mercoledì 19 ottobre 2011

ASTRO&GEOGRAPHY Is Now Available On Amazon.com!








Space and time are the basis of all knowledge in Astrology. Anyone who thinks he can do without the first variable, has not really grasped the essence of Astrology.
Ciro Discepolo




Preface

By Ciro Discepolo 

Astrogeography probably represents, together with the Aimed Solar Returns and the Aimed Lunar Returns, the most objective and mathematically verifiable field of the entire Art of Urania. 

As with our other publications, in this short, yet exhaustive text also, we have adhered the following rule: an example is worth a thousand words. Here you’ll find many examples; probably all of them can be defined remarkable ones. These examples show in practice how true and verifiable by anyone is Astrogeography, a discipline whose readability, a priori and a posteriori, leaves people almost bewildered by what might be called its ‘scientific’ features. 

Astrogeography – but this may as well refer to all of Astrology – expresses the basic concept upon which our studies rely: namely, that everything that is born takes on the characteristics of the place and the moment of its birth. Therefore, if we apply the variable space to all the components of Astrology, we are able to experience at first-hand how the real things change depending on their geographic latitude and longitude. 

In this text you can also find the evidence that Astrogeography was already known to Girolamo Cardano, an Italian Renaissance astrologer; in fact, it is probable that this field of astrological knowledge was known even centuries before him. 

This volume lists all the astrogeographical positions that may be of interest, together with their explanations. They help you detect the best places on Earth that you can move to and achieve a successful career, monetary gain, love, health, and so on... 

You will also find detailed explanations about the so-called parans, which are so important in World Astrology. 

This volume is an extensively revised edition of the earlier Italian publication. It has been co-written by me and Andrea Rossetti, one of the best Italian astrologers, who has a great passion for this subject and has contributed more than me to this work, which I hope will be successful in its English version also. 



Naples, the 1st of August 2011 

Ciro Discepolo






Andrea Rossetti was born in Biella in 1962 and there he still lives and teaches literary subjects at a middle school. He graduated in pedagogy and classical letters (Latin and ancient Greek). He has also specialized in psychosomatic and handwriting psychology. For the past two years, he has been pursuing an intense study of the hieroglyphic script of ancient Egyptians, which still continues. He has studied astrology since 1977 and has written many articles on this subject for the magazine “Ricerca ’90” published by Ciro Discepolo. Besides the present book, co-written with Ciro Discepolo, he published in 1994, “Breve trattato sui transiti”, edited by Blue Diamond Publisher of Milan, in which an original system of “quantification” of the real power of the various transits has been elaborated. In 1997, he published “Transiti, Rivoluzioni Solari e Dasa Indù”, in which he explains the most effective interpretative techniques of Indian astrology, with a great number of examples that include many famous people. The example charts have been analyzed carefully and objectively, using both western methodology of transits and solar revolutions and the Hindu techniques, which have been explained in the first part of the book.













Ciro Discepolo

An astrologer, journalist and writer, he was born in Naples in 1948 (on the 17th of July, at 5:40 am)

He worked for twenty years at the most popular daily of Naples, Il Mattino, writing articles on science, medicine, informatics, literature and astrology. He always refused to cast the so-called 'horoscopes of the solar signs' for that newspaper and for any other newspaper or magazine.
He worked (at 20 years old) for five years at the CNR (National Research Council) as Researcher Helper and, for two years, as Electronic Measures Laboratory‘s head in the Istituto Motori of Naples, CNR.
He has been dealing with astrology since 1970. He has written over 65 books, most of them best-sellers in Italy as well as abroad (France, the United States of America, Spain, Germany, Hungary, Slovenia and Russia). He has published also about 750 Astrology lessons on YouTube. In 1990 he founded the quarterly Ricerca '90, which he's been directing since then.

He's been doing statistical researches from the very beginning of his interest in astrology.
At the beginning of the '90s, he obtained very brilliant results with researches on astral heredity on a sample of over 75,000 subjects.

He's been holding seminars, courses and lectures in different universities and cultural centres in Italy and abroad.
He particularly deals with Predictive Astrology and Aimed Solar Returns. According to many colleagues he may be considered the greatest living expert of this sector. In fact not only he wrote a dozen of texts on this specific segment of the "Art of Urania" - he can also rely on an experience of more than 20,000 aimed birthdays (covering the years 1970 to 2007) that he suggested, whose outcomes he collected at an interval of one year.

He developed extremely advanced software packages for the study of Predictive Astrology, also projecting an innovative algorithm which is particularly useful for the dating of events within one year for individuals or groups of people.

He is deeply interested in informatics. Astrologically speaking, he followed the school of André Barbault.
He founded the school of the Active Astrology.

For a Ciro Discepolo's Complete Bibliography see at here:

http://www.amazon.com/Ciro-Discepolo/e/B003DC8JOQ/ref=ntt_athr_dp_pel_pop_1



Enjoy it!












Caro Ciro, provo a rispondere alle tue due domande. Non l'avevo fatto finora perchè non ho conosciuto teppisti violenti e perchè pensavo che la seconda fosse una domanda retorica...ma..
Per quanto riguarda la prima, pur non avendo avuto esperienza diretta di teppisti violenti, ho conosciuto, negli anni del liceo (anni '70) tanti fanatici, di destra e di sinistra, qualcuno anche armato. Non so se si siano anche macchiati di violenze, però avevano più o meno tutti in comune una cosa: stupida ignoranza coperta di ideologismo (che è poi una tautologia, poiché l'ideologia chiaramente serve a coprire l'inconsistenza mentale). Quindi, astrologicamente, probabilmente, si trattava di soggetti con Nettuno dominante, o Plutone (paranoici, spesso), aspetti Marte-Nettuno ecc., nevrosi varie canalizzate in maniera marziana.
Per quanto riguarda la possibilità che un teppista picchiatore di poliziotti diventi astrologo direi che è impossibile. Non tanto per motivi buonistici (anche se ovviamente un sincero interesse, non aggressivo, per gli altri è necessario), quanto, soprattutto, perchè per far l'astrologo credo che serva prima di tutto una MENTE LUCIDA. Così come per fare lo psicologo bisogna essere in grado di NON proiettare sull'altro i propri problemi, per far l'astrologo, al di là della complessa competenza tecnica necessaria (non proprio alla portata di tutte le menti), serve lucido distacco, capacità di analisi e sintesi psicologica, esperienza di modi di essere disparati. Una delle cose più interessanti che ho imparato facendo astrologia è che a questo mondo esiste la gente più disparata, sessuomani e asessuati, deprivati cronici e persone solari, sognatori felici e avidi insaziabili ecc. ecc., quasi tutti quanti convinti che il resto dell'umanità tenda a pensare, sentire e vivere allo stesso modo.
Per capire una struttura psicologica con quei pochi simboli che abbiamo a disposizione serve tanto cervello, cultura ampia e disparata, ma soprattutto equilibrio interiore, per evitare l'errore fondamentale, che è quello della proiezione. E come potrebbe fare un teppista picchiatore, che inevitabilmente sarà un fanatico ignorante aggressivo a disporre di questi requisiti ?
Ludovico Bramanti




Il discorso sui teppisti e sulla malvagità delle giornate drammatiche di Roma è davvero ampio ma cercherò di essere sintetico. Credo che gli avvenimenti della capitale siano stati pilotati dalla politica stessa, e purtroppo questo pensiero mi accompagna spesso in questo tipo di manifestazioni. Nel contesto in cui ci troviamo, il periodo storico-politico, la crisi economica (anch'essa manovrata dai potenti)porta di conseguenza ad una facile manipolazione di persone che per un euro farebbe qualsiasi cosa, tra queste manifestare brutalmente. Sono state bruciate macchine di poco valore e/o sicuramente automobili con copertura totale da parte delle assicurazioni sull'incendio e gli atti vandalici. Il governo ha avuto di nuovo la fiducia? Be' bisognava far finta che a qualcuno interessasse di questa nuova fiducia, bisognava far credere alla gente che esiste una vera opposizione, bisognava far credere che esiste una possibilità di poter cambiare le cose...come? Trovando gente poco intelligente e senza valori che potesse fare disastri nella capitale illudendoci che questo intervento aiuti a modificare lo scenario politico poco incoraggiante. Cosa succederá ora? Nulla, ci saranno probabilmente finti arresti, persone pagate da chi di dovere per fare gli imbecilli e tutto ritornerà come sempre. Sapete quando tutto cambierà? Quando la gente normale come noi arriverà a un punto di non ritorno....aprendo scenari politici con caratteristiche somiglianti ad una pseudo guerra civile! Rispondendo alla domanda se un teppista può fare l'astrologo, credo di essere abbastanza in linea con il resto dei commenti degli altri bloggers, ossia credo difficile che una persona che arrivi a sfasciare case, auto e persone possa avere la visione,la sensibilità, lo spirito umanistico e l'intelligenza per aiutare la gente. Questo in ottica del bene.. Però in un'ottica malvagia potrebbe esistere qualcuno che possiede un'anima talmente portata e devota al male che per raggiungere lo scopo di distruzione imparerebbe ogni virgola dell'astrologia, così come un Hitler che conosceva in modo maniacale tutto il mondo ebreo......
Gabri



Alla prima tua domanda:
non ho mai conosciuto un teppista violento al livello dei black block di Roma. Una volta ho conosciuto a un corso di yoga/meditazione una ragazza di sinistra che diceva di essere andata a tirare le pietre contro il giornalista e saggista Pansa, alla presentazione di un suo libro. Quello che mi ha stupito è che nonostante l'estrema violenza di un'azione come quella, lei si considerava una pacifista !
Non riesco a fare un'identikit preciso e completo, ma posso dire che secondo la percezione di persone come quelle, la loro violenza è sempre giustificata.
Nel libro “I cicli planetari” Barbault parla di una plutonizzazione dell'Europa, a partire dal '68 in poi: il nichilismo, l'abbruttimento della musica, la moda dark e la rivolta senza causa dei giovani.

Dareios

Caro Ciro cari amici, vado a cercare di rispondere alle domande.
Per quanto riguarda quella per cui un teppista possa aspirare a diventare un astrologo rispondo che lo trovo molto ma molto difficile ed ora vi spiego il perché. Una persona studia ed applica questa meravigliosa materia per tante nobili motivazioni e fra queste troviamo l'aiutare se stesso ed aiutare gli altri.Ora vi chiedo, venisse ipoteticamente il vostro peggior nemico riuscireste a licenziare una RSM che invece di migliorare vada a danneggiare questo consultante? Bene, io proprio non ci riuscirei....per me l'astrologo deve essere propositivo al miglioramento ed a combattere le varie insidie che la vita ci propone giornalmente.
Bene, pensate che un teppista possa tornare a casa, mettere via la spranga che ha usato poche ore prima per distruggere una vettura delle forze dell'ordine, mettersi a sedere e ricevere un consultante cercando magari di aiutarlo a migliorarsi? Secondo me non è possibile e facendo ricorso a tutto l'ottimismo e buonismo di cui dispongo, posso al massimo affermare, che con la sua volontà e dopo tanto studio, riflessione ed analisi possa aspirare a migliorarsi....ma le possibilità sono scarse a parer mio!
E'lampante che stiamo vivendo tutti un momento difficoltoso a livello generale, ma le soluzioni non sono la violenza, che porta solo violenza e manco la ricerca dell'anarchia che non ha mai funzionato, non perché lo dico io che sono l'ultimo ma perché lo dice la storia.
Non ho conosciuto molti delinquenti teppisti ma quei pochi che mi affiorano alla mente oltre ad essere veramente ignoranti, avevano tutti la caratteristica di pensare che l'unica possibilità per esser "grandi e potenti" era la forza e la violenza e la sottomissione del prossimo....(nettuno dominante, aspetti dissonanti luna-nettuno, marte-nettuno???) E' facile dire sono un indignato, così non va bene....ma io non ho sentito che questi propongano delle soluzioni e delle vie percorribili per il miglioramento....affermano solo che così non và.
Noi che seguiamo l'astrologia attiva invece siamo per migliorarci anche e soprattutto come consapevolezza di noi stessi...che è forse il più grande regalo che l'arte di Urania ci concede.

Roby Casbarra


- Può un teppista picchiatore di poliziotti aspirare a diventare astrologo?
Secondo un grande studioso (Cumont) la filosofia stoica nacque dalla affermazione nel mondo ellenistico della dottrina astrologica. Il vecchio paganesimo fatto di ebbrezze e possessioni fu sostituito dall'estasi serena della conoscenza. Secondo gli stoici il saggio sa che ogni cosa è segnata dalle stelle e decide di adeguarsi al volere celeste, mentre le passioni sono solo un'interferenza, un'illusione.
Dunque, in base a questa visione delle cose, un teppista picchiatore di poliziotti non può appartenere alla schiera di coloro che amano la conoscenza superiore, in primis quella astrologica.

Voglio però porre un dubbio astrologico: e se nel tema natale di un individuo si avessero marte e nettuno particolarmente forti? magari congiunti ?
Non potrebbe un conoscitore dell'astrologia esorcizzare questa configurazione facendosi teppista picchiatore di poliziotti ?
Dareios



Ciao caro Ciro,vorrei rispondere alla domanda:Può un teppista picchiatore di poliziotti aspirare a diventare astrologo?.Ma io penso che anche queste persone,possano sicuramente avvicinarsi all'astrologia,poi naturalmente ognuno di noi ha le proprie capacità.La domanda invece che mi faccio, e che rivolgo a tutti voi:se questi soggetti,imparerebbero i segreti di una materia come questa,facendosi da soli le proprie rivoluzioni solari mirate,mettendosi apposto ogni anno il proprio cielo,per non incorrere nei vari problemi(del resto come facciamo ognuno di noi ogni anno)che cosa succederebbe nel mondo? Naturalmente ci metto pure tutti i dittatori di oggi e del passato.Potrebbe essere un bel problema,o no?Speriamo che tutto questo rimanga sempre in mano a delle persone sagge e oneste.Un grosso abbraccio.

Patrizio da Orvieto


Il teppista si esprime – se così vogliamo dire – in una logica di gruppo: è all’interno del gruppo che fa brillare la sua visione della vita che si concretizza in un “noi contro gli altri” indiscriminato (proprio perché privo della capacità di discernere) e violento.
Piccola digressione e poi torno alla questione astrologica.
Ho letto di recente la trilogia di Vadim Zeland sul Transurfing e devo dire che il capitolo relativo al funzionamento dei “pendoli” (chi lo ha letto sa di cosa parlo) è estremamente illuminante sulla visione delle logiche che si scatenano all’interno dei gruppi: in pratica il modello teorizzato dal fisico russo descrive come qualsiasi gruppo che ha un credo (nel nostro caso potrebbe essere la violenza tout court e la distruzione vandalica) genera una “struttura energetica di informazione”, direttamente proporzionale al sostegno mentale ed emotivo che ogni singolo membro gli offre (inconsapevolmente). Si viene così a creare un enorme pendolo energetico la cui frequenza di oscillazione entra in risonanza con la logica del gruppo, e, a partire da questo punto il pendolo diventa proporzionalmente sempre più potente, fino a che in pratica toglie ai propri sostenitori la capacità di pensare autonomamente e assoggetta a sé l’azione dei propri adepti, che agiscono come fossero sostenuti da fili invisibili. Per chi ha voglia di addentrarsi in questi meandri, consiglio vivamente la lettura di Zeland in quanto l’autore propone una serie di scenari particolarmente intriganti che possono diventare buoni strumenti di lettura della realtà.
Tornando ai teppisti violenti, i pianeti che associo di getto sono un Marte o un Plutone importanti, magari lesi, magari in settima (violenza sugli altri o comunque di cose/beni pubblici, e senso civico distorto) o anche un saturno bersagliato da tutte le parti, oppure un’abbinata di forti valori Ariete e Capricorno. Questa del Capricorno potrebbe anche riconnettersi alla mancanza di valori lunari e venusiani, cioè alla famosa radice o meglio ferita affettivo/emotiva che può ricondurre ad un bisogno d’amore non soddisfatto nella primissima parte della vita. Non sottovaluterei nemmeno una Vergine importante, data la sua naturale predisposizione a sottomettersi alle logiche di gruppo. A questo punto una mia carissima amica, il cui nome ometto, potrebbe sentirsi parzialmente presa in causa in quanto sembra, dico sembra, avere alcune, dico alcune, delle risposte al quesito che poni: aquario turbato da importanti valori di 6^ casa, con una congiunzione di plutone e urano in vergine (dove c’è pure, per fortuna almeno non congiunto, marte) in opposizione a saturno in settima; la luna in capricorno in 6^ le dona quel tocco di totale insensibilità alle faccende emotive, il che le fa trattare le questioni della vita esclusivamente da un punto di vista “tecnico/opportunistico”. Il tutto mediato da un forte interesse rivolto alle arti marziane (fit boxing, frecce, spade), giusto per tenere allenato il suo spirito battagliero. Qui viene il bello: si è attivamente interessata di astrologia per circa un paio di anni, dimostrando un’intelligenza veramente acuta, direi chirurgica.
Ma per concludere, le differenze che ritengo quasi incolmabili tra le due figure di teppista e astrologo sono secondo me da attribuire al fatto che l’astrologo non fa di solito azione di gruppo così smaccata, opera da solo perché deve pensare, connettere, interpretare, calcolare, osservare ascoltare, collegare, ripescare dal suo bacino di esperienza casi trattati, insomma come hai più volte detto tu, caro Ciro, deve comporre una specie di opera d’arte il cui scopo è quello di indagare la personalità umana. E’ un fascino che il teppista violento non ha gli strumenti per cogliere, e francamente se ne frega di cogliere, la sua “libido” – ma non so se uso correttamente questo termine – è orientata all’azione distruttiva e provocatoria più che alla osservazione priva di giudizio che è propria dell’astrologo.
Dio mio che tardi, vado a preparare la cena, buona serata,

Vania Druscovich



Come detto precedentemente, la cattiveria segue diverse strade e non sempre si manifesta attraverso una forma di violenza fisica; ma troviamo quasi un'infinità di possibilità d'espressione. Abbiamo per esempio che un pericoloso criminale potrà studiare l'astrologia per i propri scopi machiavellici, magari per prevedere quale sarà il momento migliore per fare un colpo alla banca d'Italia. Altri la utilizzerebbero per manipolare il prossimo; abuserebbero della loro condizione "privilegiata" per soddisfare vizi, perversioni. L'astrologia è neutra come qualsiasi altra attività umana. E' sempre l'uomo che fa di ogni cosa uno strumento a vantaggio del prossimo, a vantaggio proprio o a svantaggio del prossimo. Le ricerche sul nucleare per esempio, non sono ne buone né cattive sino a quando l'uomo non decide cosa farne. Allo stesso modo abbiamo medici, psicologi che abusano della loro posizione per scopi sessuali. Potremmo mai dire che la nobile arte medica non può essere praticata da questi esseri spregevoli perchè solo i nobili possono praticarla? Le motivazioni che spingono a sceglier una certa professione non sono sempre quelle che vorremmo che fossero. Ovviamente sono medici in superficie, non nell'anima. E lo stesso vale per gli astrologi e qualsiasi altra categoria professionale

Non mi è mai capitato di subire violenza fisica, (a parte le scazzottate dell' infanzia) ma violenza psicologica sì. I tratti distintivi che ho riscontrato in questi soggetti sono: passione cieca nelle propria fede, un certo fare maniacale, presunzione, una condizione sociale frustrante (a causa per esempio di un handicap, una disabilità), problemi di relazione (a causa di contrasti famigliari). Il senso del giustizialismo è assai pronunciato; dunque ho trovato soggetti fortemente convinti di esser nel giusto (anche Hitler lo era). Altra caratteristica è quella che "il fine giustifica i mezzi": tutto è lecito pur di ottenere il proprio obbiettivo. Quindi grande motivazione guidata dalla frustrazione, dal bisogno di riscatto; intelligenza anche buona ma offuscata e che si appiglia su dettagli inutili; forte egocentrismo.

Giuseppe Galeota Al Rami


Caro Ciro,
sono Vania e due parole di riflessione sulla tua domanda le spendo pure io. Tento di essere schematico, benché la materia sia intricata e sfaccettata, e quindi difficilmente contornabile.
Io introduco l’elemento tempo, che potendo essere galantuomo, può fare del teppista di oggi un astrologo di domani. Magari, tra chi rompeva vetrine con estintori c’era pure qualcuno con il Sole congiunto alla Luna (come forse la protagonista del film post-apocalittico recensito l’altro ieri). Solo che ancora non lo sa, ci gira intorno, aspetta l’occasione – magari la provoca brutalmente - per dargli finalmente spazio. I motivi di un percorso così tortuoso non li possiamo sapere, però considero plausibile immaginare che esistano casi del genere.
Un inciso piccolo: quelle persone, se analizzate come gruppo, non possono che suscitare paura e ripulsa; nella migliore delle ipotesi sono tante solitudini che cercano un’identità collettiva cui appartenere, nella peggiore scambiano la realtà per un videogame di cui essere protagonisti. Ma se li si guarda uno a uno è, almeno per me, diverso. E qui comincia la speranza, per me fondata, che il teppista possa diventare astrologo, o perlomeno cercare e trovare il richiamo giusto per far risuonare ed esprimere le parole che gli sono sepolte dentro. Del resto, c’è chi sostiene che la scienza sia nata con i ladri di tombe! Disoccultare e decriptare, in questo senso, sono pratiche faticose, forse impure ma liberatrici.
Uno scrittore francese di nome Pierre Klossowski vent’anni fa ha grossomodo scritto che “terribile non è quando le anime siano totalmente abitate da qualche tipo di potenza, malevola o benevola che sia, ma quando invece queste anime sono inabitabili”. Un’anima, una psiche inabitabile non ha lo spazio e le condizioni apriori per riconoscere nemmeno la propria ignoranza, la può solo agire: passaggio all'atto direbbe la psicoanalisi.
Io ho conosciuto benissimo una persona, di famiglia bene, che tirava sassi allo stadio, menava programmaticamente e faceva branco. Ha però cercato un modo per recuperasi, aveva la lucetta della ragione che gli diceva che era mosso da un dolore profondo, che esorcizzava questo in modo primitivo, ha capito che i fili della sua storia non erano persi e col tempo si è rivelato una persona con una pelle sorprendentemente dolcissima. Non fa l’astrologo ma potrebbe essere degno di questo spazio.
Ciro, non pensi che gli astri possano farsi sentire meglio solo a certe condizioni o superate alcune condizioni? Non hanno anche loro i loro tempi per farsi sentire? Addirittura, ma senza generalizzare, non possono essere certa gesta infelici una disperata richiesta di un loro intervento?
Un abbraccio

Vania



La persona violenta? Per me è qualcuno che ha tante cose da dire e le dice tutte insieme e a causa di ciò, molto male.
Quelle che ho conosciuto personalmente diventavano ancora più violente se si provava a fermarle.
Il tenero ritratto che mi fatto Ciro mi farebbe apparire che porto la veste della carità e che mi lancio a recuperare il cattivo e non a consolare la vittima… In realtà il mio è un calcolo costi benefici, umano, ma pur sempre un calcolo eminentemente pratico.
Vi domando: pensate a quando eravate furiosi, vi sentivate frustrati, offesi, arrabbiati.. Che cosa in quel momento poteva darvi sollievo e lenire quel torrente di emozioni? E i giorni, le settimane, i mesi prima, quando la frustrazione, l’offesa, la rabbia vi stavano salendo, cosa avrebbe potuto aiutarvi a non farle crescere? Avreste voluto qualcuno che vi trattenesse l’esplosione minacciandovi di ripercussioni, giudicandovi in virtù delle emozioni del momento o qualcuno che vi chiedeva: “Perché fai così? Che cos’hai?”.
Si potrebbe obiettare che noi non c’entriamo nulla con i teppisti di Roma e non ci sono paragoni. Per certi aspetti non potrei che sostenere tale considerazione ma in realtà delle due l’una: o ci sentiamo parte di un Tutto chiamato umanità o ce ne stiamo affacciati al balcone indignati a dire che con tale razza di .. non vogliamo avere nulla a che fare.
Io mi sento parte di un Tutto, voglio farne parte, solo così posso sperare in un miglioramento. Se così non fosse, se mi considerassi un individuo separato che potere avrei? Non potrei che dichiarare il mio dissenso e stare a guardare, con il senso di frustrazione di non poter intervenire.
L’umanità nella mia visione della Vita è un organismo vivente esattamente come il microcosmo uomo. Se qualcuno pensa che la soluzione migliore quando una parte del nostro corpo non funziona a dovere sia quello di usare la linea dura eliminando il pezzo difettoso può provare su di sé e poi dirci se è un metodo applicabile anche alle persone.
C’è un’idea distorta a mio avviso sul significato di perdono. Nell’immaginario di molti perdonare viene visualizzato come l’andare a far pace con il proprio “carnefice”. In realtà non è questo, non si esclude che la giustizia civile faccia il suo corso, che non ci sia un periodo di pena dove lo Stato si impegna a “recuperare” il colpevole.
“Il perdono libera l’anima” (vi ricordate le parole del sudafricano premio Nobel per la pace?) sì ma libera l’anima di chi perdona. Non permetterò a niente e nessuno di impadronirsi della mia mente, chiudermi il cuore, gelare i miei sensi, potrò rimanere chi sono, incontaminato da quella violenza, proprio grazie al perdono. Sono convinta che quando si capirà la convenienza di questo atto, diventerà uno sport assai praticato: ci sono talmente tanti vantaggi nel farlo da azzerare la fatica del riuscirci.
Se l’identikit richiesto invece era da riferirsi agli aspetti astrologici caratteristici da individuare sul Tema radix, io penso questo: in ognuno di noi esistono due facce della stessa medaglia, siamo tutti Dott. Jekyll e Mr Hyde, il difficile è stare in equilibrio tra i due estremi e concedersi il diritto di possedere entrambe gli aspetti. Qualche mese fa, rivedevo il film “Straw Dogs” (Cane di paglia, 1971) di Sam Peckinpah con un giovane Dustin Hoffman, la cui trama tratta proprio il tema della violenza efferata fatta e subita. Il messaggio del film è che non esiste nessuno al mondo che accetta sommessamente un destino senza mai reagire. E’ nella natura umana una forza brutale intensa che può uscire per motivi disparati: istinto di autodifesa, coraggio per un’idea, volontà di emergere, difesa del territorio, conquista di un territorio, ecc.
In quell’occasione diedi un’occhiata al Tema di nascita del regista e mi colpì profondamente. Un tema segnato da intensi valori dell’ottavo e dodicesimo segno con molti aspetti dissonanti che lui seppe esorcizzare almeno in parte attraverso la sua arte cinematografica. Io non conosco la vita privata di Peckinpah (21/2/1925 Fresno, California – 28/12/1984 Los Angeles), se fosse stato soggetto ad atti di violenza e perversioni, oltre, come è noto, al suo abusare di alcool e droghe. Un fatto è certo: la svolta che diede al cinema americano, che dopo di lui non fu più lo stesso, è, a mio avviso, dovuta ad una forza espressiva così originale che non poteva che venirgli da dentro.
Non tutte le potenziali violenze prendono fuoco, nel caso del regista statunitense sortirono nuove strade da percorrere: così, io penso, se un Mr Hyde sonnecchia in noi, saranno RS, RL, Transiti che ne indicheranno il risveglio.
Un caro saluto a Tutti.
Danila




 







Cari Amici,
grazie a Tutti per avere espresso, seppure nel pieno diritto delle più diverse opinioni, il vostro pensiero articolato sulle questioni che vi ho invitato a commentare ieri.
Credo che ogni posizione meriti rispetto e, chiaramente, non può esserci una risposta assoluta alle mie domande.
Tuttavia lasciatemi tenere aperto questo spazio perché io penso che l'argomento violenza ci riguarderà molto negli anni a venire e, in un sito dove si fa Astrologia, sono convinto che abbiamo quasi il dovere di occuparci di ciò approfonditamente.
Ringrazio Daieros che ci ha ricordato: "Nel libro I cicli planetari Barbault parla di una plutonizzazione dell'Europa, a partire dal '68 in poi: il nichilismo, l'abbrutimento della musica, la moda dark e la rivolta senza causa dei giovani".
Qualcuno tra voi avrà letto un mio scritto di uno-due mesi fa, su questo spazio o su di una mailing list statunitense. La tesi del mio scritto era pressappoco quella che oggi ci troviamo in un baratro terribile per la contemporanea azione di tre variabili: il picco negativo dell'Indice Ciclico Planetario, la diffusione su basi organizzate e strutturate della violenza e dei peggiori istinti animaleschi dell'uomo in relazione al passaggio di Plutone in Capricorno e il contemporaneo "intervento" periodico del Male in una visione molto vicina a quella del Demonio nella interpretazione junghiana delle Sacre Scritture, per esempio secondo quanto egli scrisse in "Risposta a Giobbe" (per adesso mi astengo dal commentare il film di David Cronenberg sul grande pensatore zurighese, ma esso sarà certamente oggetto di mie riflessioni più avanti).
In quello scritto, tra le altre cose, vi ricordavo l'episodio passato quasi sotto silenzio di quella pagina su Facebook in cui migliaia di persone si iscrivevano, con tanto di nome e di cognome, proponendosi di uccidere Silvio Berlusconi. Sono certo che su altre pagine avrebbero potuto fare lo stesso per Massimo D'Alema o per Barack Obama o per chicchessia. Ciò che è sconcertante, a mio avviso, è la quasi accettazione di un progetto così violento ed eversivo in una logica di quasi normalità del vivere quotidiano. Qualcuno sulla lista americana mi rispose: ma perché non è sempre stato così il mondo? No, che io sappia, il mondo non è mai stato così e oggi non assistiamo quasi più a confronti dialettici bensì a risse televisive dove non si confrontano persone con opinioni diverse, ma nemici che si urlano addosso insulti e minacce di ogni genere.
Qualcuno potrebbe ricordare, allora, la Rivoluzione Francese o il 1799 napoletano in cui, in pochi giorni, caddero la quasi totalità delle teste della nobiltà napoletana che corrispondeva anche alla cultura partenopea di quell'epoca (da quel giorno l'ingresso principale di Palazzo Serra di Cassano fu chiuso in segno di lutto e mai più riaperto). Si potrebbero aggiungere molti altri esempi, ma occorre notare una differenza enorme con questi moti che cambiarono il corso della storia: il sollevamento di piazza avveniva, molte volte, in maniera spontanea e sorretto da forti connotazioni ideologiche, mentre, come abbiamo visto in questi casi, sia che si parli di black bloc che di singoli picchiatori "che lavorano in proprio", non vi sono ideologie alla base e gli zaini vengono riempiti con sampietrini e spranghe di ferro prima di uscire di casa, poi vengono indossati caschi e fazzoletti sulla bocca e quindi inizia lo "sporco lavoro".
Scusate la premessa lunga che continua ancora per poche righe prima di giungere dove vorrei osservare ancora qualcosa sull'argomento in oggetto.
Lo scopo principale che ispirò Victor Hugo a scrivere quel grande capolavoro che è "I Miserabili" fu l'idea sconcertante e praticamente accettata da tutti che, ancora alla metà del XIX secolo, il condannato che avesse scontato la propria pena andava comunque rifiutato dalla società e respinto in un ghetto virtuale sempre più in fondo e sempre più fortemente finché l'ex galeotta di turno ritornasse nelle patrie galere dopo avere compiuto un nuovo crimine.
Il discorso sul recupero anche di un assassino, dopo che abbia pagato il proprio debito con la società, credo sia condiviso quasi da tutti, ma - penso - sia off topic rispetto alle domande dalle quali eravamo partiti.
Lo stesso vale - è sempre soltanto la mia opinione - per le articolate e sagge considerazioni di Danila e di Vania che introduce ancora un nuovo elemento non meno stimolante degli altri: il fattore tempo e la capacità, anche attraverso l'Astrologia Attiva, di indirizzare diversamente le energie di base di un teppista violento e picchiatore di poliziotti.
Ora, senza voler partire dall'alchimia o ancora prima e, pur volendo considerare in una logica di sociologia il valore grande che occorre dare a tutte le variabili in gioco ove l'Astrologia è soltanto una di esse, seppure la più importante, io penso che i simboli non siano acqua e così come non potremmo trasformare una natura apollinea ed angelica in dionisiaca, allo stesso modo sono convinto che il ferro non possa diventare oro, anche dopo innumerevoli trasformazioni alchemiche.
Conosciamo cosa dissero una volta i fratelli Cervi, partigiani e martiri della Libertà, quando dei loro compagni volevano giustiziare sbrigativamente dei fascisti (cito a memoria da un libro di cui non riesco a ritrovare le tracce): "No, perché farlo? Basta loro dare da leggere dei libri e potrebbero diventare come noi".
Ecco, questo discorso mi trova già più concorde.
Torniamo a ieri quando io e voi, almeno in parte, abbiamo tracciato un identikit di un teppista picchiatore di poliziotti:

- assenza quasi totale di cultura (mi rifiuto di credere che chi si sia nutrito con le più grandi opere della letteratura di tutti i tempi, passando per "Il fiore delle mille e una notte" e proseguendo con Dante, Shakespeare e fino a giungere a capolavori come "Addio alle armi" o "La montagna sacra" o "Cent'anni di solitudine" e l'elenco è lunghissimo, quasi interminabile) possa progettare di uscire di casa per andare a pestare dei poliziotti o chiunque altro.

- Intelligenza bassissima e che sia possibile certificare con sistemi assolutamente oggettivi come l'Astrologia.

- Una quota di cattiveria allo stato puro, come potrebbe essere una congiunzione Marte-Saturno o valori Scorpione se collegati alle altre variabili già indicate.

- Una possibile prova pesante subita nella vita che lo porta a odiare il prossimo in una cieca ricerca di rivalsa.


- La consapevolezza di essere un fallito e per di più senza speranze.




Se, per grossi tratti, potrebbe essere questo uno dei possibili identikit del teppista picchiatore di poliziotti, allora è vero che la Società dovrebbe agire per tentare un recupero, ma se i simboli non sono acqua, vi sembra mai possibile che fra tutti i percorsi possibili di riscatto e/o di redenzione ci possa essere, alla fine della strada, un'attività come quella dell'Astrologo che necessità, assolutamente, di un indirizzo caritatevole verso il prossimo, di un indirizzo della libido di tipo infermieristico-assistenziale? E perché pensare a un progetto simile? Non sarebbe molto più idoneo cercare di far diventare costui un fabbro o un meccanico che dia martellate pesantissime sul ferro per tutta la giornata? O anche un personal trainer di arti marziali? O un anatomo-patologo?
Perché, volendo usare un paradigma davvero esagerato e provocatorio e citando ancora Stanley Kubrick e il suo fantastico "Arancia meccanica" dovremmo giungere al paradosso di far trasformare i teppisti-violentatori del film in poliziotti (fasulli)?
Grazie per la pazienza e spero che non abbandonerete questo thread.

Ciro Discepolo














Auguri ad Angelino59 che anche grazie alle indicazioni di alcuni di noi ha trovato dei biglietti quattro volte meno cari per Petropavlovsk.














Per Alessandro che chiede:

salve, volevo chiedere al maestro se uno stellium in 8° casa nella RL è da considerarsi negativo come avviene nelle RS o indica soltanto una fuoriuscita di denaro cospicua.


I significati e l'interpretazione delle ALR sono identici a quelli delle ASR, con l'unica differenza che le forze in gioco sono molto differenti: in una Rivoluzione Solare uno stellium in ottava ti può far naufragare per sempre un rapporto matrimoniale, per esempio. Lo stesso item, nella Rivoluzione Lunare probabilmente ti farà litigare, violentemente, ma solo per un mese, con tua moglie.

















Dear Mordecai,  
these two parts of the ASR of Tamar are contemporarily acting and perhaps on different directions. The stellium near to the MC will bring many advantages of growth in the life of Tamar. Unfortunately this nice stellium won't be able to stop the negative effects of the Ascendant in her radix First House: health problems, in the body or mental, for example sorrows for misfortunes that concern brothers and sisters, male cousins and female cousins, uncles and aunts, brother-in-laws and sister-in-laws, male and female snephews. Best regards. 
















Welcome D.D. that writes:

I found out about you through the mountain astrologer advertisement. I was intrigued with your work, since I have also thought that planetary energies can be exercised. I have bought 3 of your books and looking foward to reading more. I am also an astrologer, but a novice compared to you. I have studied a bit of Horary, Hellenistic, traditional, Renaissance, and even a bit of astrological magic and talismans, but your book really felt like the fastest and simplest way of putting it all together. Thank you for writing a book on solar return that goes beyond the psychological aspect, and deals more with predictions. Not that I think there is anything wrong with the psychological part of astrology. I feel that your active astrology makes practical sense.
D.V. 


Welcome dear D.D.,  
I thank you for your words. Also I am not contrary to a psychological reading of the Solar Return, but I prefer a direct approach, practical, finalized immediately to realize concrete results and profits. Best wishes.

Ciro Discepolo


















Benvenuto Oreste da Siracusa!

Non essere così pessimista e tirati su altrimenti perché ti trovi in un blog di Astrologia Attiva?
La tua attuale situazione è data dall'AS in I Casa che ti sei preso in Italia: dicono che faccia crescere, ma nella mia esperienza fa crescere soprattutto la depressione.
Prova con un compleanno a Suva, Fidji, se il tuo orario è abbastanza esatto o di poco arrotondato per eccesso e dovrebbe giovarti non poco. Molti auguri.











I hope that I am not forgetting anything.




















For all. This is not an important piece of news but I ask you to read it anyhow because it will explain, to some, the background noise which has been disturbing Astrology for some years (Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla in quanto potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia. Appena avrò un po’ di tempo, creerò altri tre o quattro blog per altre persone su cui vi state ponendo delle domande):

http://tinyurl.com/4ve2ubk


















Buona Giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
MyGoogleProfile

14 commenti:

gabri ha detto...

Non ho voluto toccare troppo i simboli e gli astri nel mio commento poiché le mie basi astrologiche rispetto a chi è intervenuto sono piuttosto basse. Comunque vorrei aggiungere che qualcosa sui cicli planetari ho osservato e sono in linea con chi attribuisce questo momento delicato a livello mondiale con il passaggio di plutone in capricorno in aggiunta al fatto che sta facendo a botte con urano in ariete. Ora i significati intrinseci non li ho ancora studiati ma scolasticamente parlando mettendo insieme plutone=distruttore ad urano=imprevedibile rispettivamente in capricorno e in ariete è intuibile capire colpi di scena cruenti nel mondo dei potenti.

Anonimo ha detto...

Ciao Ciro

Complimenti per la nuova pubblicazione.
era un po' che per impegni di lavoro non passavo sul blog ed oggi ho visto la bella notizia del libro di astro geografia che attendevo da tempo. Ho già fatto l'ordine su Amazon.

Saluti a tutto il blog

Alessandro Franchi

catia ha detto...

carissimo Maestro,
complimenti per la pubblicazione! cercherò di leggerla tempestivamente in quanto l'argomento è assolutamente affascinante. Posso chiedere al maestro o ad altri che abbiano tempo di controllare una altra RSM che sto facendo per una amica. E' nata il 17 marzo 1965 alle ore 22 a Roma. Sto studiando la RSM per il 2012 ed avrei trovato Dunhuang in Cina. La mia amica vorrebbe ovviamente tutto (amore, lavoro ect), questa rsm ha una buona decima e quindi mi pare una buona soluzione. Mi date il vostro parere?

Sharon ha detto...

Buon pomeriggio a tutti. Sono molto indecisa su quali studi intraprendere il prossimo anno, visto che dopo il diploma mi piacerebbe continuare gli studi all'università. Per questo motivo ho bisogno di un suo consiglio. Sono nata il 15/05/1993 a Torino alle ore 7.10. In attesa di una sua risposta la ringrazio molto.
Sharon

Alberto Casale ha detto...

Salve, sono Alberto Casale, 05.12.1963, sto divorziando, senza figli e vivo felicemente con una compagna da 5 anni. Sono un libero professionista e come tutti patisco molto la crisi, mi occupo di attrezzature per la fisioterapia veterinaria.
Vorrei migliorare un po dopo aver avuto lutti e dispiaceri vari, spero in una serenità interiore. Mio fratello ha 9 anni più di me ed è l'ultimo familiare che ho, è malato di Halzeimer precoce ed è ormai in una struttura. Sono molto triste per questo, meno male che c'è la mia compagna. Aspetto tue notizie...

Anonimo ha detto...

Ciao Ciro,
sono rimasto molto colpito dalla tua interpretazione del TN di Emanuele Genovese: è evidente che per molti non è facile capire la propria strada professionale. Ti chiedo se per favore puoi darmi il tuo parere su quali professione sono più adatto a fare. Sono nato a Reggio Emilia il 17 giugno 1971, ore 17.45(mia madre giura alle 18.00, ma seguendo i tuoi libri e studiando le mie RS penso sia giusto l'orario delle 17.45). Nel mio tema vedo Sole in VIII, marte in III e un sesquiquadrato della luna al MC. Detto questo non riesco a sintetizzare da questi dati la mia vocazione più profonda.
Spero che potrai darmi un'interpretazione in merito.
Grazie
Dareios

Niko ha detto...

Un saluto a tutti, per Catia: la tua amica può scegliere Hong Kong con Giove-Venere in decima, Ascendente e stellium in nona.

Per Ciro: non ho avuto modo di rispondere al tuo quesito di ieri ma, in breve, non credo che un teppista possa mai occuparsi di Astrologia, considerando che quest'ultima è una disciplina che non ha assolutamente niente a che fare con la violenza! occorre una sensibilità d'animo non comune per occuparsi di quest'arte la quale non è alla portata di tutti; per quanto riguarda quello che è successo a Roma, si spera sempre che questi episodi non accadano mai, io personalmente non ho avuto mai a che fare con gente particolarmente pericolosa (ringraziando Dio), credo di esorcizzare abbastanza bene e penso anche che l'esorcizzazione del simbolo (la maggior parte delle volte, avvenga del tutto naturale).


Niko

Luigi Galli ha detto...

Cara Catia,
se l'orario di nascita della tua amica è giusto è meglio Krasnoyarsk, in Siberia.

pina ha detto...

volevo salutarla e dirle che molto probabilmente ci vedremo a dicembre,intanto il mio viaggio a Musat è stato bellissimo,tutto alla perfezione sono ritornata carica di energie positive,ma ecco che come dice lei la riv.non mente mai si stà facendo sentire il marte in 8,guasto di una certa importanza alla macchina ed altre cose di un certo rilievo economico ma anche cose positive che possono riguardare i rapporti con gli altri ,le volevo chiedere marte che sostera nella mia settima casa per molto tempo come si può leggere,avendo io un giove di riv. in settima?può essere utile anche il giove di transito che fà un trigono con la settima e con i pianeti che ho in settima?stò anche controllando le lunari,tutto da copione,uscita di soldi con stellium in ottava casa tra cui saturno,ma anche venere,la prossima la farò con asc,in 5 venere in 5 e giove in 7 mi devo aspettare un incontro piacevole?mi scuso se ne approfitto ma voglio imparare anche io,da ultimo le volevo dire che i grafici che lei consiglia non si leggono bene,e la cosa mi interessava perchè la riv era di un leone .con affetto Pina

Anonimo ha detto...

@ Niko ho letto nel tuo blog che Keplero considerava poco le case, ma che usava le rivoluzioni solari.
Ma come è possibile?
Non è una contraddizione?

Giovanni

Anonimo ha detto...

Buenas a todos
e' la terza volta che scrivo nel blog ma vedo che i miei post non arrivano..so che il mio pc e la linea internet e' un disastro e saturno in 3ª ci mette il suo....volevo brevemente rispondere alla domanda sul teppista -astrologo;a dire il vero non mi fa molta differenza chi usa la violenza palesemente e chi la agevola o finanzia con giacca e cravatta..abbiamo piu' condannati nel parlamento italiano che fuori..come astrologa ma soprattutto come astrologa attiva credo che ogni persona puo' attivare al meglio i suoi simboli e cambiare la sua vita.."semina un azione e raccogli un carattere,semina un carattere e raccogli un destino..quindi cambia l azione cambia il destino! Nella mia esperienza di astrologa ho avuto un caso di una persona fortemente plutonico-marziana e abbastanza arrabiata con la societa' , in carcere per un piccolo problema di spaccio di stupefacenti e aggressivita' accentuata anche in famiglia...da quando conobbe l astrologia la sua vita e' cambiata,laureato con il massimo dei voti e attualmente un grande scrittore di talento e giornalista di cronaca nera...
ho un'altra domanda in merito alle esorcizzazioni..e' possibile secondo voi che facendosi un ottima RSM e, quasi obbligandosi i giorni attorno il compleanno a fare cose abbastanza eccezionali, si possa esaurire il beneficio di tutto un anno di rivoluzione?
buona giornata a tutti con invito a vedere un altro film simbolo dell astrologia attiva..oltre Gattaca che consigliava Ciro ce' "i signori del destino"
http://www.youtube.com/watch?v=RiLWShJBjHg
interessante...
gabriella da barcelona

Alberto Casale ha detto...

Perbacco che sbadato.
Sono nato alle 06.30 del 05/12/1963 a Torino e qui risiedo tutt'ora.
Ti chiedo scusa e... un grosso grazie.
Alberto

Anonimo ha detto...

buon giorno caro maestro discepolo sono simone da Orvieto vorrei dirle che in questo lavoro ho tanta paura di sbagliare anche con le persone anziane che noi aiutiamo attraverso un servizio di Telesoccorso ma non mi sento pronto ad andare avanti se le mi può dare qualche consiglio caro maestro discepolo la ringrazio infinitamente simone

Pino067 ha detto...

Caro Ciro, molti complimenti a te e Andrea Rossetti per la nuova pubblicazione in inglese, sono sicuro che sarà molto apprezzata oltreoceano, come sta già avvenendo agli altri tuoi libri pubblicati negli Stati Uniti.
Ad maiora!