martedì 18 ottobre 2011

Apocalypse Now Redux by Francis Ford Coppola (English)











































As all fictional journeys also the one of captain Willard (Martin Sheen), on a special mission from Saigon to a military base on the border with Cambodia, metaphorically suggests another. He was ordered to go up the Mekong in enemy territory to an outpost controlled by colonel Kurtz (a superb Marlon Brando) who had apparently gone mad and is fighting a war of his own. The big metallic barge of captain Willard, green beret like Kurtz and killer of the army, goes up along a dirty and stinky river that moves like a poisonous snake into the bowels of a jungle/hell, always hot and humid, almost always beaten by very violent and endless rains, covered with unhealthy miasmas that are confused with the fog, with the ever present gasses, with the pungent smoke of the American bombs, with the remains of the napalm, a smog that continuously changes color, but that veers almost always towards blood red.

The analogy is as powerful as quite obvious to trace: the track of the United States of America in that great tragedy that was, for the Vietnamese and for the Americans, a disaster of a whole epoch, of generations that came out of it mutilated in the flesh, but most of all in the spirit.

Vietnam was probably one of the greatest errors in the entire history of the United States, an error that cost the life of a President who wanted stop it and to his Senator brother who wished to follow his footsteps.

From the point of view of cinematographic representation Francis Ford Coppola filmed, probably, the most extraordinary ten minutes or so in the movie history. This is also the topic scene of the movie: the fanatic colonel Kilgore (Robert Duvall) is preparing, with his 9th chivalry (heavy bombing helicopters) to attack a Vietnamese village. It is a few minutes before the sunrise and he is about to order the swarm of helicopters to appear to the Vietnamese from the same direction of the rising sun. In the village, shrouded in a silent calm, many kids, women and old people are visible.

The trumpeter sounds the charge in the same way that we saw many times in John Wayne’s movies; colonel Kilgore is in a hurry because soon after quickly settling this matter he is awaited for his daily morning surfing.
The dark grey steel birds take off, in attack formation, and the commandant orders to play The Ride of the Valkyries by Richard Wagner very loud because, he thinks, Charlie (thus all the US Army called the Vietcong) will be scared to death when he hears these notes.
A few minutes of death and of total destruction follow: a frightening massacre in which the DTS uncompressed sound of the 2001 remastered version and now finally in Blue-ray, hits you directly in your stomach, together with the screams of children, the low frequency rumble of the bombs that explode everywhere, the hiss of light and heavy machine-guns in a scene that, as I was saying, is horrible for what it represents, but it is – at the same time – one of the highest moments in the history of cinema of all times and of all countries.
By radio colonel Kilgore orders some fighters to drop a lot of napalm very close to the village where there is an enemy mortar hidden in the bush.

The scene is like Apocalypse, indeed (actually all the movie seems to be the scenario of Dante’s hell).
It is important to remember, at this point, on a strictly technical level, that these Blue-ray operations, where the most precious part of the movie is exactly the uncompressed sound that takes the greatest part of the 25 GBytes available on the support, are only for the original version with subtitles in languages different from English.
The film goes on along this similar hell circle without end until the boat of the protagonist, as if it were driven by a gigantic and poisonous tenia that is the river, but also Vietnam in the Americans’ vision, finally arrives to its destination. You have to note that in all the feature film we never see a single Vietcong.
Here we find a colonel Kurtz that is probably demented and who lives rounded from many primitives decimated by malaria and by the more and more numerous death executions wanted from himself for the most incredible reasons.
He lives like a god among savages, with no military uniforms, surrounded from a bible and other holy books of different religions.
He meets captain Willard knowing that he will be his killer. He speaks to him for a long time about war, about the horrors that he saw, about the horrors that also him wanted and ordered. It is his own spiritual delirium. He orders to torture his captive.
Later he releases him and remains to wait for the death that is arriving, as all The Godfather’s massacres, contemporarily to sacral rites that are happening in that moment (in the village, in this case).
Colonel Kurtz will be defeated by machete blows just like the beef that the indigenous are sacrificing a few meters from there.
Then the captain killer of the special services abandons the place followed by the gaze of the presents who recognize the new god in him.
The end is different from the first edition of the movie made in 1970. I have read on the Internet that some scenes have been added like the one of the “playmates” (original) that prostitute themselves into a shattered helicopter for scatterbrained and insane American soldiers. Apparently there were also added some scenes of the meeting with the proud and wealthy French colonists that did not want to abandon the location, but my memory is strong and sizing and I remember it still by still.
However the entire movie is longer, in the new Blue-ray version, and reaches the duration of three hours and twenty-two minutes.
We absolutely have to mark the excellent photography of Vittorio Storaro and the intelligent use of music, some success USA pieces of those years in some topic moments of the story.
Francis Ford Coppola was born in Detroit, MI, on April 7th 1939, at 1.38 am.
In his Natal Chart the presence of Venus and Jupiter in the second House (the great cinematographic success) and Mars dominant, closed to the Capricorn Ascendant are very important: this film, and the fantastic saga of The Godfather, expresses a very high tentative, surely reached, to explain by Capricorn coldness the absurdity of violence and of evil, in all the appearances in which they present themselves.


Segment of the movie with the village attack:




http://www.youtube.com/watch?v=ZpvLCptAHT8



Ciro Discepolo






E ora vorrei tornare sull'argomento che vi ho proposto ieri nel blog con cui vi chiedevo di esprimervi a mezzo di due domande:


- Volete provare a scrivere un breve identikit dei teppisti violenti che conoscete?
- Può un teppista picchiatore di poliziotti aspirare a diventare astrologo?




Ringrazio tutti quelli che hanno commentato e mi piacerebbe che il discorso non terminasse qui. Vorrei leggere pareri illuminati di tutti i blogger: casalinghe, meccanici, operai, giuristi, scrittori, giornalisti, scienziati, psicologi, sociologi, docenti, ecc.



Da parte mia non vorrei partire da "Dei delitti e delle pene" di Cesare Beccaria e neanche da "Delitto e castigo" di Fëdor Michajlovič Dostoevskij, ma probabilmente una puntatina al celeberrimo "Arancia meccanica" di Stanley Kubrick, 1971 (tratto dall'omonimo romanzo di Anthony Burgess) la dovremo prevedere.


Vorrei anche sottolineare che pur ritenendo giuste le osservazioni di katia, il soggetto di questa discussione, oggi, non è il Male, ma questo specifico tipo di Male.



Credo che il disprezzo della società, tutta, dopo gli efferati fatti di Roma dell'altro pomeriggio sia totale e senza riserve: chi parte da casa programmando perfino l'uccisione di uno o più poliziotti non può contare su indulgenze di alcun genere, se non tra i gruppi estremisti di quelli che una volta erano Prima Linea, Brigate Rosse, Ordine Nuovo et similia.
Di qui la necessità, innanzitutto di cambiare il capo di accusa da omicidio colposo (se ci fosse scappato il morto) in omicidio premeditato.
In casi come questo credo si registri una convergenza trasversale di ogni appartenenza politica e ideologica tendente a stabilire che per una una simile feccia umana vada chiusa la cella e gettata via la chiave.




Un punto importante è, infatti, emerso dai dibattiti generali dei media: quale trattamento per i criminali e per quelli particolarmente bestiali (per i miei Lettori, a evitare di doverlo scrivere ogni volta, personalmente amo gli animali, ma l'uso di questo termine, in tali contesti di scrittura, va inteso in senso dantesco, anche per tutto il futuro, breve o lungo, che mi riguarda).


Ero quasi certo della sostanza della risposta di Danila Madau Perra: il suo non è un buonismo di facciata e se dice "poverini!" ella ci crede veramente e fa parte, del tutto legittimamente, di quella folta schiera di persone che, se un ragazzo o una ragazza massacrano l'intera famiglia con centinaia di coltellate, inflitte anche ai fratellini e perfino negli occhi, si preoccupano immediatamente di due cose: di ottenere, pochi minuti dopo la strage, il perdono dei sopravvissuti a tale strage e si preoccupano che un pool di psicologi si rechi subito a sostenere, notte e giorno, gli assassini affinché non abbiano a soffrire per quanto hanno fatto.


Anche su questo vorrei sentire il vostro parere. Sì, perché se noi stabiliamo che ci siano sempre delle cause scatenanti eccezionali, allora, a mio parere, dovremmo anche abolire ogni forma di pena detentiva.


Ora, non volendo passare per quei casi di Paesi del mondo dove si applica la pena di morte e la si applica perfino ai minori, e senza proporre un modello punitivo del tipo di Arancia meccanica dove la violenza del singolo viene sostituita dalla violenza dello Stato, credo di essere più vicino al pensiero di un Paolo Crepet (all'inizio non comprendevo cosa volesse dire) che sostiene l'inconsistenza del raptus quale fattore fondamentale dei crimini e ammette (questo punto credo sia fondamentale) l'esistenza di base del Male in un essere umano, cosa che tutti i buonisti di facciata vorrebbero negare.

Però noi siamo astrologi e siamo in grado di vedere, attraverso il tema natale di un soggetto, se questi è un malvagio o un uomo che ha colpito per errore.


Devo dire che nella breve carrellata di commenti ricevuti, mi sento più vicino alle posizioni dure espresse da qualcuno che al perdono evangelico che dovrebbe lavare tutti i peccati del mondo.
Devo registrare, tuttavia, che nessuno ha risposto (credo) alle mie due domande.
Anche se questi fatti ci indignano molto come cittadini, qui siamo prima astrologi e poi uomini della strada e allora vi invito nuovamente, e spero ci torneremo ancora nei prossimi giorni, innanzitutto a tracciare un identikit delle persone violente che conoscete e poi a rispondere alla seconda domanda: 


- Può un teppista picchiatore di poliziotti aspirare a diventare astrologo?



Io vi dico brevemente la mia, ma vorrei che vi esprimeste in tanti.


Sono del parere che questo tipo di delinquente (un teppista che picchia i poliziotti) sia un mix innanzitutto di grande ignoranza e mancanza di cultura (soggetti che non hanno mai letto un solo libro nella loro vita o che ne hanno sfogliato qualcuno). Sono convinto, inoltre, che nel cielo di simili bestie ci siano altri due fattori fondamentali: una intelligenza bassissima (astrologicamente si può misurare) e elementi di cattiveria pura, assai vicina a quella delle bestie dantesche.
Relativamente all'altra domanda mi trovo assai vicino, come pensiero, a ciò che ha scritto Emilio+  (scusate ma i post sono tantissimi e in questo momento non ricordo), credo, e cioè che anche un teppista picchiatore di poliziotti può essere interessato all'Astrologia, ma non potrà mai essere un astrologo anche se si scoprisse che ha amici tra chi rilascia diplomi di autocertificazione in questa disciplina.



Spero di leggere ancora molti vostri commenti e ora, per oggi, mi fermo qui su tale argomento perché ho da rispondere a tante vostre lettere. Grazie.















Cara Pina, Barcellona non mi sembra per niente una buona meta dato che Saturno non è soltanto in 12^ Casa, ma è molto vicino all'Ascendente e questo lo rende assai più potente, in negativo. Inoltre la tua rilocazione su Londra presenta sì Giove al Discendente, ma quasi all'identico grado anche Saturno. 
Per i tuoi goal vedo molto meglio Istanbul dove Venere in IV ti può aiutare molto a vendere la casa e un magnifico Giove in cuspide 5^/6^ Casa ti protegge per i figli, l'amore, il sesso, la salute, il lavoro, i rapporti di lavoro... Molti auguri. 
















Benvenuta Barbara da Tempio Pausania!


Una buona, non eccellente, ASR per te, per il prossimo compleanno può essere a Sitia, Creta, Grecia (guarda il grafico). La Venere in prima vicina all'Ascendente, ma non tanto da funzionare in 12^ Casa e Giove in 11^ ti possono aiutare non poco. Purtroppo la nostra scelta è stata limitata moltissimo dall'impossibilità di far cadere Marte e Saturno nella stessa Casa. Fai attenzione a quel Sole in seconda perché potrebbero essere più i soldi in uscita che quelli in entrata. Penso che per la ASR 2012 non potremmo fare di meglio. Molti auguri. 
















Per Patrizio da Orvieto. Con molta simpatia anche da parte mia.

















Caro Numero Cinque, per togliere l'Ascendente dalla 12^ Casa di Carla e lasciare il Sole in 6^, aggiungendo un Giove in 12^, potrei dirti Durban, Sud Africa, ma ti ingannerei perché nella mia esperienza un Sole in 6^ vale esattamente come un Ascendente in 12^. Mi spiace, davvero. 
















Per Lella, per Angelino59 e per Francesca Babette. Confermo tutto su Petropavlovsk. Quando io andai lì era impossibile mangiare nell'hotel, seppure confortevole. Oggi c'è perfino Internet. Cerca il volo con l'Aeroflot da Roma o da Milano e dovresti spendere circa quello che ti ha scritto Lella, ma non fare l'errore di prenotare il volo: acquistalo direttamente, magari attraverso organizzazioni tipo Opodo o simili e fatti un'assicurazione sul biglietto, se dovessero raddoppiare il costo dopo che lo hai acquistato. Tanti auguri. 















Benvenuto Luka dalla Slovenia!


Naturalmente secondo certi nostri colleghi espertissimi in Solar Returns tutto quello che hai scritto lo hai solo sognato perché la 12^ Casa sarebbe meravigliosa (nella loro mente)...
Ma lasciamo perdere e pensiamo al tuo prossimo compleanno assai difficile perché la notevole vicinanza di Marte e di Saturno ci impone di dover posizionare la stessa soltanto in 3^ o in 9^ Casa. Allora il mio consiglio è per questa località del Québec. Il Sole ha oltre tre gradi di distanza dalla cuspide 12^. Nel peggiore dei casi, avresti un feedback assai importante sul tuo orario di nascita. Se, invece, esso è davvero preciso, ti piazzerai Venere e Giove in X Casa, non da poco! Molti auguri.





















Caro Simone, rifletti sulla bellezza del tuo lavoro. Non sei per strada, operi in un negozio di musica!, sei fuori dalle faide di molti posti di lavoro dove le rivalità prevalgono, hai un datore di lavoro che mi sembra una persona per bene... Guarda a tutti questi lati positivi. 


















Per Barbara che chiede

Volevo chiedere al maestro se andando alle latitudini altissime era possibile riuscire a mettere una venere o un giove a cavallo tra 3 case.
grazie
barbara



Sì, è possibile, ma sarebbe come giocare alla roulette russa dato che su tale argomento la nostra esperienza è quasi zero (tranne un solo caso, quello di Tomaso, ma si trattò di un "incidente" nella scelta dell'hotel da parte sua...). 

















E per Perla di Firenze che ci scrive in chiusura di blog:

NO non credo che un teppista, e bada non lo chiamo manifestante bensì teppista, possa divenire astrologo perchè in lui scorgo rabbia e spregio e mancanza di valori mentre l'astrologo conosce i valore insiti in ogni pianeta ed aspetto e si sforza di comprendere e migliorare ove possibile quindi di evolvere. Come vedi siano agli antipodi trai due!
Buona giornata a tutti...Perla



Sono d'accordo con te. La vocazione a fare gli astrologi è parte della vocazione ad aiutare l'umanità e quale umanità può avere un teppista del tipo di quelli che si sono prima nascosti il volto e poi hanno tentato di uccidere ragazzi e padri di famiglia che si sono comportati al massimo della correttezza?





Spero di non dimenticare nulla. Avevo un altro argomento importante da segnalare, ma salta perché il blog di oggi è stato particolarmente impegnativo per me. Grazie. 
















Ricevo e pubblico volentieri:

Gent.mo Sig. Ciro Discepolo,
segnalo a Lei ed ai Suoi collaboratori, il sito di LULU.com, ove è stato pubblicato il mio libro a carattere Archeoastronomico intitolato: "L'Era della Sacra Sfinge"
Nella speranza di farle cosa gradita, mi permetto di allegare il link di riferimanto:
Il contenuto del libro è molteplice e grafici e diagrammi originali, su DVD, furono trasmessi, a suo tempo, a diverse Istituzioni Nazionali ed anche al dipartimento di Arheologia dell'Università di Cambridge. In questa primaedizione redatta con spirito divulgativo, si è fatto il possibile per migliorarne l'intelligibilità. L'argomento è assai complesso ed assolutamente inaspettato! Ho ritenuto giusto farLe avere questo riferimento editoriale, visto i molteplici riferimenti alla Geofisica, Fisica - Fisica Nucleare, Chimica e Astronomia.
Grato per l'attenzione nella speranza di non essere stato indiscreto, cordialmente La saluto,
Pier Luigi Tenci

















For all. This is not an important piece of news but I ask you to read it anyhow because it will explain, to some, the background noise which has been disturbing Astrology for some years (Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla in quanto potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia. Appena avrò un po’ di tempo, creerò altri tre o quattro blog per altre persone su cui vi state ponendo delle domande):





















Buona Giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
MyGoogleProfile

17 commenti:

angelino59 ha detto...

Un caro Grazie a Te Ciro, Francesca e Lella per i vostri preziosi consigli.
SI il volo l'ho trovato a circa 1000 euro partenza da Roma!
Grazie ancora
Angelino59

Ludovico Bramanti ha detto...

Caro Ciro, provo a rispondere alle tue due domande. Non l'avevo fatto finora perchè non ho conosciuto teppisti violenti e perchè pensavo che la seconda fosse una domanda retorica...ma..
Per quanto riguarda la prima, pur non avendo avuto esperienza diretta di teppisti violenti, ho conosciuto, negli anni del liceo (anni '70) tanti fanatici, di destra e di sinistra, qualcuno anche armato. Non so se si siano anche macchiati di violenze, però avevano più o meno tutti in comune una cosa: stupida ignoranza coperta di ideologismo (che è poi una tautologia, poiché l'ideologia chiaramente serve a coprire l'inconsistenza mentale). Quindi, astrologicamente, probabilmente, si trattava di soggetti con Nettuno dominante, o Plutone (paranoici, spesso), aspetti Marte-Nettuno ecc., nevrosi varie canalizzate in maniera marziana.
Per quanto riguarda la possibilità che un teppista picchiatore di poliziotti diventi astrologo direi che è impossibile. Non tanto per motivi buonistici (anche se ovviamente un sincero interesse, non aggressivo, per gli altri è necessario), quanto, soprattutto, perchè per far l'astrologo credo che serva prima di tutto una MENTE LUCIDA. Così come per fare lo psicologo bisogna essere in grado di NON proiettare sull'altro i propri problemi, per far l'astrologo, al di là della complessa competenza tecnica necessaria (non proprio alla portata di tutte le menti), serve lucido distacco, capacità di analisi e sintesi psicologica, esperienza di modi di essere disparati. Una delle cose più interessanti che ho imparato facendo astrologia è che a questo mondo esiste la gente più disparata, sessuomani e asessuati, deprivati cronici e persone solari, sognatori felici e avidi insaziabili ecc. ecc., quasi tutti quanti convinti che il resto dell'umanità tenda a pensare, sentire e vivere allo stesso modo.
Per capire una struttura psicologica con quei pochi simboli che abbiamo a disposizione serve tanto cervello, cultura ampia e disparata, ma soprattutto equilibrio interiore, per evitare l'errore fondamentale, che è quello della proiezione. E come potrebbe fare un teppista picchiatore, che inevitabilmente sarà un fanatico ignorante aggressivo a disporre di questi requisiti ?

gabri ha detto...

Il discorso sui teppisti e sulla malvagità delle giornate drammatiche di Roma è davvero ampio ma cercherò di essere sintetico. Credo che gli avvenimenti della capitale siano stati pilotati dalla politica stessa, e purtroppo questo pensiero mi accompagna spesso in questo tipo di manifestazioni. Nel contesto in cui ci troviamo, il periodo storico-politico, la crisi economica (anch'essa manovrata dai potenti)porta di conseguenza ad una facile manipolazione di persone che per un euro farebbe qualsiasi cosa, tra queste manifestare brutalmente. Sono state bruciate macchine di poco valore e/o sicuramente automobili con copertura totale da parte delle assicurazioni sull'incendio e gli atti vandalici. Il governo ha avuto di nuovo la fiducia? Be' bisognava far finta che a qualcuno interessasse di questa nuova fiducia, bisognava far credere alla gente che esiste una vera opposizione, bisognava far credere che esiste una possibilità di poter cambiare le cose...come? Trovando gente poco intelligente e senza valori che potesse fare disastri nella capitale illudendoci che questo intervento aiuti a modificare lo scenario politico poco incoraggiante. Cosa succederá ora? Nulla, ci saranno probabilmente finti arresti, persone pagate da chi di dovere per fare gli imbecilli e tutto ritornerà come sempre. Sapete quando tutto cambierà? Quando la gente normale come noi arriverà a un punto di non ritorno....aprendo scenari politici con caratteristiche somiglianti ad una pseudo guerra civile! Rispondendo alla domanda se un teppista può fare l'astrologo, credo di essere abbastanza in linea con il resto dei commenti degli altri bloggers, ossia credo difficile che una persona che arrivi a sfasciare case, auto e persone possa avere la visione,la sensibilità, lo spirito umanistico e l'intelligenza per aiutare la gente. Questo in ottica del bene.. Però in un'ottica malvagia potrebbe esistere qualcuno che possiede un'anima talmente portata e devota al male che per raggiungere lo scopo di distruzione imparerebbe ogni virgola dell'astrologia, così come un Hitler che conosceva in modo maniacale tutto il mondo ebreo......

Anonimo ha detto...

Alla prima tua domanda:
non ho mai conosciuto un teppista violento al livello dei black block di Roma. Una volta ho conosciuto a un corso di yoga/meditazione una ragazza di sinistra che diceva di essere andata a tirare le pietre contro il giornalista e saggista Pansa, alla presentazione di un suo libro. Quello che mi ha stupito è che nonostante l'estrema violenza di un'azione come quella, lei si considerava una pacifista !
Non riesco a fare un'identikit preciso e completo, ma posso dire che secondo la percezione di persone come quelle, la loro violenza è sempre giustificata.
Nel libro “I cicli planetari” Barbault parla di una plutonizzazione dell'Europa, a partire dal '68 in poi: il nichilismo, l'abbruttimento della musica, la moda dark e la rivolta senza causa dei giovani.
Dareios

Anonimo ha detto...

Grazie mille Signor Discepolo, ora studierò per bene la località che mi ha indicato ed avrò tutto il tempo per prenotare ed andarci, la saluto cordialmente, è stato veramente gentile!

Barbara da Tempio Pausania

Roby Casbarra ha detto...

Caro Ciro cari amici, vado a cercare di rispondere alle domande.
Per quanto riguarda quella per cui un teppista possa aspirare a diventare un astrologo rispondo che lo trovo molto ma molto difficile ed ora vi spiego il perché. Una persona studia ed applica questa meravigliosa materia per tante nobili motivazioni e fra queste troviamo l'aiutare se stesso ed aiutare gli altri.Ora vi chiedo, venisse ipoteticamente il vostro peggior nemico riuscireste a licenziare una RSM che invece di migliorare vada a danneggiare questo consultante? Bene, io proprio non ci riuscirei....per me l'astrologo deve essere propositivo al miglioramento ed a combattere le varie insidie che la vita ci propone giornalmente.
Bene, pensate che un teppista possa tornare a casa, mettere via la spranga che ha usato poche ore prima per distruggere una vettura delle forze dell'ordine, mettersi a sedere e ricevere un consultante cercando magari di aiutarlo a migliorarsi? Secondo me non è possibile e facendo ricorso a tutto l'ottimismo e buonismo di cui dispongo, posso al massimo affermare, che con la sua volontà e dopo tanto studio, riflessione ed analisi possa aspirare a migliorarsi....ma le possibilità sono scarse a parer mio!
E'lampante che stiamo vivendo tutti un momento difficoltoso a livello generale, ma le soluzioni non sono la violenza, che porta solo violenza e manco la ricerca dell'anarchia che non ha mai funzionato, non perché lo dico io che sono l'ultimo ma perché lo dice la storia.
Non ho conosciuto molti delinquenti teppisti ma quei pochi che mi affiorano alla mente oltre ad essere veramente ignoranti, avevano tutti la caratteristica di pensare che l'unica possibilità per esser "grandi e potenti" era la forza e la violenza e la sottomissione del prossimo....(nettuno dominante, aspetti dissonanti luna-nettuno, marte-nettuno???) E' facile dire sono un indignato, così non va bene....ma io non ho sentito che questi propongano delle soluzioni e delle vie percorribili per il miglioramento....affermano solo che così non và.
Noi che seguiamo l'astrologia attiva invece siamo per migliorarci anche e soprattutto come consapevolezza di noi stessi...che è forse il più grande regalo che l'arte di Urania ci concede.

Roby Casbarra

Alessandro ha detto...

salve, volevo chiedere al maestro se uno stellium in 8° casa nella RL è da considerarsi negativo come avviene nelle RS o indica soltanto una fuoriuscita di denaro cospicua.
grazie,
Alessandro

VANIA DRUSCOVICH ha detto...

Il teppista si esprime – se così vogliamo dire – in una logica di gruppo: è all’interno del gruppo che fa brillare la sua visione della vita che si concretizza in un “noi contro gli altri” indiscriminato (proprio perché privo della capacità di discernere) e violento.
Piccola digressione e poi torno alla questione astrologica.
Ho letto di recente la trilogia di Vadim Zeland sul Transurfing e devo dire che il capitolo relativo al funzionamento dei “pendoli” (chi lo ha letto sa di cosa parlo) è estremamente illuminante sulla visione delle logiche che si scatenano all’interno dei gruppi: in pratica il modello teorizzato dal fisico russo descrive come qualsiasi gruppo che ha un credo (nel nostro caso potrebbe essere la violenza tout court e la distruzione vandalica) genera una “struttura energetica di informazione”, direttamente proporzionale al sostegno mentale ed emotivo che ogni singolo membro gli offre (inconsapevolmente). Si viene così a creare un enorme pendolo energetico la cui frequenza di oscillazione entra in risonanza con la logica del gruppo, e, a partire da questo punto il pendolo diventa proporzionalmente sempre più potente, fino a che in pratica toglie ai propri sostenitori la capacità di pensare autonomamente e assoggetta a sé l’azione dei propri adepti, che agiscono come fossero sostenuti da fili invisibili. Per chi ha voglia di addentrarsi in questi meandri, consiglio vivamente la lettura di Zeland in quanto l’autore propone una serie di scenari particolarmente intriganti che possono diventare buoni strumenti di lettura della realtà.
Tornando ai teppisti violenti, i pianeti che associo di getto sono un Marte o un Plutone importanti, magari lesi, magari in settima (violenza sugli altri o comunque di cose/beni pubblici, e senso civico distorto) o anche un saturno bersagliato da tutte le parti, oppure un’abbinata di forti valori Ariete e Capricorno. Questa del Capricorno potrebbe anche riconnettersi alla mancanza di valori lunari e venusiani, cioè alla famosa radice o meglio ferita affettivo/emotiva che può ricondurre ad un bisogno d’amore non soddisfatto nella primissima parte della vita. Non sottovaluterei nemmeno una Vergine importante, data la sua naturale predisposizione a sottomettersi alle logiche di gruppo. A questo punto una mia carissima amica, il cui nome ometto, potrebbe sentirsi parzialmente presa in causa in quanto sembra, dico sembra, avere alcune, dico alcune, delle risposte al quesito che poni: aquario turbato da importanti valori di 6^ casa, con una congiunzione di plutone e urano in vergine (dove c’è pure, per fortuna almeno non congiunto, marte) in opposizione a saturno in settima; la luna in capricorno in 6^ le dona quel tocco di totale insensibilità alle faccende emotive, il che le fa trattare le questioni della vita esclusivamente da un punto di vista “tecnico/opportunistico”. Il tutto mediato da un forte interesse rivolto alle arti marziane (fit boxing, frecce, spade), giusto per tenere allenato il suo spirito battagliero. Qui viene il bello: si è attivamente interessata di astrologia per circa un paio di anni, dimostrando un’intelligenza veramente acuta, direi chirurgica.
Ma per concludere, le differenze che ritengo quasi incolmabili tra le due figure di teppista e astrologo sono secondo me da attribuire al fatto che l’astrologo non fa di solito azione di gruppo così smaccata, opera da solo perché deve pensare, connettere, interpretare, calcolare, osservare ascoltare, collegare, ripescare dal suo bacino di esperienza casi trattati, insomma come hai più volte detto tu, caro Ciro, deve comporre una specie di opera d’arte il cui scopo è quello di indagare la personalità umana. E’ un fascino che il teppista violento non ha gli strumenti per cogliere, e francamente se ne frega di cogliere, la sua “libido” – ma non so se uso correttamente questo termine – è orientata all’azione distruttiva e provocatoria più che alla osservazione priva di giudizio che è propria dell’astrologo.
Dio mio che tardi, vado a preparare la cena, buona serata, Vania

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Come detto precedentemente, la cattiveria segue diverse strade e non sempre si manifesta attraverso una forma di violenza fisica; ma troviamo quasi un'infinità di possibilità d'espressione. Abbiamo per esempio che un pericoloso criminale potrà studiare l'astrologia per i propri scopi machiavellici, magari per prevedere quale sarà il momento migliore per fare un colpo alla banca d'Italia. Altri la utilizzerebbero per manipolare il prossimo; abuserebbero della loro condizione "privilegiata" per soddisfare vizi, perversioni. L'astrologia è neutra come qualsiasi altra attività umana. E' sempre l'uomo che fa di ogni cosa uno strumento a vantaggio del prossimo, a vantaggio proprio o a svantaggio del prossimo. Le ricerche sul nucleare per esempio, non sono ne buone né cattive sino a quando l'uomo non decide cosa farne. Allo stesso modo abbiamo medici, psicologi che abusano della loro posizione per scopi sessuali. Potremmo mai dire che la nobile arte medica non può essere praticata da questi esseri spregevoli perchè solo i nobili possono praticarla? Le motivazioni che spingono a sceglier una certa professione non sono sempre quelle che vorremmo che fossero. Ovviamente sono medici in superficie, non nell'anima. E lo stesso vale per gli astrologi e qualsiasi altra categoria professionale

Non mi è mai capitato di subire violenza fisica, (a parte le scazzottate dell' infanzia) ma violenza psicologica sì. I tratti distintivi che ho riscontrato in questi soggetti sono: passione cieca nelle propria fede, un certo fare maniacale, presunzione, una condizione sociale frustrante (a causa per esempio di un handicap, una disabilità), problemi di relazione (a causa di contrasti famigliari). Il senso del giustizialismo è assai pronunciato; dunque ho trovato soggetti fortemente convinti di esser nel giusto (anche Hitler lo era). Altra caratteristica è quella che "il fine giustifica i mezzi": tutto è lecito pur di ottenere il proprio obbiettivo. Quindi grande motivazione guidata dalla frustrazione, dal bisogno di riscatto; intelligenza anche buona ma offuscata e che si appiglia su dettagli inutili; forte egocentrismo.

Anonimo ha detto...

Dear Ciro,
Pls assist me in understanding the SR of my female friend Tamar Basan who currently lives in Tel Aviv and was born in Istanbul, Turkey on May 19, 1953, at 09:40 AM...
I don't know how to understand the crowded MC area and the SR ASC in the HS 1 natally...
Thanks, Mordecai

Danila Madau Perra ha detto...

La persona violenta? Per me è qualcuno che ha tante cose da dire e le dice tutte insieme e a causa di ciò, molto male.
Quelle che ho conosciuto personalmente diventavano ancora più violente se si provava a fermarle.
Il tenero ritratto che mi fatto Ciro mi farebbe apparire che porto la veste della carità e che mi lancio a recuperare il cattivo e non a consolare la vittima… In realtà il mio è un calcolo costi benefici, umano, ma pur sempre un calcolo eminentemente pratico.
Vi domando: pensate a quando eravate furiosi, vi sentivate frustrati, offesi, arrabbiati.. Che cosa in quel momento poteva darvi sollievo e lenire quel torrente di emozioni? E i giorni, le settimane, i mesi prima, quando la frustrazione, l’offesa, la rabbia vi stavano salendo, cosa avrebbe potuto aiutarvi a non farle crescere? Avreste voluto qualcuno che vi trattenesse l’esplosione minacciandovi di ripercussioni, giudicandovi in virtù delle emozioni del momento o qualcuno che vi chiedeva: “Perché fai così? Che cos’hai?”.
Si potrebbe obiettare che noi non c’entriamo nulla con i teppisti di Roma e non ci sono paragoni. Per certi aspetti non potrei che sostenere tale considerazione ma in realtà delle due l’una: o ci sentiamo parte di un Tutto chiamato umanità o ce ne stiamo affacciati al balcone indignati a dire che con tale razza di .. non vogliamo avere nulla a che fare.
Io mi sento parte di un Tutto, voglio farne parte, solo così posso sperare in un miglioramento. Se così non fosse, se mi considerassi un individuo separato che potere avrei? Non potrei che dichiarare il mio dissenso e stare a guardare, con il senso di frustrazione di non poter intervenire.
L’umanità nella mia visione della Vita è un organismo vivente esattamente come il microcosmo uomo. Se qualcuno pensa che la soluzione migliore quando una parte del nostro corpo non funziona a dovere sia quello di usare la linea dura eliminando il pezzo difettoso può provare su di sé e poi dirci se è un metodo applicabile anche alle persone.
C’è un’idea distorta a mio avviso sul significato di perdono. Nell’immaginario di molti perdonare viene visualizzato come l’andare a far pace con il proprio “carnefice”. In realtà non è questo, non si esclude che la giustizia civile faccia il suo corso, che non ci sia un periodo di pena dove lo Stato si impegna a “recuperare” il colpevole.
“Il perdono libera l’anima” (vi ricordate le parole del sudafricano premio Nobel per la pace?) sì ma libera l’anima di chi perdona. Non permetterò a niente e nessuno di impadronirsi della mia mente, chiudermi il cuore, gelare i miei sensi, potrò rimanere chi sono, incontaminato da quella violenza, proprio grazie al perdono. Sono convinta che quando si capirà la convenienza di questo atto, diventerà uno sport assai praticato: ci sono talmente tanti vantaggi nel farlo da azzerare la fatica del riuscirci.
(continua)

Danila Madau Perra ha detto...

Se l’identikit richiesto invece era da riferirsi agli aspetti astrologici caratteristici da individuare sul Tema radix, io penso questo: in ognuno di noi esistono due facce della stessa medaglia, siamo tutti Dott. Jekyll e Mr Hyde, il difficile è stare in equilibrio tra i due estremi e concedersi il diritto di possedere entrambe gli aspetti. Qualche mese fa, rivedevo il film “Straw Dogs” (Cane di paglia, 1971) di Sam Peckinpah con un giovane Dustin Hoffman, la cui trama tratta proprio il tema della violenza efferata fatta e subita. Il messaggio del film è che non esiste nessuno al mondo che accetta sommessamente un destino senza mai reagire. E’ nella natura umana una forza brutale intensa che può uscire per motivi disparati: istinto di autodifesa, coraggio per un’idea, volontà di emergere, difesa del territorio, conquista di un territorio, ecc.
In quell’occasione diedi un’occhiata al Tema di nascita del regista e mi colpì profondamente. Un tema segnato da intensi valori dell’ottavo e dodicesimo segno con molti aspetti dissonanti che lui seppe esorcizzare almeno in parte attraverso la sua arte cinematografica. Io non conosco la vita privata di Peckinpah (21/2/1925 Fresno, California – 28/12/1984 Los Angeles), se fosse stato soggetto ad atti di violenza e perversioni, oltre, come è noto, al suo abusare di alcool e droghe. Un fatto è certo: la svolta che diede al cinema americano, che dopo di lui non fu più lo stesso, è, a mio avviso, dovuta ad una forza espressiva così originale che non poteva che venirgli da dentro.
Non tutte le potenziali violenze prendono fuoco, nel caso del regista statunitense sortirono nuove strade da percorrere: così, io penso, se un Mr Hyde sonnecchia in noi, saranno RS, RL, Transiti che ne indicheranno il risveglio.
Un caro saluto a Tutti.
Danila

Anonimo ha detto...

Caro Ciro,
sono Vania e due parole di riflessione sulla tua domanda le spendo pure io. Tento di essere schematico, benché la materia sia intricata e sfaccettata, e quindi difficilmente contornabile.
Io introduco l’elemento tempo, che potendo essere galantuomo, può fare del teppista di oggi un astrologo di domani. Magari, tra chi rompeva vetrine con estintori c’era pure qualcuno con il Sole congiunto alla Luna (come forse la protagonista del film post-apocalittico recensito l’altro ieri). Solo che ancora non lo sa, ci gira intorno, aspetta l’occasione – magari la provoca brutalmente - per dargli finalmente spazio. I motivi di un percorso così tortuoso non li possiamo sapere, però considero plausibile immaginare che esistano casi del genere.
Un inciso piccolo: quelle persone, se analizzate come gruppo, non possono che suscitare paura e ripulsa; nella migliore delle ipotesi sono tante solitudini che cercano un’identità collettiva cui appartenere, nella peggiore scambiano la realtà per un videogame di cui essere protagonisti. Ma se li si guarda uno a uno è, almeno per me, diverso. E qui comincia la speranza, per me fondata, che il teppista possa diventare astrologo, o perlomeno cercare e trovare il richiamo giusto per far risuonare ed esprimere le parole che gli sono sepolte dentro. Del resto, c’è chi sostiene che la scienza sia nata con i ladri di tombe! Disoccultare e decriptare, in questo senso, sono pratiche faticose, forse impure ma liberatrici.
Uno scrittore francese di nome Pierre Klossowski vent’anni fa ha grossomodo scritto che “terribile non è quando le anime siano totalmente abitate da qualche tipo di potenza, malevola o benevola che sia, ma quando invece queste anime sono inabitabili”. Un’anima, una psiche inabitabile non ha lo spazio e le condizioni apriori per riconoscere nemmeno la propria ignoranza, la può solo agire: passaggio all'atto direbbe la psicoanalisi.
Io ho conosciuto benissimo una persona, di famiglia bene, che tirava sassi allo stadio, menava programmaticamente e faceva branco. Ha però cercato un modo per recuperasi, aveva la lucetta della ragione che gli diceva che era mosso da un dolore profondo, che esorcizzava questo in modo primitivo, ha capito che i fili della sua storia non erano persi e col tempo si è rivelato una persona con una pelle sorprendentemente dolcissima. Non fa l’astrologo ma potrebbe essere degno di questo spazio.
Ciro, non pensi che gli astri possano farsi sentire meglio solo a certe condizioni o superate alcune condizioni? Non hanno anche loro i loro tempi per farsi sentire? Addirittura, ma senza generalizzare, non possono essere certa gesta infelici una disperata richiesta di un loro intervento?
Un abbraccio
Vania

Anonimo ha detto...

Grazie Ciro, andrò a Istanbul. Certo, marte in x, è un bel "mattone"... spero che non mi cada proprio sulla testa!!!!! Ah.. non ti scordare che.... io, paola e giovanni ti vogliamo bene. Buona notte "genio del mio cuore" Pina Grasso.

Anonimo ha detto...

Ciao caro Ciro,vorrei rispondere alla domanda:Può un teppista picchiatore di poliziotti aspirare a diventare astrologo?.Ma io penso che anche queste persone,possano sicuramente avvicinarsi all'astrologia,poi naturalmente ognuno di noi ha le proprie capacità.La domanda invece che mi faccio, e che rivolgo a tutti voi:se questi soggetti,imparerebbero i segreti di una materia come questa,facendosi da soli le proprie rivoluzioni solari mirate,mettendosi apposto ogni anno il proprio cielo,per non incorrere nei vari problemi(del resto come facciamo ognuno di noi ogni anno)che cosa succederebbe nel mondo? Naturalmente ci metto pure tutti i dittatori di oggi e del passato.Potrebbe essere un bel problema,o no?Speriamo che tutto questo rimanga sempre in mano a delle persone sagge e oneste.Un grosso abbraccio.Patrizio da Orvieto.

Eva ha detto...

Dear Ciro,
I need your advice with a solar return relocation for my friend Jeff, born 23 March 1954, at 18hr10m in Denver, Colorado, USA. Jeff has been very sick recently and my main concern with him is health. He is not getting along with people at work (this is nothing new for him), but last year we sent him to San Diego for his birthday and is health has been better plus he got some very good professional opportunities.

My concerns this year are: to protect his health is number one. To make sure that he gets along with his living partner (they just got into refinancing a home together) is number two, and or course, whatever extra perks we can add along the way it’s an extra bonus 

Here are my thoughts: Jeff lives in Oshkosh, WI, USA, now and is thinking of going to Stockholm, Sweden for his 2012 birthday. These two places are not good in my opinion. I don’t like that Moon/Uranus in 6, or the Saturn right on the Ascendant in Oshkosh. I don’t like Pluto right on the ASC or Saturn in 8 in Stockholm, and I am not sure about that stellium in the 2nd house…that might be more trouble than anything else?

I suggested that he spends his birthday in New York on his way to Europe. The conjunction of Jupiter/Venus on 6-7 cusp may protect his health and his partnertship, the stellium is moved to the 5th house (Jeff has no children), which might bring joy from his students, who are very important to him, and make him a popular teacher. Mars follows on 10th, which probably it’s not going to help to get along with his colleagues, but in my view that’s a minor evil for him compared to Mars in a more dangerous house. Saturn goes to the 12 though.

I would very much appreciate your views on this analysis and your suggestions for a better relocation for my friend who has been very, very sick recently (the transists of Pluto did not help many areas of his life).
As always, thank you very much for your kindness. Blessings to you.

Eva

Eva ha detto...

Thank you so much Ciro. So far there is no metastasis, and of course you saw right away that the biggest health issue last year, although not the only one, was cancer.

Eva