sabato 25 ottobre 2008

L’attribuzione dei segni alle nazioni


Nessuno ha potuto, credo, rispondere a Franca e allora lo faccio io brevemente, ma inviterei tutti a partecipare con più frequenza perché ci sono tanti di voi davvero bravi che potrebbero farlo tranquillamente.
Nel caso di conoscenza della data di nascita di un Paese, come gli USA (grande scoop qui in Italia per Ricerca ’90) o di Israele (per esempio utilizzando il libro del collega inglese Nicholas Campion), è ovvio che l’attribuzione è automatica.
In altri casi può essere presunta attraverso molti studi. Per esempio, nel caso della strage di Novi Ligure (la famiglia di Erika), si può immaginare che quella cittadina abbia il Sole o l’AS nel grado preciso di dove si trovava Urano quel giorno oppure a 90° o a 180°. Di solito si parte da una supposizione del genere e poi si prosegue con altri avvenimenti importanti che fanno saltare in prima pagina quella cittadina. Lo stesso vale per una nazione e Lisa Morpurgo ha descritto vari esempi del genere.
Vi è poi un’attribuzione più di carattere analogico: la Germania è opulenta e dunque è del Toro…
Naturalmente quest’ultima strada è, a mio avviso, piuttosto debole.
Vi sono altre attribuzioni indicate dall’astrologia esoterica, ma non le conosco nel dettaglio.
Spero di esserti stato di aiuto.


Vi ringrazio molto per gli auguri e le parole di apprezzamento che avete avuto per me tra ieri e oggi soprattutto. Mentirei se dicessi che non sono ambizioso. A mio avviso l’ambizione è una sana molla nella vita. Tuttavia, credo, essendo anche stato tre volte in analisi, che la prima spinta in me sia sempre la ricerca: la ricerca, da sempre, è la mia vita. Non vorrei proporre paragoni esagerati, ma in alcuni aspetti di vita da ricercatore di Keplero, ritrovo dei tratti della mia passione (leggete l'eccellente libro “La notte di Keplero”, La Fenice tascabili).
Ma mi sento anche assai vicino agli studi ostinati, quasi disperati e assai contrastati dal Palazzo, di Luigi Di Bella a cui, credo, il tempo provvederà a fornire un risarcimento morale, in parte, per le tante ingiustizie subite.
Indubbiamente i miei studi possono offrire maggiore dignità all’Astrologia, nella misura in cui la rendono assai verificabile sul piano della sua componente previsionale che non è l’unica importante, ma una delle più utili agli esseri umani.
Visto che siamo tra pochi, vi racconterò un breve aneddoto relativo all’attuale significativa diffusione dei miei libri all’estero. Vi è un signore arabo che mi scrive con una certa frequenza, in inglese, e mi fa – a volte – domande complesse. Cerco sempre di accontentarlo, nei limiti del possibile, soprattutto per motivi di ospitalità.
Lui si rende conto di tale “pressione” e ultimamente mi ha scritto, pressappoco: “Mi scusi se le pongo tante domande, ma sa, il suo libro è davvero irresistibile!”.
Anche se leggete le due recensioni su Amazon di “Transits and Solar Returns”, potrete rendervi conto soprattutto della sorpresa che tale testo sta suscitando.

Bene, adesso smettiamola di autocelebrarci, altrimenti davvero finisce che metto la mia foto a fianco a quella del Presidente della Repubblica, del Papa e dell’ultimo Nobel…

Per Antonella. Non ho visto le mirate che ti hanno consigliato Marco e Giulia, ma vai tranquilla perché difficilmente si sbagliano. Mi sembra che tu abbia chiesto notizie sull’Oman. Te le posso fornire io, a meno che le cose non siano cambiate negli ultimi mesi.
L’Oman sta tentando di raggiungere, in quanto a democrazia di ingresso per gli stranieri, le vette irraggiungibili degli Emirati Arabi. Infatti, recandovi a Muscat, dopo essere scesi dal vostro aereo, è sufficiente compilare un cartoncino prestampato e passate la frontiera.
A Dubai desiderano addirittura strafare e voi passate semplicemente con il passaporto aperto davanti al poliziotto che nemmeno lo guarda… (questo, però, non vi autorizza a guardare le donne locali o a fotografare le moschee… sia ben inteso. E mi sembra anche giusto).

Confesso che l’idea di Lucia mi aveva accarezzato e avevo pensato a un possibile convegno a Berlino, città stupenda e decisamente economica rispetto all’Italia. Ma potremmo mai tradire Budapest e gli Ungheresi?

Di nuovo molti auguri e in bocca al lupo a Virginia e a Doriana. La prima, da buona Pesci, all’inizio era un tantino chiusa e timida, ma si sta scaldando e…

Paola, stai andando molto forte e hai tutto il nostro tifo.

Chiedo scusa a tutti per i tempi di risposta nella posta elettronica, ma le e-mail sono ultimamente aumentate tanto.
Buon pomeriggio a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento