mercoledì 28 luglio 2010

My Solar Return in Capetown






Stanno per accadere ancora avvenimenti importanti e non ne posso parlare, per il momento. A tempo debito vi spiegherò quel meraviglioso (da un punto di vista tecnico) incastro in cui c’è stato anche l’incendio. Come ha scritto qualcuno, e come hanno commentato a voce due miei carissimi amici, l’interpretazione simbolica più pertinente, sembra essere quella della volontà di bruciare tutta una parte consistente del nostro passato per guardare in avanti, verso un futuro che già oggi è bellissimo.
A Capetown ho conosciuto dei bravissimi colleghi, tra cui mi piace ricordare Gary Cousin e sua moglie Alexandra. Lì ho tenuto la mia prima conferenza interamente in inglese e se anche il mio inglese è lontano dall’essere perfetto, ciò non ha impedito che non volevano lasciarmi andare via e che ho ricevuto tantissimi applausi.
Presto il video e l’audio saranno su YouTube.

Per Isabella. Grazie anche a te per gli auguri che so essere affettuosi e sinceri.
Per il picco non saprei cosa aggiungere a quanto scritto dal grande nostro Maestro: lui si occupa di Mondiale, io di Astrologia Individuale. Sarà una gran brutta bestia, ma l’Umanità ne ha conosciuto di peggiori.
Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
Posta un commento