giovedì 19 febbraio 2009

Di nuovo su Aladino con Google Earth


Circa un mese fa, quando Pino Valente lanciò l’idea di far funzionare assieme Aladino e Google Earth, sia a lui che a me e al dr. Briganti che poi realizzò la cosa, ci sembrava quasi che stessimo parlando di fantascienza…
E invece… la cosa è già stata realizzata e utilizzata da molti con grande soddisfazione. Passammo, così, a una seconda parte del progetto e ci dicemmo che quest’altra era davvero impossibile: partire dalla cartina di Google Earth e, individuando un punto sulla stessa, anche a ingrandimenti enormi, far agire automaticamente Aladino con il grafico di RSM per il soggetto in esame. Cioè procedere in senso inverso, da Google Earth verso Aladino. Stefano Briganti analizzò la questione e pensò fosse pressoché impossibile ottenere risultati in tale direzione. Pensammo, allora, di tentare una strada più soft: passare da Google Map ad Aladino. Ieri ci siamo tornati sopra e, discutendone, forse abbiamo avuto un paio di idee che stiamo sviluppando e che potrebbero condurci alla soluzione tecnica del problema. Non mi sento di promettervi nulla, ma forse abbiamo imboccato una seconda strada giusta e, se questa si dimostrerà tale, in poco tempo avremo un ulteriore add-in gratuito per Aladino! Ciò, confesso, mi sembra sempre più fantascienza, ma evidentemente le mie ultime RSM mi stanno aiutando oltre ogni più rosea aspettativa. Vi terrò aggiornati.

Per Antonella. No, mi hai frainteso: io volevo dire esattamente il contrario e implicitamente dichiaravo che, a mio avviso, ti sottovaluti. Tu sei in grado di fare previsioni giuste esattamente come me, o quasi come me (dato che io ho molta più esperienza sul campo). Il primo punto, a mio avviso, per essere in grado di redigere previsioni attendibili è utilizzare un metodo preciso, fatto di regole ferree e non di concetti vaghi e sempre diversi, caso per caso. Tu queste regole le conosci. Sai come sia possibile incastrare tra loro i transiti, le RS, le RL, le RT e hai a disposizione anche la possibilità di utilizzare algoritmi eccezionali come quello di AstralDetector, valido per l’astrologia individuale come per lo studio dell’andamento della borsa: il resto, penso, non sia difficilissimo. Allora lanciati e ragiona molto, con la tua testa, senza chiedere consiglio ai media. Rileggiti cosa scrissi a proposito di quell’articolo di Repubblica in prima pagina, a fine gennaio scorso, e della quasi contemporanea intervista di Massimo D’Alema: io definii queste cose “meravigliose”, nel senso della loro lettura politica. In quelle tracce c’era già scritto tutto e bastava solo fare due+due+due…
E non dimenticare che per situazioni come quelle di Walter Veltroni siamo abbastanza tranquilli sulle località dei loro compleanni perché i telegiornali nazionali li seguono anche quando vanno alla toilette.

Per Pasquale Iacuvelle. Non ci sono, purtroppo, registrazioni video-audio di quell’incontro straordinario e storico di Vico Equense: tutte le relazioni furono pubblicate, ma non il dibattito tra i presenti. Qualcuno, però, presente allora, potrebbe avere registrato e se è così è pregato di farsi vivo.

Buon pomeriggio a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento