domenica 27 febbraio 2022

Ultra-teleobbiettivo e grandangolo

 


Courtesy of Quinlan.it


Nel 1972 vidi un paio di volte il film russo “Solaris” del regista Andrej Arsen'evič Tarkovskij, assai affascinante come storia (dal romanzo del polacco Stanisław Lem), ma pessimo come scenografie.

Recentemente fu realizzato un remake dello stesso con George Clooney.

Se ricordo bene, l’originale iniziava con una scena che mi colpì tantissimo. Non la ricordo in ogni particolare, ma nel suo contenuto principale: la macchina da presa inquadrava la testa di un’ape alle prese con il bulbo centrale di una margherita, o qualcosa del genere. L’utilizzo di un tele-obbiettivo esageratamente spinto, non ci permetteva neanche di vedere oltre la testa dell’insetto.

Poi la cinepresa faceva una lenta e lunghissima zoomata all’indietro e ci mostrava prima l’intera ape e il fiore, quindi la minuscola porzione di campagna dove avveniva ciò che il regista desiderava raccontarci, quindi, andando sempre più indietro, la macchina cinematografica permetteva al telespettatore di osservare un immenso campo di fiori, quindi una zona vasta di territorio, una città con i dintorni, una nazione intera, un continente e quindi, la Terra, il nostro sistema solare e sempre più all’indietro la galassia e una parte sempre più vasta di universo nel quale siamo anche noi.

Non credo ci siano intenzioni nascoste dietro questo originale inizio di racconto di Arsen'evič Tarkovskij che ci invita, in tutta evidenza, a usare il grandangolare, il più esagerato dei grandangolari se vogliamo tentare di avere una visione di insieme di ciò che abbiamo davanti agli occhi.

 

Ciò, a mio parere, è quanto sta accadendo ancora una volta oggi.

Fino a ieri tutti i telegiornali del mondo aprivano con inquadrature in primissimo piano di mascherine FFP2 sulla bocca e sul naso di persone per la strada, di viaggiatori in metropolitana, di clienti che entravano in un bar…

Poi di colpo tutto sparito e alla domanda retorica “Per quanti decenni durerà la pandemia?” e all’altrettanto retorico secondo quesito “Si tratterà della fine del mondo?”, oggi abbiamo sostituito le immagini dei carri-armati ex sovietici, ma sempre con il cuore sovietico, che stanno bombardando i poveri cittadini ucraini, con i russi che non sono Putin, e con nuove tantissime lacrime di sangue.

 

Anche qui i titoli di giornali, usando potentissimi tele-obbiettivi, ci parlano di guerre nucleari che sopraggiungeranno entro poche ore e di una nuova fine del mondo visibile già dietro l’angolo.

Io mi rifiuto di redigere previsioni su ciò perché le risposte le trovate già nel mio libro “Covid-19” pubblicato una decina di giorni fa e redatto a partire dal 1° febbraio 2020, ma un commento desidero farlo.

 

E ve lo rivolgo sotto forma di domanda: quanti di voi, sanno o ricordano, delle stragi etniche in Ruanda dove nei primi anni Novanta morirono circa un milione di persone negli scontri etnici tra hutu e tutsi?

 

E allora? Allora ciò significa che a moltissime persone manca una visione a mezzo di obbiettivo grandangolare.


Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla perché potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia:

http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

For Everybody. It is not an important news, but I invite you to read it because it can explain, to someone, the why of a certain noise leading that disturbs, from a few years, the astrology:

 http://ilblogperidepressi.wordpress.com/ 

 

Ciro Discepolo

www.cirodiscepolo.it  

MyAmazonPage 

MyGoogleProfile

Tutto il materiale contenuto in questo blog, testi, grafici e foto, rigo per rigo, è coperto da Copyright. È vietata ogni riproduzione parziale o totale senza previa autorizzazione dell’owner.

Per vedere bene i grafici zodiacali e le foto, occorre cliccarci sopra: si ingrandiranno. 

Una bibliografia quasi completa di Ciro Discepolo:

An almost complete bibliography of Ciro Discepolo:

 http://www.amazon.com/Ciro-Discepolo/e/B003DC8JOQ/ref=sr_ntt_s 

e

http://www.programmiastral.com/download/bibliografia_completa_di_ciro_discepolo.xls






1 commento:

Valeria Vanorio ha detto...

Grazie, Ciro,
fra i Grandi, non potevi tacere.
V.