giovedì 26 febbraio 2009

Quella “bomba” del documentario Zeitgeist


Ringrazio Pino Valente di avermi segnalato questo film che si può scaricare gratuitamente in rete. Esso viene presentato così:

Zeitgeist, the Movie è un web film non profit del 2007 prodotto da Peter Joseph; è uscito in lingua inglese sottotitolato in diverse lingue, tra cui l'italiano. Il film è un documentario diviso in tre parti:
Zeitgeist tenta di far luce su:1) sull'origine delle religioni, in particolar modo sul cristianesimo e di come queste siano sin dai tempi più remoti efficienti sistemi di controllo sociale. 2) Le stragi dell'11 settembre, la creazione del nuovo "mito" moderno del terrorismo, la paura come strumento di controllo delle masse. 3) Le attività delle banche centrali e dei grossi finanzieri che controllano i nostri soldi, il nostro futuro, un'elite che promuove guerre e crisi.


A mio avviso è molto interessante e dovrebbero vederlo tutti. Non sono certissimo sulla fedeltà delle fonti e qui mi piacerebbe che qualche studioso, soprattutto di religioni antichissime, come la brava collega Clara Negri, mi dicesse la sua. Nella prima parte del documentario (in inglese e con sottotitoli in italiano) si afferma che in diverse religioni antichissime e sparse per il mondo vi sono tratti assolutamente simili: un messia nato il 25 dicembre, capace di operare miracoli tra cui quello di trasformare l’acqua in vino, morto e resuscitato dopo tre giorni, nato da una vergine il cui nome iniziava con la lettera M e così continuando. Ecco, se già questo primo elemento fosse verificato, il documentario sarebbe una piccola bomba atomica. Sul fatto che la religione antichissima fosse tutta intrisa di astrologia, beh, questa non è certamente una novità e il documentario, tuttavia, si dilunga moltissimo sulla questione della precessione degli equinozi, sull’uso del numero 12 e su molte altre cose ancora. A colleghi più bravi in campo astronomico, come Luciano Drusetta, chiederei di controllare alcune affermazioni. Quelle, per esempio, sulle ragioni della nascita di Cristo e degli altri messia che dovrebbe avvenire, per motivi astrologici, il 25 dicembre: quando alcune stelle a forma di croce sembrano allineate e particolarmente luminose viste dalla Terra. Ma anche una seconda spiegazione da verificare assai attentamente: “Al solstizio d’inverno, generalmente, il 22 di dicembre, il Sole muore, nel senso che è al suo punto più basso nel cielo (e questo lo sappiamo tutti). Quindi, visto dalla Terra, è come se restasse immobile, per poi riprendere il proprio moto tre giorni dopo (“risorse tre giorni dopo la sua morte”).
Il documentario è ricchissimo di informazioni del genere che sarebbe molto meglio poter consultare su di un libro e non inseguendo un filmato…, ma non mi risulta esista una versione cartacea di ciò.
La seconda parte del documentario è tutta dedicata al “complotto”: quello degli USA nei confronti del Mondo e allo scopo di impossessarsi del mondo intero. Personalmente ho sempre creduto al fatto che Pearl Harbour sia stato voluto dagli americani e sul fatto che le banche siano, per lo più, delle micidiali lobby di potere che hanno voluto e continuano a volere ogni tipo di guerra per poter speculare, anche questo – penso – lo sanno perfino i bambini delle scuole elementari. Per i motivi che ho più volte ribadito non credo al complotto nel caso dell’11 settembre, ma strage in più, strage in meno, la sostanza non cambia.
Il filo conduttore di questo documentario da non perdere è: “Non fatevi imbrogliare: dalla Chiesa, dai Governi, dal Potere e soprattutto dalle Banche!”.
Guardatelo tutti e, se potete, contribuite a fargli le pulci. La prima ve la suggerisco io. Nel corso del documentario ci si chiede perché “… Cristo (e altri messia) sia nato il 25 dicembre e non a Pasqua, all’equinozio di primavera”. Sappiamo tutti che Pasqua molto raramente può capitare all’equinozio di primavera e questo banale errore mi fa chiedere quanti altri errori Zeitgeist possa contenere.

Per Paola. Va bene Istanbul. In gamba!

Buona serata a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento