lunedì 12 luglio 2010

Meravigliosa Otranto!







Benvenuto Luca Belli!




Caro Al Rami, come dici tu si tratta di persone invidiose del fatto che ti stimo e ti annovero tra gli amici a cui tengo. Non ti curar di loro, ma guarda e passa…!
Magari dando una mano a Luca Belli e alle altre new-entry dei prossimi giorni in cui sarò assente.
La foto della meravigliosa Otranto è un piccolo omaggio alla tua splendida terra.



Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo

9 commenti:

Antonella ha detto...

Buongiorno, vorrei chiedere, io ho nella rivoluzione solare uno stellium in decima di rivoluzione e sinceramente mi aspettavo grandi cose invece purtroppo mi sta "funzionando" solo marte in seconda ( continui problemi con i soldi), è possibile avere un consiglio su come parare questo aspetto? Nella mia prossima rivoluzione lunare ho visto che ho giove urano in ottava e venere marte e saturno in seconda, è meglio che metta i centesimi nel salvadanaio? Grazie a chi vorrà darmi un aiuto
12/03/64 ore 8.00 ve

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

per luca belli: la soluzione che ti è stata data è ottima: l'ascendente in decima possiamo tenerlo dato che saturno si congiungerà al tuo sole solamente tra due anni. urano sarà sestile al MC e se aggiungiamo che hai una bella congiunzione urano-giove nella decima di riv., allora stai certo che vivrai una RSM bomba! un occasione unica da non perdere.

venere in quinta casa è molto bella per l'amore (ne ho esperienza diretta). puoi approfittare anche dell'ultima possibilità che ti offre urano, dato che sta per uscire dalla settima casa radix. però non mi piace marte nella stessa casa di riv. potresti esorcizzarlo facendo arti marziali.

solo un accorgimento: se il tuo orario non fosse certo, allora l'ascendente di riv. potrebbe capitare in undicesima casa. prima di fare ogni cosa controlla il tuo estratto di nascita. però anche in questo caso, non possiamo avere certezza dell'orario perchè generalmente gli orari sono arrotondati di 10 15 minuti.

quindi potresti rinunciare a gerusalemme e spostarti a ovest di qualche centinaio di chilometri, giusto per esser sicuro che l'ascendente si trovi in piena decima casa.

Anonimo ha detto...

CARO PASQUALE, TI FACCIO MOLTI AUGURI PER IL TUO COMPLEANNO CHE SARA' DOMANI.E SPERO DI RIVEDERTI A MILANO AL CONVEGNO DI OTTOBRE.
POI UN SALUTO A LAURA POGGIALI E COMPLIMENTI PER AVER PROPRIO PREVISTO LA VITTORIA DEI MOMDIALI DELLA SPAGNA, DURANTE UNA CHIACCHIERATA A TAVOLA DURANTE IL BELLISSIMO SEMINARIO DI SANT'AGATA. UN ABBRACCIO
A TUTTI.FRANCESCA (CHICCA DA MILANO)

LucaBel ha detto...

per Al Rami,
innazi tutto grazie mille , sei molto gentile, allora ho chiesto a mia madre e mi ha detto che l'ora esatta è tra le 2,35 e 2,45.
dove dovrei andare a trascorrere il compleanno a questo punto?
grazie mille di nuovo per la vostra disponibilità.
Luca Belli

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

per luca belli: è preferibile l'estratto di nascita al ricordo di tua madre. la località comunque è sempre la stessa: la posizione dell'ascendente di riv. non cambia molto.

anche da parte mia un buon compleanno a pasquale iacuvelle.

Anonimo ha detto...

Illustre Astrologo Ciro Discepolo,
ho visitato il Suo sito internet e voglio congratularmi con Lei per l’elevata
preparazione nell’Astrologia.
Le scrivo per poter sperare in un suo consiglio sul mio desiderio di avviarmi
alla professione di astrologo.
Da ragazzo ho studiato Astronomia in un corso extracurriculare erogato dall’
Istituto Industriale di Molfetta e sono stato socio dell’Associazione Barese
Astrofili dove vi erano ingegneri meccanici tra i maggiori esponenti del
sodalizio.
Ho tre diplomi di maturità tecnica conseguiti col massimo dei voti presso
istituti tecnici statali: meccanica, elettrotecnica e ragioneria.
Ho una laurea in ingegneria meccanica conseguita nel 1993 al politecnico di
Bari, con tesi sperimentale in robotica e votazione di 108/110.
Ho letto un certo numero di libri di diritto, psicologia, sociologia, storia.
Talvolta scrivo su qualche giornale cittadino riscuotendo consensi.
Nel tempo libero studio sempre: mi sto dedicando a studi preliminari per
potermi iscrivere ad un master a distanza sulla Storia del Cristianesimo presso
L’Orientale di Napoli.
Amo Napoli: sono vicepresidente pugliese dei Comitati delle Due Sicilie,
associazione meridionalista.
Non credo nell’Astrologia come disciplina scientifica ma credo nell’Astrologia
come materia umanistica e cioè come linguaggio alto ed efficace della
tradizione popolare e della cultura, utilizzabile dal consulente astrologico,
generalmente esperto in molte discipline, per aiutare consultanti di qualsiasi
ceto a risolvere determinati problemi.
Mi piace pensare all’Astrologia come ad un ramo della Ricerca Operativa,
capace di indicare possibilità di scelta a priori ignote e quindi nuove,
originali, che non sarebbero potute essere considerate seguendo altre
metodologie di ricerca.
Oggi tutti abbiamo bisogno di avere indicazioni su strategie nuove per
proporsi nella vita e nella professione ma non tutti hanno la capacità di
studiare le complesse problematiche alla base di scelte che abbiano probabilità
di vincere. Siamo quindi nel campo dell’interpretazione del destino per
cavalcarlo favorevolmente, siamo nel campo della componente magica insita nell’
uomo.
L’astrologo, da quello che ho capito, non è un mago né ha la bacchetta magica,
è un esperto di rigorose tecniche di interpretazione dei simboli astrologici
che assumono come postulato primitivo un postulato magico: l’influenza degli
astri sulla vita delle persone.
Gli interessanti risultati dei Suoi riscontri statistici di alcune teorie
astrologiche, evidenziano l’errore, tipico degli scettici, di credere che la
base magica infici ogni risultato a cui può portare l’Astrologia. Evidentemente
l’elemento magico, trattato con onestà intellettuale, trasformato da credenza
popolare a ipotesi formale, può costituire l’anello mancante alle teorie
materialistiche che considerano gli astri come palle di gas e l’uomo come
entità esclusivamente fisica.
Io non sono materialista, sono convinto che la persona e la sua proiezione
nella natura vadano rispettate nella loro globalità e complessità: mentre per
un robot due più due fa inesorabilmente quattro, per una persona può fare ben
di più, se viene aiutata tecnicamente, rispettando ogni sua potenzialità:
fisica ed emotiva, istintiva ed intellettiva, sensibile ed imponderabile,
fantastica e concreta.
Mi piacerebbe avere qualche sua considerazione su questi miei pensieri ed in
particolare mi piacerebbe sapere se l’Astrologia oggi è professionalmente
possibile.
La ringrazio per l’attenzione e Le porgo distinti saluti.

Cosimo de Gioia
Molfetta (Bari)

LucaBel ha detto...

grazie Al Rami,
e se io volessi andare a Luxor, in Egitto , per esempio?
asc sarebbe in 10 e non in cuspide con la 11 a..? avrei anche sole in cuspide con la 5 o addirittura il sole in 5 .. forse troppi pianeti in 5a casa?
mah veramente astro. com andando a jerusalem mi da l'asc. di rivoluzione in cuspide con la 11a.. forse tu hai un programma piu preciso?
Grazie mille di nuovo e scusa per il disturbo
Luca Belli

antonellina ha detto...

Caro Ciro,io il visto lo chiesi 2 mesi prima!Ma all'agenzia mi dissero che l'avevano spedito solo 15giorni prima della partenza perche'non si poteva fare altrimenti!Che la prassi era quella!Ma ora che mi dici cio',la prossima volta faccio cosi',non saldo finche'non arriva il visto!Grazie ancora dei tuoi consigli.Buon viaggio ciao a presto Antonellina

agwind ha detto...

Caro Ciro,
mi sei sempre sembrato una delle poche persone affidabili in campo astrologico, e con grossissime conoscenze.
Potresti darmi indicazioni su statistiche concernenti la frequenza media dei segni zodiacali? Ti spiego: sto cercando di verificare qual é il segno preponderante nei soggetti che fanno yoga in maniera "seria". Dai primi sondaggi mi risulta che sia lo scorpione (e il discorso potrebbe "tornare", in quanto mi sembra che sia il segno che maggiormente rappresenti la "trasformazione" spirituale). Vorrei però sapere se anche fra la popolazione "normale" il segno più frequente é proprio lo scorpione. I soggetti che ho studiato sono italiani di tutte le regioni, con età fra i 20 e i 70 anni. Esistono delle statistiche di qualsiasi tipo in materia? Mi interesserebbero anche se la popolazione studiata é diversa per età o collocazione geografica da quella che a me servirebbe per un confronto omogeneo.
Ti ringrazio vivamente.
Antonio