mercoledì 27 agosto 2008

Quasi una candelina


Quasi una candelina. Fra pochi mesi festeggeremo il primo compleanno di questo blog. Diversi amici e amiche che mi vogliono bene mi avevano sconsigliato di inaugurarlo. Devo dire che le loro perplessità erano legittime. Essi avevano previsto la presenza reiterata e fastidiosa di personaggi, non si sa bene se mandati o venuti per proprio conto, attivi ogni giorno al solo scopo di tentare di denigrare, insultare, calunniare. Questo lo sapevo già quando inaugurai tale spazio: la pochezza di certe persone è seconda solo alla loro ignoranza. Potremmo dire, usando una metafora, che non è possibile raccogliere un piccolo randagio per strada e portarlo a casa senza prendere con lui anche gl’insetti che ha addosso. Potrei redigere uno stupidario, con tanto di classifica dei primi posti, con tutte le affermazioni false e palesemente stupide e cattive di alcuni frequentatori del blog. Tuttavia farei torto alla maggioranza, ricordando solo poche persone che non meritano neanche di essere citate per il loro bassissimo grado evolutivo, e non celebrando le tantissime altre che hanno scritto righe o pagine davvero interessantissime di astrologia e di varia umanità in questo spazio virtuale.
Personalmente, in questo blog, come su Ricerca ’90 e in sede di convegni, continuo una tradizione che mi ha donato soddisfazioni enormi: abbiamo avuto il merito di scoprire studiosi che erano assoluti sconosciuti e a cui abbiamo pubblicato lavori importanti, senza chiedere loro chi fossero né da quale “scuderia” provenissero. Far parlare esordienti mai conosciuti ai nostri convegni, anche con relazioni estremamente contrarie all’Astrologia Attiva, ci ha permesso di scoprire dei talenti che oggi sono la maggioranza dei colleghi che stimiamo di più.
Il nostro blog viene seguito in diversi Paesi del mondo, anche se solo una piccolissima parte dei frequentatori posta i propri interventi pubblicamente.
Il blog sta avendo un successo grande, oltre ogni più rosea aspettativa e di ciò mi compiaccio con voi che lo costruite ogni giorno con me, con o senza l’azione di pochi patetici guastatori.

Caro Alberto B. mi chiedi il perché del punteggio dell’Indice di Pericolosità dell’Anno (credo per un tuo amico, anche se non lo specifichi): ma io non ho mai pubblicato l’algoritmo di questa mia ricerca perché è vero, come dice l’amico Van Wood, che per pochi euro (il costo di un libro) ho donato tutto il mio sapere, ma per pochissime cose, vivendo ancora in un Paese a regime liberal e non comunista, credo di avere ancora diritto a piccole quantità di proprietà privata.

Visto che stiamo “riaprendo” (in effetti non sono stato affatto in ozio in questo mese), vorrei tornare sull’argomento amore, sempre assai gettonato. Mi sono perso uno dei due interventi di H’nto e la prego di ripostarlo. Parlavamo di misteri d’amore e qui ho accennato a un algoritmo di cui non ho pubblicato la formula. Ma di un altro algoritmo, secondo me utilissimo, sapete tutto: quello sulla sinastria. Magari potremmo riprendere da qui.
Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento