domenica 25 novembre 2007

Viaggio a Narsarssuaq

Questa è stata pubblicata su La Repubblica, con il permesso dell'interessato, un simpatico avvocato napoletano, di circa 65 anni. Costui non prendeva un aereo da oltre trent'anni ed era spaventato a morte di farlo. Inoltre non parlava lingue straniere e gli capita, in pieno febbraio, la Groenlandia (un volo alla settimana, da Copenaghen, e poi chiuso in una baracca per sette giorni con un cibo che non è proprio il massimo per un partenopeo abituato a saporitissimi piatti a base di pesce e alle deliziose pastiere napoletane di Gambrinus, senza parlare del caffè e della pizza unici al mondo). Costui parte con il terrore addosso, ma poi il viaggio lo ha fatto crescere moltissimo e ora ne ride. Giunge ad Amsterdam dove aveva l'aereo per Copenaghen e, per l'emozione, perde i biglietti per la tratta successiva. Non si sa come, riesce (con i gesti?) a farsi dare nuovi biglietti e corre nell'aeromobile mentre stanno già chiudendo le porte. Ha il fiatone, è stravolto e agitando i biglietti con una mano, chiede, quasi gridando: "Copenaghen, Copenaghen?". Davanti a lui un assistente di volo nerissimo e alto oltre due metri, comprende al volo la situazione e facendo la faccia più truce che gli riesca di fare, risponde: "No, Ruanda!". Il nostro avvocato fa marcia indietro e scappa come un siluro, inseguito da altre due assistenti di volo. Quando rientra in aereo trova l'uomo di colore steso sul pavimento, a pancia all'aria, che si torceva dalle risate. L'emozione, però, era stata troppo forte e il nostro giunge a Narsarssuaq con una cistite di chiara origine psicosomatica e febbre a 40° centigradi...
Ciro Discepolo
http://www.solarreturns.com/
http://www.cirodiscepolo.it/

1 commento:

Celeste ha detto...

Leggendo questo delizioso racconto,
ho ricordato il mio primo viaggio di RSM, peraltro molto fortunato per quanto ne riguarda la destinazione: le Isole Maldive.
Avevo trascorso un anno a dire poco disastroso: ero stata licenziata e non vedevo l'ombra di un incarico da un anno. Ero distrutta, preoccupata anche per i risvolti economici di questo problema e mii interrogavo: MA COSA HO IO CHE NON VA??? COSA STA SUCCEDENDO??? PERCHE' NON RIESCO A TROVARE UN INCARICO DI NESSUN TIPO???.
Non credevo all'astrologia ma ero talmente affranta che mi dissi: "vado dall'astrologo" come se fosse l'ultima spiaggia, una specie di modo per dire "vedrai che mica è colpa mia: ci sarà qualcosa che non va nelle alte sfere!!". E lo faccio senza dirlo a nessuno, con i sensi di colpa perchè mi pare un gesto da disperata.
Quando ci arrivo, L'Astrologo con la A maiuscola "mi becca" su tutto il mio tema natale...e mi dice che devo fare un viaggio alle Maldive per cambiare la posizione dei miei pianeti ecc ecc....

MA IO SONO AVIOFOBICA.

Al che serenamente l' Astrologo mi risponde: "Guardi, se resta qui si becca un nuovo ascendente di 12a casa e un anno identico a questo: non le conviene!"

Così, per farla breve, con la piu' ferma intenzione di evitare a tutti i costi un altro anno da incubo come quello appena trascorso vado a farmi prescrivere ii farmaci adatti,piango come come una fontana tanto che impietosisco un attonito amico che si prende un giorno di ferie e mi imbarca sull'aereo a calci ne didietro e... vado.
E ad oggi è il viaggio piu' bello che ho fatto.
Conservo non solo i ricordi meravigliosi dei luoghi che sono per me il massimo della bellezza e il tramite per raggiungere una pace contemplativa mai provata ma il ricordo della piu' intima e affettuosa festa di compleanno, organizzata a mia insaputa.
Al tavolo della cena, condiviso con altre amiche single come me, compare all'improvviso una bellissima torta con le candeline.
le luci si spengono e parte un applauso lunghissimo.
Sono scoppiata in un pianto commosso e mi è sembrato che per un attimo tutte le brutture dell'anno appena trascorso non esistessero piu'.
E intanto le mie compagne di viaggio mi abbracciavano contente.
Dopo aver offerto torta a tutti e aver festeggiato al chiaro di luna, stavo tornando al mio bungalow quando nel buio compare il mio addestratore di snorkeling con in mano una piccola scatolina fatta di foglie contenente una conchiglia trasformata in un ciondolo da portare al collo.
E con una semplicità disarmante
mi dice: "Questo è per festeggiare il tuo compleanno. E' un giorno importante perchè Dio ha voluto che tu fossi qui tra di noi e portassi il tuo sorriso su questa terra".
Credo sia stato il momento piu' bello della mia vita e non ho mai ricevuto un augurio tanto semplice quanto sincero.
Molti di voi conoscono bene l'astrologia:io ho marte in 4 casa radix e saturno in 7 casa radix opposto a venere in 1 casa..diciamo che i rapporti con gli altri e con la famiglia non sono teneri in generale...
Ma in quel momento ho avuto un sogno: "e se tutto questo potesse cambiare? almeno un po'?".....
Così è stato il mio primo viaggio di RSM.
Semplice e felice.
PS: ancora oggi ricevo gli auguri delle ragazze che ho incontrato là..ad altre latitudini e longitudini il nostro cuore ricorda momenti speciali.
A forza di RSM adesso non uso piu' farmaci per il panico, non sono piu' aviofobica e per quanto a voi sembri semplice, per me essere arrivata di recente a IRKUTSK vicino al lago BaiKal, da sola, è una soddisfazione immensa.
E ancora piu' bello è aver scoperto l'Astrologia Attiva, che come dice sempre il nostro maestro, è uno strumento insuperabile di emancipazione e crescita forse infinita.
Buon viaggio a tutti.