venerdì 6 maggio 2022

Nessuna guerra nucleare totale. Nessuna fine del mondo. Per il momento.

 



Nessuna guerra nucleare totale. Nessuna fine del mondo. Per il momento.

 

Qualcuno mi ha chiesto di scrivere qualcosa relativamente alla guerra Russia-Ucraina.

Lo faccio mal volentieri perché odio ripetermi.

Partiamo da questo mio scritto che pubblicai su Facebook il 27 febbraio scorso (2022).

 

Ultra-teleobbiettivo e grandangolo

Nel 1972 vidi un paio di volte il film russo “Solaris” del regista Andrej Arsen'evič Tarkovskij, assai affascinante come storia (dal romanzo del polacco Stanisław Lem), ma pessimo come scenografie.

Recentemente fu realizzato un remake dello stesso con George Clooney.

Se ricordo bene, l’originale iniziava con una scena che mi colpì tantissimo. Non la ricordo in ogni particolare, ma nel suo contenuto principale: la macchina da presa inquadrava la testa di un’ape alle prese con il bulbo centrale di una margherita, o qualcosa del genere. L’utilizzo di un tele-obbiettivo esageratamente spinto, non ci permetteva neanche di vedere oltre la testa dell’insetto.

Poi la cinepresa faceva una lenta e lunghissima zoomata all’indietro e ci mostrava prima l’intera ape e il fiore, quindi la minuscola porzione di campagna dove avveniva ciò che il regista desiderava raccontarci, quindi, andando sempre più indietro, la macchina cinematografica permetteva al telespettatore di osservare un immenso campo di fiori, quindi una zona vasta di territorio, una città con i dintorni, una nazione intera, un continente e quindi, la Terra, il nostro sistema solare e sempre più all’indietro la galassia e una parte sempre più vasta di universo nel quale siamo anche noi.

Non credo ci siano intenzioni nascoste dietro questo originale inizio di racconto di Arsen'evič Tarkovskij che ci invita, in tutta evidenza, a usare il grandangolare, il più esagerato dei grandangolari se vogliamo tentare di avere una visione di insieme di ciò che abbiamo davanti agli occhi.

Ciò, a mio parere, è quanto sta accadendo ancora una volta oggi.

Fino a ieri tutti i telegiornali del mondo aprivano con inquadrature in primissimo piano di mascherine FFP2 sulla bocca e sul naso di persone per la strada, di viaggiatori in metropolitana, di clienti che entravano in un bar…

Poi di colpo tutto sparito e alla domanda retorica “Per quanti decenni durerà la pandemia?” e all’altrettanto retorico secondo quesito “Si tratterà della fine del mondo?”, oggi abbiamo sostituito le immagini dei carri-armati ex sovietici, ma sempre con il cuore sovietico, che stanno bombardando i poveri cittadini ucraini, con i russi che non sono Putin, e con nuove tantissime lacrime di sangue.

Anche qui i titoli di giornali, usando potentissimi tele-obbiettivi, ci parlano di guerre nucleari che sopraggiungeranno entro poche ore e di una nuova fine del mondo visibile già dietro l’angolo.

Io mi rifiuto di redigere previsioni su ciò perché le risposte le trovate già nel mio libro “Covid-19” pubblicato una decina di giorni fa e redatto a partire dal 1° febbraio 2020, ma un commento desidero farlo.

E ve lo rivolgo sotto forma di domanda: quanti di voi, sanno o ricordano, delle stragi etniche in Ruanda dove nei primi anni Novanta morirono circa un milione di persone negli scontri etnici tra hutu e tutsi?

E allora? Allora ciò significa che a moltissime persone manca una visione a mezzo di obbiettivo grandangolare.

 

Ecco. Ricordo che il mio motto principale, dall’inizio del mio percorso astrologico, è sempre stato: “Credo di più agli astri che agli uomini”. E tale frase viene ripetuta spessissimo anche da miei allievi che però dimenticano di citare la fonte.

Dunque, anche se da un giorno all’altro i media hanno smesso di bombardarci, H24, sulla catastrofe imminente del genere umano a mezzo Covid-19 e ci hanno proiettati, all’istante, nella “imminente e probabile guerra nucleare totale e conseguente fine del mondo per il conflitto Russia-Ucraina”, la mia previsione non può cambiare: l’Indice Ciclico Planetario sta crescendo e questo significa che il mondo sta viaggiando verso un altro dei suoi periodi di espansione soprattutto economica che in nessun modo può essere rapportato a una ipotetica guerra nucleare totale e tantomeno alla fine del mondo.

 

E qualcuno: “Ma non li vedi i bambini che piangono?”.

Certo e, credo da persona sensibile come tante, ne soffro maledettamente.

Come soffro anche quando vedo qualcuno lasciare un cane, a Ferragosto, in una piazzola autostradale.

Ma cosa c’entra questo con l’aritmetica?

Le mie previsioni, a livello mondiale, le ho già scritte in tanti libri ed articoli, dove spiegai anche perché ero convinto che la contingenza appena passata avrebbe riguardato soprattutto una brusca impennata di molti milioni di morti per cancro: come potete leggere nel mio libro “Covid-19”1, l’impennata, negli anni della forte flessione dell’ICP, c’è stata ed è quantizzabile in un aumento brusco di circa il 50% di milioni di morti all’anno, in più, per tale tremenda malattia: reso graficamente, tale dato, si può esprimere con un segnale quasi “a gradino” anziché con una curva esponenziale.

Ora stiamo risalendo e dunque, al di là della volontà dei “padroni del vapore” nelle cui mani, poche, è attualmente tutto il potere dei media, non vi è e non vi sarà alcuna distruzione del pianeta che ci ospita.

Le mie preoccupazioni a livello mondiale sono tante, ma le vedo soprattutto connesse a qualcosa che è sotto gli occhi di tutti: l’ineludibile, purtroppo, lenta distruzione della nostra navicella spaziale per cause ecologiche, a cominciare dal mancato controllo delle emissioni nocive e delle temperature che stanno rendendo il nostro mondo invivibile.

Ma non quest’anno o i prossimi a venire.

Ne riparleremo (di grandi crisi mondiali), grosso modo, tra il 2029 e il 2035.

 

Nota:

È di questi giorni un altro nuovo e strano balletto di notizie contrastanti.

Da una parte vediamo come il virologo Massimo Galli affermi che il numero dei morti conteggiati “per Covid” sia stato assai gonfiato da chi di dovere e dall’altra l’OMS dica, a dispetto di tutte le curve presentate dai massimi istituti mondiali di ricerca sulle malattie e morti nel mondo, che il reale numero di deceduti per Covid-19 non sia più 5 milioni e settecentomila persone, ma il triplo: stiamo affettando del prosciutto?

Non intendo entrare in polemiche del genere, ma ricordo a tutti la curva con cui ho concluso l’analisi della mia previsione, sempre nel mio libro “Covid-19”: o 5,7 milioni di morti o 15 milioni di morti, contro i 342 milioni di morti, nello stesso periodo, per cancro e per malattie cardio-vascolari, ai fini del risultato del conteggio finale, non cambiano, purtroppo, alcunché.

 




In memoria di Luigi Galli

dalla mia comunicazione di ieri su Facebook:

Se n’è andato questo pomeriggio, forse per un infarto durante il sonno, nella sua casa di Gallarate, di fianco all’aeroporto di Malpensa, dove io ero stato più di una volta a trovarlo.

Era il mio migliore amico/collega. Per me è davvero una perdita grandissima che mi lascia quasi solo all’interno di un lungo percorso.

Ci conoscemmo, se non vado errato, durante il ponte di Sant’Ambrogio nel 1982, qui a Milano, presentati da una persona nemica dell’Astrologia Attiva. Fu subito feeling: condividevamo la Luna a nove gradi e dispari in Sagittario.

Io mi trovavo a Milano per una conferenza al Palazzo delle Stelline, vicino al Cenacolo. Dopo pochi minuti che parlavamo gli chiesi se avesse forti valori Vergine e lui negò. Gli chiesi l’orario e poi dissi: “Capisco, tu credi di avere il Sole in Quinta, ma è impossibile e il tuo Sole è in Sesta perché… E tu sei fortemente Vergine”.

Lui se ne andò piuttosto contrariato, ma due giorni dopo mi telefonò e mi disse che era rimasto sveglio due notti e che avevo ragione…

Questo mi piacque subito di lui: l’intelligenza analitica, lo spirito del vero ricercatore, guardare senza paraocchi.

Diventammo molto amici e io inviai a lui tantissime persone quando smisi di fare consulti, persone che rimasero tutte soddisfatte e che ora lo rimpiangeranno davvero.

Sono contento, però, di avere trascorso quasi solo con lui e con l’amatissima Paola (Urbani), il mio ultimo incontro dal vivo di astrologia, a Stresa, poche settimane fa.

Per comprendere, forse, il legame speciale che avevo con lui vorrei solo aggiungere che quando demmo, assieme, alle stampe, il nostro “Atlante Geografico per le Rivoluzioni Solari”, Luigi mi chiese se accettavo di pubblicare in copertina prima il suo nome e poi il mio: non esitai un solo attimo.

Non credo proprio che ci rincontreremo, e questo è uno di quei momenti in cui provo invidia per i credenti, ma finché vivrò conserverò un grande e magnifico ricordo di lui che avevo indicato più volte come il possibile mio successore per guidare il cammino futuro dell’Astrologia Attiva.




I funerali saranno celebrati lunedì 9 maggio alle 14, nella chiesa di Santa Maria Assunta a Casorate Sempione, a poche centinaia di metri dall'aeroporto di Malpensa.

Oggi, 8 maggio, sono ancora sotto shock e assai provato da questa perdita enorme, per me.
Luigi non era l'autore di GALRO come qualcuno ha scioccamente scritto (GALRO è una mia creatura), ma molto di più: è stato il faro, tra i miei moltissimi allievi, a indicare la rotta a quanti intendono continuare su questa strada. Non ricordo, in questo lungo percorso di circa quarant'anni di amicizia e di condivisione di idee, un solo caso che ci abbia visti contrapposti. 
Tanti sapevano questo e chiedevano a lui di essere la voce di molti, soprattutto quando si trattava di dire cose scomode.
È mia ferma intenzione ricordare, in occasione del trigesimo della sua morte, con un incontro pubblico, la sua figura a quanti lo hanno amato, come me. 
Ve ne darò notizie precise nei prossimi giorni.


Approfitto di questo mio breve blog odierno, anche per ricordare a tutti che il blog non ha ripreso a funzionare come molti anni fa, con me impegnato diverse ore ogni giorno a rispondere ad ogni domanda.
Né qui, né sul blog che redigo per MyAstral, tornerò più a quella formula che mi ha fatto guadagnare solo tanta ingratitudine.
 

Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla perché potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia:

http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

For Everybody. It is not an important news, but I invite you to read it because it can explain, to someone, the why of a certain noise leading that disturbs, from a few years, the astrology:

 http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

 

Ciro Discepolo

www.cirodiscepolo.it  

MyAmazonPage 

MyGoogleProfile

Tutto il materiale contenuto in questo blog, testi, grafici e foto, rigo per rigo, è coperto da Copyright. È vietata ogni riproduzione parziale o totale senza previa autorizzazione dell’owner.

Per vedere bene i grafici zodiacali e le foto, occorre cliccarci sopra: si ingrandiranno. 

Una bibliografia quasi completa di Ciro Discepolo:

An almost complete bibliography of Ciro Discepolo:

 http://www.amazon.com/Ciro-Discepolo/e/B003DC8JOQ/ref=sr_ntt_s 

e

http://www.programmiastral.com/download/bibliografia_completa_di_ciro_discepolo.xls



 


domenica 13 marzo 2022

COMUNICATO STAMPA

 



COMUNICATO STAMPA

 

Dove: A Milano, presso la Sala Conferenze, Spazio PIN (viale Montesanto 5, a poche centinaia di metri dalla Stazione Centrale, tel. 02 36725140)

Quando: Venerdì 18 marzo 2022, alle ore 11.30

 

Oggetto: PRESENTAZIONE DI MyAstral, UN NUOVO SOFTWARE DI CALCOLO ASTRONOMICO UTILIZZABILE ANCHE PER L’ASTROLOGIA

 

Interverranno:

 

-        Francesca Barbaro, in rappresentanza della società con sede a Dubai proprietaria del marchio MyAstral

-        Ciro Discepolo, giornalista, scrittore e astrologo, nonché creatore e già proprietario delle precedenti release di tale software

 

Saranno spiegate le enormi potenzialità e campi di applicazione del software e fatte dimostrazioni in sala di tale straordinario pacchetto di calcolo su PC, Android, IPhone, Microsoft, Apple…

I presenti potranno registrarsi, nel corso della presentazione, e avere diritto a 15 giorni di uso gratuito e illimitato di detto software. 1

 

Ingresso libero e aperto a tutti. 

 

Nota: Non sono state ancora prese decisioni definitive relativamente al periodo di uso gratuito e di prova di MyAstral da parte di coloro che ne faranno richiesta, ma possiamo assicurare che per i presenti che si registreranno nel corso di tale presentazione, detti 15 giorni di prova gratuita, sono assicurati già da ora.

 

P.S. Probabilmente, dopo questa prima presentazione, ce ne sarà una seconda, più festosa e meno tecnica, ad aprile o a maggio prossimi, con sede da stabilire. 

 



AGGIORNAMENTO DEL 19/3/2022

Un esercizio interessante con MyAstral, il nuovo straordinario software della società di Dubai per la quale lavoro come consulente. By Ciro Discepolo.

 

Come sanno coloro che hanno partecipato alla presentazione di ieri, questo “Aladino 2.0” che è uno dei pochi figli che superano i padri, ha diverse performance al suo attivo, tra cui una maggiore precisione nei calcoli della versione precedente, una maggiore velocità (una query che avveniva anche in 10-12 minuti, qui viene eseguita in circa 10 secondi!), l’inserimento estremamente necessario anche della regola #34, la possibilità di effettuare le ricerche automatiche anche sulle Lunar Returns e non solo sulle Solar Returns e tante cose ancora.

Qui vi propongo un breve esercizio per mostrarvi alcune sue possibilità. L’esercizio lo potete ripetere anche sul vostro computer perché potete avere 15 giorni di prove gratuite a disposizione.

Prendiamo il soggetto Paul P, nato a Roma, il 7 Aprile 1962, alle 14.40 (grafico 1, con la RSM-ASR per Roma).

Il chiedo a MyAstral di cercarmi delle ottime “Decime Case”, come target. E ottengo la figura 2 che mi mostra una parte dei 285 aeroporti trovati.

Mi attira, particolarmente quello di Kratie, in Cambogia, dove, ovviamente, la congiunzione quasi al grado di Marte e Saturno è stata messa in 9^ Casa e dove Venere è congiunta al MC e Giove si trova in 10^ Casa.

Però mi chiedo come mai MyAstral, non mi abbia suggerito anche una soluzione a nord, in Siberia, dove potrei togliere Urano dalla 12^ Casa e mi chiedo anche perché non mi abbia avvicinato ulteriormente Venere al MC.

Poi mi do uno schiaffo sulla fronte e dico a voce alta: “Ha ragione lui!!”. “Perché ha seguito le 34 regole di CD e sa che non può avvicinare Saturno a meno di 12° dal MC…”.

Sì, però, in questo caso, sempre seguendo i tanti esempi contenuti nei libri di CD, io so che potrei utilizzare quella Venere, strettissima al MC, appena dopo la culminazione, per fare da schermo abbastanza forte nello scambio di energie tra Saturno e il MC.

E allora?

Allora, chiedo a MyAstral, di mostrarmi tutte le città dove il MC si trovi a 3° nei Pesci e con una tolleranza di 2°. MyAstral obbedisce e questa volta mi trova molti altri aeroporti tra cui quello che mi soddisfa pienamente: Ust'Ilimsk, in Siberia, con Venere incollata al MC e con Urano pienamente in 11^ Casa e non più in 12^ Casa.

Niente male, non è vero?








A short English tutorial of MyAstral. By Ciro Discepolo.

http://www.programmiastral.com/download/A_short_English_tutorial_of_MyAstral_by_Ciro_Discepolo.mp4

 

Due buoni consigli di Roberto Barbieri, un ottimo sistemista milanese (r.barbieri@digitronick.com) per chi desidera utilizzare MyAstral.

Two good tips from Roberto Barbieri, an excellent Milanese system engineer (r.barbieri@digitronick.com) for those who want to use MyAstral.

 

1)      Se cliccate sulla colonna delle stelle nella pagina dei risultati (ma ciò vale per tutte le colonne), il browser vi ordina i risultati in senso crescente o decrescente. Personalmente uso Chrome, ma credo che anche gli altri browser facciano lo stesso. 1) If you click on the star column on the results page (but this applies to all columns), the browser will sort the results in ascending or descending order. I personally use Chrome, but I believe other browsers do the same.

2)      Se mettete il link in Google Translator vi trovate il sito tradotto in automatico. 2) If you put the link in Google Translator you will find the site translated automatically:

 

https://translate.google.it/?hl=it&sl=en&tl=it&text=https%3A%2F%2Fmyastral.org%2Fpages%2Findex%23about&op=translate

 

Un tutorial in italiano di MyAstral:

http://www.programmiastral.com/download/Un_tutorial_in_italiano_di_MyAstral.mp4


Aggiornamento del 27/3/2022


Ho avuto 1 giornata di squalifica da Facebook per avere pubblicato una foto della mostra, a Palazzo Reale di Milano, di Ferdinando Scianna in cui si vede il seno nudo di una donna.

Qui di seguito alcuni screenshot. 

Mi vergogno di vivere in un paese come questo.







Scambio di post, su Facebook, tra Luigi Galli e me


Caro Ciro,

ho utilizzato anche se per poco tempo, il nuovo software e ti trasmetto le mie prime impressioni.

Prima di tutto trovo eccezionale la precisione dei calcoli (cose da NASA…) che magari ai meno esperti può’ apparire eccessiva se non maniacale, che però’ permette, ancor più’ del vecchio Aladino, di ottenere grafici precisissimi per tutto il globo, dal polo nord al polo sud.

Solo questa caratteristica, straordinaria, pone MyAstral al vertice dei software astrologici di tutto il mondo, anche sopra a quelli più’ blasonati, i quali, come sappiamo, per una latitudine oltre il circolo polare artico, causa una distorsione delle case astrologiche, propongono grafici inaffidabili e quindi non utilizzabili.

Unica e anche molto utile, la possibilità’ in intervenire manualmente sui risultati ottenuti in automatico da MyAstral, indicando delle piccole correzioni da apportare alle posizioni astrologiche, per ottenere il grafico che si desidera.

Ottima la possibilità’ di ottenere in automatico le RL, che evita di ricorrere a sotterfugi col vecchio Aladino e per non fare manualmente lunghi e complicati calcoli matematici.

Trovo anche molto interessante la possibilità’ di poter visionare MyAstral, oltre che sul pc di casa, anche su un device. Ciò’ consente quando si e’ in viaggio o comunque fuori casa, di poter consultare il programma.

Sul costi dei noleggio non mi pronuncio (alcuni colleghi li giudicano però’ eccessivi) perché’ immagino le spese per allestire il programma siano state altissime. Mi permetto però’ di suggerirti di invitare chi di dovere, di esaminare la possibilità’ di ridurre i prezzi degli abbonamenti a chi già’ possiede il vecchio Aladino, in quanto rispetto a chi non lo possiede, utilizza parzialmente il nuovo programma.

Come dicevo il mio non può’ essere un giudizio definitivo, perché’ con l’uso potrei scoprire nuove “perle” in MyAstral.

Moltissimi complimenti Ciro, hai fatto di nuovo centro.

La marcia continua…

Con affetto

Luigi




Caro Luigi,

sono lieto che sia stato tu, tra i colleghi e le colleghe che stimo di più, a scrivere più di un rigo su questo software e su detto evento che sono certo rimarrà (dopo che io non ci sarò più) straordinario per la storia dell’Astrologia.

La tua non è proprio una recensione, ma l’ho apprezzata lo stesso.

Alla fine del tuo intervento, tu fai una domanda e io, prima di cercare di rispondere alla stessa, partirei da uno step precedente, quello in cui tu dici di non sapere se il costo di questo servizio sia alto o sia basso.

Allora, in tutta evidenza, esso è pari a zero euro per molte persone.

Per chi?

Innanzitutto per coloro che usavano tantissimo la mia pagina di compatibilità di coppia e che non l’hanno più potuta compulsare in questi ultimi anni a causa del fatto che la stessa veniva regolarmente sabotata da alcuni hacker di cui sono certo di conoscere i precisi nomi e cognomi.

Io pagavo, ad ogni sabotaggio, dei bravi informatici, di tasca mia, ma detta pagina, poco dopo, veniva nuovamente sabotata. Poi mi sono stufato di pagare e l’ho lasciata non funzionante.

Dunque il fatto che la nuova pagina (dubito molto che potrà essere sabotata o che potrà essere sabotata senza gravi conseguenze per chi tenterà di fare ciò) potrà essere utilizzata da tutti, su tutte le piattaforme, mobili e non mobili, e in tutte le lingue del mondo, milioni e milioni di volte, senza pagare neanche un solo centesimo, è certamente un fatto.

Lo stesso si può dire, secondo me, anche per quelle persone che amano l’Astrologia Attiva e che la studiano e la praticano a livello di ricerca o per seguire i propri cari: con l’opzione trial gratuito di 15 giorni, con query illimitate, costoro potranno studiare, mettiamo, le 100 persone a loro più care, per i prossimi vent’anni, salvare tutti i risultati delle ricerche e non pagare neanche un solo centesimo, restando, appunto, nei 15 giorni di uso gratuito di detto software.

Poi possiamo considerare anche la realtà di molti studiosi che ogni tanto studiano, anche con una consulenza di tipo professionale, le stelle di un certo numero di clienti, oltre che quelle dei soliti “cento” familiari e amici stretti.

Costoro, come sai, pagano 100 euro per 30 giorni di uso illimitato di detto software e, secondo me, possono fare come descritto allo step precedente e salvarsi le ricerche per 100-300 persone che interessano loro e per almeno dieci anni a venire. Questo significa, calcolando al limite inferiore, 100 possibili gruppi di RSM (con target Amore oppure Salute oppure Denaro, ecc.) per dieci anni, conservando tutti i risultati. Se, come sai, l’output può essere di 100 o di 1000 (ma può giungere anche a 10.000) aeroporti in uscita, siamo già, per lo step a cui mi sto riferendo, ad oltre 1 milione di risposte ottenute. Se a ciò aggiungiamo anche le Rivoluzioni Lunari, tranquillamente possiamo superare 100 milioni di risposte. Se non vado errato, 100 euro, diviso 100 milioni di risposte, significa 0,000001 euro per ogni consiglio ricevuto, ovvero 1 milionesimo di euro per ogni consiglio mio (non del computer), perché le risposte non solo sono in linea con le mie 34 regole, ma con le mie 34 regole come le ho insegnate io a leggere al computer.

Ora sicuramente tu troverai molte persone che ti diranno, comunque: “È troppo, è troppo…”, ma, come sai, a ciò non c’è rimedio.

Però non ho ancora terminato la mia analisi.

Qualcuno potrebbe dire, e lo dice: “È vero, se tu la metti così, il costo di utilizzo di questo software, lo posiamo considerare zero, ma io non rientro nelle tre categorie che hai descritto più sopra…”.

Va bene. Vediamo.

Facciamo, ora, il caso, di un vero professionista, cioè di chi vuole lavorare ogni giorno con l’astrologia e che quindi non può agire, come tanti già pensano di fare, abbonandosi per un mese, due o tre volte all’anno.

Beh, sarai d’accordo con me sul fatto che ciò sia un paradosso, perché chiunque sia un vero professionista e, mettiamo, un giorno riceve una richiesta qualunque e il giorno dopo anche quella del direttore generale della RAI, non può dire a costui: “Per favore, attenda fra tre mesi quando mi abbonerò nuovamente per 30 giorni a MyAstral e…”.

Già, ma se parliamo di un vero professionista che paghi 1000 euro all’anno, non molto di più che a Sky, anche riducendo enormemente i numeri che ho indicato prima, siamo sempre nell’ordine di idee che l’utilizzatore pagherà al massimo 1 millesimo di euro per ogni mio consiglio.

È troppo?

Se è troppo può chiedere in giro chi può fargli un’offerta migliore.

E veniamo alla tua proposta, cioè di chiedere alla Proprietà di prevedere un abbonamento scontato a chi venti o dieci anni fa acquistò una copia di Aladino (non parlo di Astral che nacque nei primi anni Ottanta perché lì rasenteremmo il ridicolo).

Io tento di mettermi nella mente degli investitori arabi a cui dovrei rivolgere la domanda e che, grosso modo, capirebbero qualcosa di questo tipo, non essendo tutti esperti di astrologia e neanche di informatica:

“Io, Mario Rossi, venti anni fa, acquistai una Citroen a gasolio. Ora ho saputo due cose molto interessanti: 1) Che la Tesla ha acquistato la Citroen; 2) Che la Tesla ha appena messo in commercio una nuova vettura a idrogeno liquido.

Essendo io un vecchio cliente Citroen, potrei acquistare la Tesla a idrogeno liquido con un interessante sconto?”.

Tu cosa pensi che risponderebbero gli investitori arabi? Se non lo immagini, ti potrò suggerire (in privato) alcune loro possibili risposte.

Un caro saluto,

Ciro

P.S. Se mai dovessi riparlare di MyAstral, ti prego di non dimenticare di comunicare a chi ti ascolta o a chi ti legge che, quando sarà pronto il nuovo step (MyAstral Google Maps), fra non troppo tempo, gli abbonati potranno utilizzare anche quello, senza costi aggiuntivi.



E siamo giunti alla presentazione ufficiale di MyAstral!




PRESENTAZIONE UFFICIALE DI 


MyAstral


e cocktail party


Milano, Palazzo Parigi

Giovedì 14 Aprile 2021, ore 16.30-21.30


a cura di CHIARA BARBARO, 

co-founder di MyAstral e co-founder di 

Giove Jewellery


affiancata da CIRO DISCEPOLO, astrologo, giornalista, scrittore e consulente di MyAstral


Partecipazione libera, senza prenotazione e senza registrazione. 





Quasi raddoppiate le iscrizioni a MyAstral, nella prima settimana di vita del sito

Il numero di query è davvero altissimo, ogni giorno. Per tale motivo gli Owner hanno deciso di prolungare ancora per un po’ il periodo di prova di detto software e di non essere rigidi, per il momento, sul numero di devices utilizzate da ciascuno abbonato (a regime saranno due). 
Di questo e di altro parleremo anche alla presentazione ufficiale/party di Palazzo Parigi, a Milano, giovedì 14 aprile dalle 16.30 in poi.





Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla perché potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia:

http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

For Everybody. It is not an important news, but I invite you to read it because it can explain, to someone, the why of a certain noise leading that disturbs, from a few years, the astrology:

 http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

 

Ciro Discepolo

www.cirodiscepolo.it  

MyAmazonPage 

MyGoogleProfile

Tutto il materiale contenuto in questo blog, testi, grafici e foto, rigo per rigo, è coperto da Copyright. È vietata ogni riproduzione parziale o totale senza previa autorizzazione dell’owner.

Per vedere bene i grafici zodiacali e le foto, occorre cliccarci sopra: si ingrandiranno. 

Una bibliografia quasi completa di Ciro Discepolo:

An almost complete bibliography of Ciro Discepolo:

 http://www.amazon.com/Ciro-Discepolo/e/B003DC8JOQ/ref=sr_ntt_s 

e

http://www.programmiastral.com/download/bibliografia_completa_di_ciro_discepolo.xls





domenica 27 febbraio 2022

Ultra-teleobbiettivo e grandangolo

 


Courtesy of Quinlan.it


Nel 1972 vidi un paio di volte il film russo “Solaris” del regista Andrej Arsen'evič Tarkovskij, assai affascinante come storia (dal romanzo del polacco Stanisław Lem), ma pessimo come scenografie.

Recentemente fu realizzato un remake dello stesso con George Clooney.

Se ricordo bene, l’originale iniziava con una scena che mi colpì tantissimo. Non la ricordo in ogni particolare, ma nel suo contenuto principale: la macchina da presa inquadrava la testa di un’ape alle prese con il bulbo centrale di una margherita, o qualcosa del genere. L’utilizzo di un tele-obbiettivo esageratamente spinto, non ci permetteva neanche di vedere oltre la testa dell’insetto.

Poi la cinepresa faceva una lenta e lunghissima zoomata all’indietro e ci mostrava prima l’intera ape e il fiore, quindi la minuscola porzione di campagna dove avveniva ciò che il regista desiderava raccontarci, quindi, andando sempre più indietro, la macchina cinematografica permetteva al telespettatore di osservare un immenso campo di fiori, quindi una zona vasta di territorio, una città con i dintorni, una nazione intera, un continente e quindi, la Terra, il nostro sistema solare e sempre più all’indietro la galassia e una parte sempre più vasta di universo nel quale siamo anche noi.

Non credo ci siano intenzioni nascoste dietro questo originale inizio di racconto di Arsen'evič Tarkovskij che ci invita, in tutta evidenza, a usare il grandangolare, il più esagerato dei grandangolari se vogliamo tentare di avere una visione di insieme di ciò che abbiamo davanti agli occhi.

 

Ciò, a mio parere, è quanto sta accadendo ancora una volta oggi.

Fino a ieri tutti i telegiornali del mondo aprivano con inquadrature in primissimo piano di mascherine FFP2 sulla bocca e sul naso di persone per la strada, di viaggiatori in metropolitana, di clienti che entravano in un bar…

Poi di colpo tutto sparito e alla domanda retorica “Per quanti decenni durerà la pandemia?” e all’altrettanto retorico secondo quesito “Si tratterà della fine del mondo?”, oggi abbiamo sostituito le immagini dei carri-armati ex sovietici, ma sempre con il cuore sovietico, che stanno bombardando i poveri cittadini ucraini, con i russi che non sono Putin, e con nuove tantissime lacrime di sangue.

 

Anche qui i titoli di giornali, usando potentissimi tele-obbiettivi, ci parlano di guerre nucleari che sopraggiungeranno entro poche ore e di una nuova fine del mondo visibile già dietro l’angolo.

Io mi rifiuto di redigere previsioni su ciò perché le risposte le trovate già nel mio libro “Covid-19” pubblicato una decina di giorni fa e redatto a partire dal 1° febbraio 2020, ma un commento desidero farlo.

 

E ve lo rivolgo sotto forma di domanda: quanti di voi, sanno o ricordano, delle stragi etniche in Ruanda dove nei primi anni Novanta morirono circa un milione di persone negli scontri etnici tra hutu e tutsi?

 

E allora? Allora ciò significa che a moltissime persone manca una visione a mezzo di obbiettivo grandangolare.


Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla perché potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia:

http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

For Everybody. It is not an important news, but I invite you to read it because it can explain, to someone, the why of a certain noise leading that disturbs, from a few years, the astrology:

 http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

 

Ciro Discepolo

www.cirodiscepolo.it  

MyAmazonPage 

MyGoogleProfile

Tutto il materiale contenuto in questo blog, testi, grafici e foto, rigo per rigo, è coperto da Copyright. È vietata ogni riproduzione parziale o totale senza previa autorizzazione dell’owner.

Per vedere bene i grafici zodiacali e le foto, occorre cliccarci sopra: si ingrandiranno. 

Una bibliografia quasi completa di Ciro Discepolo:

An almost complete bibliography of Ciro Discepolo:

 http://www.amazon.com/Ciro-Discepolo/e/B003DC8JOQ/ref=sr_ntt_s 

e

http://www.programmiastral.com/download/bibliografia_completa_di_ciro_discepolo.xls






mercoledì 16 febbraio 2022

IL MIO LIBRO SUL COVID-19

 




E anche questa fatica si è conclusa

Ben dopo due anni di tanto lavoro, ho pubblicato, oggi, il mio libro sul Covid-19. Daniela che lo ha letto in anteprima assoluta, mi detto: “Ma hai fatto uno scoop!”.
A dire il vero io non la vedo così, perché dal giorno della mia previsione (1° Febbraio 2020) ho dato per scontato che le cose sarebbero andate come sono andate perché delle due l’una: o gli astri funzionano oppure no. Nel primo caso dovevo giungere per forza a detti traguardi…
Ma leggetelo, se volete, e magari ne parleremo nella prossima riunione Zoom.
Qui pubblico la prefazione:
Questo libro, che pur essendo breve rispetto a miei tomi che superano anche le mille pagine, mi è costato tantissimo lavoro e circa due anni per essere terminato.
Molti si scandalizzeranno all’idea della pandemia esaminata, osservata con la lente di ingrandimento, perfino passata al microtomo, da parte di un astrologo: ma questo soltanto perché la maggior parte delle persone ignora che la variabile più importante relativa alla vita sulla Terra e nell’Universo è quella che vede gli astri al primo posto assoluto in ogni classifica che si voglia redigere.
Se la maggioranza degli abitanti del nostro pianeta conoscesse questa elementare, semplice e al tempo stesso enorme verità, non ci sarebbe alcun motivo di scandalo.
Fortunatamente non soffro di sensi di inferiorità e neanche del problema opposto: mi ritengo un valido “sacerdote” di Urania e sono tranquillo che solo tentando di usare armi di discredito generiche i miei avversari di sempre, tenteranno di “smontare” questa analisi. Però occorre dire che tutte le volte che nell’ultimo mezzo secolo e più, alcuni tra loro, pomposamente gonfiati da titoli accademici che forse non meritavano, hanno tentato la strada del “duello” diretto con il sottoscritto, su queste tematiche, ne sono usciti con le ossa rotte (ho pubblicato l’intero contenuto di quasi tutti i dibattiti del passato) e ciò non perché i miei critici fossero stupidi, ma soltanto perché erano ignoranti.

Ignoranti soprattutto in campo astrologico, dove essi giungevano a confondere perfino l’Astrologia con l’oroscopìa.
Qui io faccio la storia della mia previsione sul Covid-19 (chiamato anche in molti altri modi), previsione redatta e scritta il 1° febbraio 2020, cioè il giorno dopo, se ricordo bene, della conferenza stampa del premier Giuseppe Conte che annunciava tale pandemia agli italiani (forse la conferenza ci fu il 30 gennaio e non il 31, non rammento bene, ma non credo che ciò sia importante).

Ovviamente non mi attendo riconoscimenti da parte dell’esercito del Pensiero Unico e dall’altrettanto sterminato esercito di giornalisti mercenari e prezzolati che lo affollano in ogni fila e in ogni rango, ma offro questa mia ennesima fatica a coloro che seguono la mia scuola e che lo fanno anche dichiarandolo ad alta voce.
Ho voluto anche aggiungere alla parte fondamentale del volume, un florilegio breve del copioso stupidario multidisciplinario e relativo a tale odiosa pandemia.










Questo sabato, 19 febbraio, tra le 16 e le 19, riunione Zoom per gli iscritti 2022 all'Associazione Ricerca ’90, soprattutto per discutere delle conclusioni cui sono giunto nel mio libro sul Covid-19.
A presto.


Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla perché potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia:

http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

For Everybody. It is not an important news, but I invite you to read it because it can explain, to someone, the why of a certain noise leading that disturbs, from a few years, the astrology:

 http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

 

Ciro Discepolo

www.cirodiscepolo.it  

MyAmazonPage 

MyGoogleProfile

Tutto il materiale contenuto in questo blog, testi, grafici e foto, rigo per rigo, è coperto da Copyright. È vietata ogni riproduzione parziale o totale senza previa autorizzazione dell’owner.

Per vedere bene i grafici zodiacali e le foto, occorre cliccarci sopra: si ingrandiranno. 

Una bibliografia quasi completa di Ciro Discepolo:

An almost complete bibliography of Ciro Discepolo:

 http://www.amazon.com/Ciro-Discepolo/e/B003DC8JOQ/ref=sr_ntt_s 

e

http://www.programmiastral.com/download/bibliografia_completa_di_ciro_discepolo.xls




venerdì 4 febbraio 2022

Quelle quattro curve che mancano all’appello

 



Questa è la situazione di stamattina, decisa da Mr. Hope e fedelmente riportata da tutti i bravi soldatini dell’informazione.

Come ricorderete, forse, il 24 dicembre scorso, ovvero 42 giorni fa, su queste stesse pagine, facevo un appello a Lettori, Allievi, Colleghi affinché mi aiutassero a trovare in rete quattro curve, molto semplici e al tempo stesso preziosissime, in grado di condensare tutta la pandemia in un solo colpo d’occhio.

Le quattro curve-diagrammi erano le seguenti:

 

-          Numero di infettati Covid-19 nel mondo nel 2020

-          Numero di infettati Covid-19 nel mondo nel 2021

-          Numero di morti per Covid-19 nel mondo nel 2020

-          Numero di morti per Covid-19 nel mondo nel 2021

Disponendo delle stesse, come vi scrissi allora e come vi ripeto oggi, potrei chiudere la parte finale del mio libro sulla pandemia, a cui sto lavorando da due anni, e, rivedendo tutto il materiale, potrei, nel giro di pochi mesi, pubblicare il mio libro.

Diversi di voi avevano risposto al mio appello inviandomi l’url di siti dove millantano di fornire le curve della pandemia in corso, ma dove, invece, intasando le pagine dei loro spazi web con paragoni improbabili tra le situazioni Covid-19 di Busto Arsizio Nord e quella di Bogotà, per esempio, si guardano bene dal fornire questi semplici semplici quattro numerini…

 

Pertanto non posso fare altro che ripetervi il mio appello e se qualcuno…

 

Ricordate, nel caso lo aveste dimenticato, che la Storia ci ha insegnato come, più volte e in regimi di diverso orientamento economico-politico, la disinformazione non passa solamente per la mancanza palese di  dati da esaminare, ma anche per una “pioggia” mostruosa di finte informazioni sotto cui seppellire alcune fondamentali verità.

 

Allora, per adesso, le quattro curve restano quelle che ho preparato io e che vedete di seguito. Se riusciremo a inserire nelle stesse anche i numeri, oltre che i titoli, forse potrò pubblicare questo libro che il mondo non attende con ansia, ma che forse potrà illuminare molte persone.

 

 









Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla perché potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia:

http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

For Everybody. It is not an important news, but I invite you to read it because it can explain, to someone, the why of a certain noise leading that disturbs, from a few years, the astrology:

 http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

 

Ciro Discepolo

www.cirodiscepolo.it  

MyAmazonPage 

MyGoogleProfile

Tutto il materiale contenuto in questo blog, testi, grafici e foto, rigo per rigo, è coperto da Copyright. È vietata ogni riproduzione parziale o totale senza previa autorizzazione dell’owner.

Per vedere bene i grafici zodiacali e le foto, occorre cliccarci sopra: si ingrandiranno. 

Una bibliografia quasi completa di Ciro Discepolo:

An almost complete bibliography of Ciro Discepolo:

 http://www.amazon.com/Ciro-Discepolo/e/B003DC8JOQ/ref=sr_ntt_s 

e

http://www.programmiastral.com/download/bibliografia_completa_di_ciro_discepolo.xls