrologico (una parte fondamentale di questo protocollo) non utilizzo nessuno dei dispositivi citati al convegno, ma semplicemente utilizzo dei grafici (che si chiamano tecnicamente "circuiti") che, per come sono geometricamente disegnati, creano delle onde di forma che hanno la caratteristica di trasferire le informazioni energetiche da un luogo all'altro.
Io di solito eseguo una pulizia preliminare del campo energetico attorno ai grafici attraverso il biotensor, che è semplicemente uno strumento di accompagnamento alla procedura radionica, in modo che il trasferimento possa avvenire in un campo protetto e pulito da interferenze.

Sono stata un pò lunghetta ma spero di non averti tediato.
Per ora null'altro, ti mando un caro saluto e ti auguro una buona serata

Vania Crispino





Cara Vania,

intanto ti posso rassicurare sul fatto che non hai perso nulla di quella chiacchierata: mentre ti sedevi, dissi: “Ora vorrei parlarvi di qualcosa di cui si occupano alcuni di voi”… e indicai con la mano te.
Sono lieto che la tua autocertificazione di risultati positivi al 90% ti soddisfi molto e, per quanto mi riguarda, se tu riesci a convincere qualcuno a tenersi Marte-Saturno-Plutone in 12^ Casa, fcendolo partire solo con il pendolino e non con il corpo fisico, e se entrambi sarete felici un anno dopo, penso che potrebbe nascere qualcosa di straordinario tra voi, perfino un amore, se tu fossi single e sentimentalmente disponibile.

Io, come spiegai a Sant’Agata e come ho scritto anche qui alcuni giorni prima della tua lettera, non credo che ciò sia assolutamente possibile, a cominciare dal fatto che tale operazione non può avvenire, per le leggi della fisica, prima di “spegnere Marte in cielo che intanto sta agendo in Dodicesima Casa e che continuerà a farlo per 12 mesi di seguito e senza smettere un solo minuto”…

Tuttavia riprendo l’argomento per i motivi che ora dirò.
Penso tu abbia fatto confusione perché, come scrivi nella tua lettera che ho copiato parola per parola, ti riferisci alla Radionica e/o alla Radiobiologia, ma credo che tu stia parlando di Radioestesia, ovvero di operazioni al di fuori di un circuito oscillatore, K-circuito-Callegari, un circuito con tanto di bobine, condensatori elettrici e uno schema elettrico ben preciso, come quello che ho avuto il piacere di usare e di studiare per alcuni anni.

Tutto ciò, però, mi interessa relativamente. Quello a cui tengo tantissimo e che sta caratterizzando sempre più il mio lavoro e le mie pubblicazioni degli ultimi decenni è la giusta collocazione degli studi astrologici, in genere, all’interno di un percorso epistemologicamente ben definito.
Credo tu non abbia letto gli ultimi due miei libri sull’argomento (Scienza e Scienze Umane e Requiem per l’Astrologia). Penso che neanche li leggerai e ciò è assolutamente legittimo.
Trovo grave, invece, che tanti che dicono di occuparsi seriamente di Astrologia, non studino alcun altro libro che tratti l’argomento Astrologia ed Epistemologia, se pure esistesse e se pure fosse stato scritto da Pinco Pallino o da John Smith (tra i pochi che fanno eccezione c'è sicuramente l'ottimo Al Rami che scrive anche qui). 
Soprattutto in Requeiem per l’Astrologia, che considero uno dei miei migliori libri nonché un testo difficilissimo che andrebbe studiato rigo per rigo e non letto, insisto parecchio sul discorso Metodo e/o Statistica.
Quest’ultima, che è stata la musa ispiratrice che ha raccolto tantissime mie energie per decenni, l’ho sconsigliata, per le ragioni che spiego nel suddetto volume.
Invece insisto sul metodo: a mio avviso, qualunque ricercatore serio non può prescindere dal metodo.
Facciamo due esempi.

André Barbault, nel suo meraviglioso Trattato Pratico di Astrologia, edito da Morin di Siena nel 1967, oltre a spiegare in dettaglio e in centinaia di pagine come egli veda l’Astrologia Giudiziaria, per permettere al Lettore una verifica su quanto scrive, anziché assicurarci che sia tutto vero e funzionante, pubblica l’intera serie di cieli natali di tutti i monarchi francesi, negli ultimi secoli di storia.
In questo modo, non ricorrendo a un solo esempio, come fanno diversi nostri colleghi, e non riferendosi neanche al caso speciale del cognato o del portiere di chi scrive, egli ci ha offerto decine e decine di esempi pubblicati per dimostrare la propria teoria.

Lo stesso ho cercato di fare io nei miei oltre cento libri (escludendo quelli di fotografia), quasi tutti di Astrologia Attiva.
A centinaia e a centinaia, in essi, per un totale di molte migliaia di esempi pubblicati e verificabili (per i motivi più volte spiegati), ho esposto le mie teorie e poi ho offerto degli elementi pratici, assolutamente pratici, pubblicati e verificabili, per comparare detta teoria alla pratica.

Per esempio, in più occasioni, ho mostrato i cieli di gemelli genetici o di gemelli astrali per i quali c’è stato il caso interessantissimo che uno dei due sia partito per il compleanno mirato e l’altro no: delle vere perle, a mio avviso, per seguire il follow-up, ovvero il metodo base usato in medicina e in molte scienze, quando si desidera staccarsi dagli annunci e dalle filosofie e portarsi sul terreno della dura realtà che non è mai indulgente verso chi potrebbe tentare scorciatoie nella pratica delle proprie ricerche.

Ecco, secondo me oggi si parla pochissimo di metodo, indipendentemente se si studiano i paralleli di declinazione, la parte di fortuna e di morte o l’Astrologia Medioevale.
E, sempre a mio parere, questo è gravissimo perché continua a lasciare la maggior parte di noi in quel campo, idealmente recintato da un filo spinato mentale, in cui tanti nostri avversari, a ragione, vorrebbero che stessimo per tutta la vita.

Concludendo — e se accetti un consiglio — ti suggerirei, se vuoi continuare su questa o su altre strade di ricerca, di elaborare un protocollo operativo preciso e scritto a monte e poi di pubblicare, in ogni dettaglio, ogni singolo step della tua sperimentazione, evitando soprattutto le autocertificazioni che in campo statistico e anche nel caso del metodo del follow-up non hanno alcun valore.


Una buona giornata anche a te.






P.S. Non comprendo per quale motivo non mi giungano più le notifiche quando qualcuno lascia un commento in questo spazio, eppure il relativo settaggio è presente nelle impostazioni della pagina: qualcuno sa dirmi il perché? 







A proposito di un nuovo Corso di Astrologia Attiva, a Milano, il prossimo autunno. 

Rispondendo a chi mi ha chiesto in proposito, confermo che ho quasi deciso per il sì e sto solo valutando alcune situazioni dal punto di vista logistico prima di fare l’annuncio ufficiale dello stesso.
Penso di ripetere, per grandi linee, quanto già fatto, con mia soddisfazione, lo scorso autunno, sempre qui a Milano.
Il corso, dunque, quasi sicuramente, si articolerà in 5 intense domeniche, dal mattino al pomeriggio tardi, con sede da definire, tra ottobre e dicembre 2018.
Unica importante novità di quest’anno dovrebbe essere quella che tale corso sarà di Livello Superiore nell’Astrologia Attiva e dunque dedicato a chi già pratica da tempo tale segmento dell’Arte di Urania, a cominciare dai nostri owners (soprattutto i colleghi più esperti, i professionisti del settore, chi tiene corsi in materia, ecc.).
Ai partecipanti sarà rilasciato un attestato nominativo di frequenza firmato dal sottoscritto.
Questa pagina potrà essere un punto di riferimento preciso per gli aggiornamenti del caso.

Buona giornata a Tutti.












Milano, Gay Pride 2018, gioioso e senza incidenti, come nella tradizione. Partendo dalla stazione centrale, oltre 200.000 persone hanno sfilato per la città. 
Foto di Ciro Discepolo.










































Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla perché potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia:


http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 


For Everybody. 
It is not an important news, but I invite you to read it because it can explain, to someone, the why of a certain noise leading that disturbs, from a few years, the astrology: http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 


Buona Giornata a Tutti.






Tutto il materiale contenuto in questo blog, testi, grafici e foto, rigo per rigo, è coperto da Copyright. È vietata ogni riproduzione parziale o totale senza previa autorizzazione dell’owner.


Per vedere bene i grafici zodiacali e le foto, occorre cliccarci sopra: si ingrandiranno.To see well a graph, click on it and it will enlarge itself. Passando il puntatore del mouse su di un grafico, leggerete, in basso a destra dello schermo, il nome della località consigliata. Se ciò non dovesse avvenire, vi consiglio di usare come browser Chrome di Google che è gratuito e, a mio avviso, il migliore.Where it will be my birthday?
Passing the mouse pointer on a graph, you will read, in low to the right of the screen, the name of the recommended place. If this didn't have to happen, I recommend you to use as browser Chrome of Google that is free and, in my opinion, the best.



A che ora sarà il mio compleanno? (At what time I will have my Solar Return?): http://www.cirodiscepolo.it/inetpub/vvrot/oroscopi/rsmirata.asp


Qual è l’Indice di Pericolosità del mio Anno? CALCULATE, FREE, YOUR 
INDEX OF RISK FOR THE YEAR (as explained in the book Transits and Solar Returns, Ricerca ’90 Publisher, pages 397-399): http://www.cirodiscepolo.it/inetpub/oroscopi_net/free/formnascitam.asp?oroscopo=Punteggio


Quanto vale il mio rapporto di coppia?


Test Your Couple Compatibility
http://www.cirodiscepolo.it/inetpub/oroscopi_net/coppia_free/coppia1.asp 



Una bibliografia quasi completa di Ciro Discepolo:

An almost complete bibliography of Ciro Discepolo: 
http://www.amazon.com/Ciro-Discepolo/e/B003DC8JOQ/ref=sr_ntt_srch_lnk_1?qid=1407665052&sr=






Posta un commento