mercoledì 22 ottobre 2008

Venere al Discendente


Sì, Al Rami, ragioni bene e una massiccia dose di Discendenti con Venere incollata penso che sarebbe la giusta cosa per ciò che abbiamo già scritto. Teoricamente si potrebbe puntare anche su Giove all’AS ripetuto più volte, ma spesso esso produce comportamenti inflazionati piuttosto che sano buonismo.

Come credo già sappiate sia Sergio che Virginia hanno subito l’oscuramento fotografico del weekend a Budapest, al pari degl'altri. Tuttavia ho raccolto le foto inviatemi da tutti e le ho depositate qui:

http://cirodiscepolo.homeip.net/download/budapest2009.zip

Avendole richieste su questo spazio, ed essendomi state spedite a scopo di pubblicazione dagli stessi presenti a Budapest, ritengo non ci siano vincoli di copyright. In caso contrario segnalatemi, per favore, quali foto non vanno bene e le toglierò. Nel caso me ne dovessero giungere altre, inserirò anche quelle nello stesso file zippato.

Per Lucia: lo so che probabilmente la mia età te lo fa sospettare, ma non mi riferivo alle parti murarie del Palazzo Schifanoia. In effetti mi sembra di ricordare che il materiale astrologico lì presente comprenda anche diverse tele e, tra queste, alcune potrebbero essere esposte, o potrebbero essere state esposte, a Mantova dove sono stato più di una volta, come a Ferrara, e dove credo di averle viste. Se tu mi informi che neanche un’opera tra quelle originarie di Palazzo Schifanoia è, o è mai stata a Mantova, ne prendo atto e ti ringrazio della informazione. Sul tuo domandarti come faccio a sapere che non potrò essere presente a Ferrara pur ignorando la data di quell’incontro, ho da osservare che la risposta è assai semplice: avendo già esaurito tutto il mio tempo ludico che ho potuto offrirmi, in questi mesi, relativamente all’astrologia, non potrò essere con voi.

Ho letto, giorni fa, che, a partire da gennaio 2009, sarà necessario inviare via e-mail una specie di richiesta visto in USA se si desidera recarsi in quella nazione. La cosa sembra essere abbastanza automatica, ma è tuttavia preoccupante, se si considerano le già strettissime misure di sicurezza in tutti gli aeroporti del mondo, misure che rendono faticoso ogni viaggio di piacere o di lavoro. Eppure basterebbe un poco di buona volontà. Vi faccio un esempio.
Prendiamo l’aeroporto di Monaco. Lo so, starete dicendo: “Dagli con la tua ammirazione per la Germania e per la Lufthansa…”. Tuttavia, al di là delle battute, resta una realtà il fatto che provenendo da Budapest o da Berlino o da Rovaniemi in Finlandia e via dicendo, passando per il suddetto aeroporto, non occorre ripassare i controlli di sicurezza. Ovvio, diranno in tanti, ma non lo è affatto. Spiegatemi, allora, perché la stessa cosa non avviene, giusto per fare un esempio, nelle Azzorre venendo dalle Azzorre e andando nelle Azzorre…
Volete un altro esempio di come tanti tentano, riuscendoci, di rendervi più difficile la vita? Prendiamo il sito delle Poste Italiane che ha molti meriti, ma un difetto che se li mangia tutti assieme: se tentate di fare un bonifico online, anche di pochi euro per una batteria speciale che vi occorre, vi trovate davanti a un muro di cemento armato in cui vi si chiede di inserire l’IBAN del destinatario a quattro caratteri alfanumerici per volta, operazione che vi assesta una vera mazzata nell’economia di una giornata laboriosa.

Spero che la vostra serata, invece, sia piacevole e tranquilla.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento