domenica 6 maggio 2012

Pochi Consigli A Chi Chiede Aiuto Agli Astrologi

Copyright Ciro Discepolo




11 Pillole sull'argomento:


Pochi Consigli A Chi Chiede Aiuto Agli Astrologi



Potete trovarle qui:




http://www.youtube.com/user/CiroDiscepolo48?feature=mhee













Luigi Galli ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "The Natal Chart Of My Father (Italian)":

Caro Ciro,
molte grazie per tutte le mille pillole.
Nessun astrologo al mondo ha dato tanto e gratuitamente a tutti gli appassionati e studiosi della materia.
Meriteresti un monumento!


Grazie, Luigi, so che avete apprezzato in tantissimi. In effetti, se io avessi potuto disporre in passato di tale materiale, i miei studi sarebbero stati molto più facili e veloci. Vedrò di dare il meglio che posso anche in seguito. 










Havoc ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "The Natal Chart Of My Father (Italian)":

Ciro, vorrei farti una domanda. In questi giorni mi sto imbattendo nello studio dei fenomeni collettivi (per il momento solo a livello psicoanalitico), ossia di quegli eventi che colpiscono allo stesso tempo una moltitudine di persone. Spesso i detrattori dell'astrologia si appoggiano a questi eventi per banalizzare, o peggio "ridicolizzare" la validità dei temi individuali di nascita (cosa alquanto innegabile, invece, a mio parere).
Però vorrei una tua spiegazione al riguardo. Effettivamente quando un evento colpisce una moltitudine di persone, per esempio l'attentato delle Torri Gemelle, la bomba atomica a Hiroshima, genocidi vari, ecc. non è possibile ed è assurdo pensare che tutti coloro che sono stati coinvolti abbiano avuto una configurazione astrale pesante e nefasta al momento dell'avvenimento. Sono convinto che molti di loro, avessero, al contrario, una configurazione astrale che non faceva pensare assolutamente ad un evento di quel calibro. Come lo spiega ciò? Ci sono delle configurazioni planetarie che trascendono il tema individuale?

Grazie in anticipo.

P.S. (La domanda potrebbe sembrare banale, e se ritiene che sia tale chiedo scusa, sono solo un dilettante al momento)



Caro Havoc,
avrei tantissimo da scrivere. Mi limiterò a ripetere dei concetti già sviluppati altrove.
Credo che il problema principale sia dovuto all'educazione che abbiamo ricevuto, educazione in cui si attribuisce un valore sacro alla morte, laddove, a mio avviso, essa è un momento qualsiasi della vita di una persona, come una malattia, un incidente, una rottura in un rapporto...
Inoltre il nostro protagonismo umano ci porta spesso a pensare di essere davvero speciali nel lunghissimo respiro dell'universo che probabilmente fa da sfondo a tanti respiri minori come quelli che accompagnano una guerra, l'andamento di una squadra di calcio, una crisi economica e via dicendo.
Per esempio noi non sappiamo nulla sul rapporto - mettiamo - stelle/ere glaciali et similia.
All'interno dei "respiri" più grandi dobbiamo leggere necessariamente quelli più piccoli, ma ciò non ci autorizza a credere di poter omologare la morte quasi contemporanea di migliaia di persone.
Partiamo dal basso e vediamo che, per esempio, in un incidente ferroviario muoiono 100 persone e 400 si salvano: come mai?
Questa è già una prima risposta.
In altri casi, come a Hiroshima, circa 100.000 morti, qualcuno si salvò e sarebbe assai interessante cercare di capire come e perché. Gli altri che morirono quasi tutti, non ebbero la stessa fine ed alcuni trapassarono all'istante, "il loro corpo fu vaporizzato in un attimo", in modo indolore, mentre altri impiegarono giorni e anche mesi a morire tra atroci sofferenze: perché? La loro situazione astrale non spiegava ciò?
E poi facciamo il caso inverso: l'altro ieri, in Italia, milioni di persone non sono state ricoverate in rianimazione e invece il senatore Andreotti sì: si poteva prevedere con l'astrologia, come ho fatto io? Sì. Lo potevano fare tutti? No. 
Metti in un grosso contenitore il Sapere, l'Astrologia, le tecniche previsionali, e tutto il resto, partendo dalla desacralizzazione del concetto di morte e comincerai a spiegarti qualcosa in più.
Tu dici: "Ma i nemici dell'astrologia dicono che...". E tu ascolti tutti i dementi sconosciuti che parlano?









Caro Ciro,
wow, grazie mille per la risposta celere per la RSM della mia amica del 27 maggio p.v.

Ho una domanda extra :-) ho letto molti tuoi libri e seguo giornalmente il tuo blog (che è uno dei migliori blog, aggiornato e puntuale!!) e ho notato che per trovare l'amore in una RSM ultimamente prediligi Plutone in 5a casa e Giove e Venere in 10a.

Mi chiedo, nel caso di una RSM dove fosse presente la congiunzione Giove-Venere, per l'amore, è più potente posizionare tale congiunzione in 5a o in 10a? Naturalmente, badando di non contravvenire alle 30 regole e di non penalizzare la Rivoluzione con un Saturno in 10a... o Plutone gioca il ruolo decisivo, secondo la tua esperienza?

Sempre grazie e grazie davvero, un salutone
Francesca



Cara Francesca,
in effetti la tua domanda parte da un presupposto non esatto, forse perché ci segui raramente. Nei prossimi mesi noi dovremo evitare, nelle Aimed Solar Returns, posizioni alquanto insidiose, come la vicinanza Marte-Saturno nella stessa Casa che non sia la 3^ o la 9^. Se io posso agire liberamente, allora faccio com'è scritto nelle regole che leggi nei miei libri e che non cambio a piacimento: per l'amore cerco di posizionare soprattutto Venere e Giove in quinta e in settima Casa, ma se il cielo di quel giorno non me lo consente, posso anche tentare di potenziare quel settore con forti e positivi valori di decima Casa e magari con un Plutone in quinta. In effetti la tua domanda non è del tutto bizzarra perché esistono, in giro, pseudo-astrologi che mandano persone a spendersi il compleanno in giro per il mondo con una Venere in quinta e un Ascendente in I Casa: se ti imbatti in qualcuno di questi, scappa più che puoi...








 

Ricevo e volentieri pubblico il programma universitario di studi, dei prossimi mesi, della mia cara amica Mara De Chiara, brillante e giovane docente di letteratura inglese all'Istituto Universitario Orientale di Napoli:





Letteratura Inglese Moderna e Contemporanea III anno

Prof.ssa Marina De Chiara (anno 2011-2012 – Gruppo A-L)




IMPARTITO NEI SEGUENTI CORSI DI LAUREA:

CLASSE L-11

EA (Lingue, Letterature e Culture dell’Europa e delle Americhe)

CLASSE L-12

MC (Mediazione Linguistica e Culturale)

CLASSE L-11 (Interfacoltà – sede amm.va Fac. Lettere e filosofia)

PC (Plurilinguismo e interculturalità nel Mediterraneo)





Terre desolate: da Joseph Conrad a Seamus Heaney



A inizi Novecento le inquietudini della vicenda imperiale britannica fanno descrivere a Joseph Conrad un ‘cuore di tenebra’ come emblema della modernità. Ma l’orrore si trasferisce ben presto dalle terre lontane, quelle violate e devastate dal colonizzatore, al cuore stesso dell’Europa. Lo scenario delle due Guerre Mondiali pervade tutta la letteratura novecentesca, dai poeti di guerra (Wilfred Owen, Siegfried Sassoon) alle avanguardie artistiche moderniste, da T. S. Eliot a Virginia Woolf, da D. H. Lawrence alla generazione degli anni Trenta (W. H. Auden, Stephen Spender), fino alle figurazioni gotiche di Daphne Du Maurier negli anni Cinquanta: il gotico, infatti, come genere letterario può offrire uno scenario perfetto per la simbolizzazione dell’angoscia della mente, della desolazione psichica dinanzi allo scempio della guerra: tropi gotici quali il sogno, l’inconscio, il rimosso, il vampirismo, la pulsione di morte, diventano spazi figurali della ‘terra desolata’ interiore sullo sfondo degli eventi storici devastanti del ventesimo secolo.

Il corso si conclude con le trasfigurazioni del mito classico nella voce poetica di Seamus Heaney, che riprende l’orrore delle guerre fratricide e l’antica domanda tra stato e individuo, attraverso la mitica figura della Antigone sofoclea.



BIBLIOGRAFIA
J. Conrad, Heart of Darkness (1899); poesie di Siegfried Sassoon e di Wilfred Owen; T. S. Eliot, The Waste Land (1922); Prufrock (1917); V. Woolf, Mrs. Dalloway (1925); H. D. Lawrence, “L’amante di Lady Chatterley” (1928); W. H. Auden, Spain; Daphne Du Maurier, “The Birds” (1952) e “Kiss Me Again, Stranger” (1953); Seamus Heaney, The Burial at Thebes (2004); “Nobel Prize Lecture” (1995).

Una dispensa per gli studenti conterrà i seguenti saggi relativi ai testi letterari scelti (e sarà corredata da una parte antologica): Robert Hampson “Introduction” a Heart of Darkness di Conrad (1995); Sandra Gilbert, Susan Gubar, “Soldier’s Heart. Literary Men, Literary Women, and the Great War”, in No Man’s Land (1989); Gillian Beer, “The Island and the aeroplane. The case of Virginia Woolf”, in H. Bhabha, Nation and Narration (1980); Stephen Spender, “A ritualist sensibility”, “False Grails”, “The Temporal City of Total Conditioning”, in Eliot (1975); Raymond Williams, “D. H. Lawrence”, in Cultura e Rivoluzione Industriale (1961); Marina Premoli, “Prefazione” a Stephen Spender, Caro Christopher (1970); Seamus Heaney, “The Nobel Lecture, 1995”; S. Freud, “Il perturbante” (1919).

E’ prevista, quale parte assolutamente centrale per il corso, la visione di film, tra i quali: All’ovest niente di nuovo (Lewis Milestone, 1930); The Hours (Stephen Daldry, 2002); Uccelli (Alfred Hitchcock, 1963); Apocalypse Now (F. F. Coppola, 1979); La donna che canta. Incendies (Dennis Villeneuve, 2010).



Da acquistare:

i tre romanzi previsti (Conrad, Woolf e Lawrence), a scelta: in italiano o in inglese; il poema The Waste Land, di T.S. Eliot (un’edizione che preferibilmente abbia il testo in italiano a fronte, per es. ed. BUR, a cura di A. Serpieri).

Una storia della letteratura inglese di livello universitario (per es. Bertinetti), da cui si approfondirà il periodo compreso tra inizi Novecento e contemporaneità.

Peter Childs, Modernism (2000); Marina De Chiara, La traccia dell’altra. Scrittura, identità e miti del femminile (2001), si studierà solo il cap. 2, “Tra gli atti della scrittura. La tecnica, la modernità e la scena dell’identità in Virginia Woolf”.

MODALITÀ DIDATTICHE E DI ESAME:
Si leggeranno interamente almeno tre testi narrativi e diversi testi poetici, la cui analisi testuale permetterà una adeguata ricognizione dei contesti sociali, politici, letterari e culturali; il materiale audiovisivo è parte integrante del corso. La bibliografia potrà essere integrata da ulteriore materiale critico, che verrà adeguatamente segnalato durante le lezioni.
L’esame consisterà in un colloquio orale, in inglese e italiano, teso ad accertare l’acquisizione e la rielaborazione critica dei contenuti, e sarà preceduto da una verifica scritta da svolgersi alla fine del corso. I non frequentanti dovranno contattare la docente, solo durante il suo orario di ricevimento, per concordare il programma di esame. Gli esami si svolgeranno sempre presso l’ufficio della prof.ssa De Chiara, iv piano di P.zzo Giusso, stanza 12.

La dispensa corredata di una parte antologica sarà disponibile presso il negozio di fotocopie di Firous, “Kubri”, subito prima del Bar ‘Orientale’ (Largo San Giovanni Maggiore, superando di pochi metri Palazzo Giusso).










Niko ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "The Natal Chart Of My Father (Italian)":

Ciro, tanti auguri per le tue prime mille lezioni su youtube! sto trovando mille difficoltà per il mio viaggio di RSM dovuto credo a Saturno in terza ed Urano in nona di RS! che ne pensi se mi piazzo stellium in quarta con Sole, Marte e Plutone? Ascendente tra quarta e quinta?


Niko 



Caro Niko, ti aiuterò volentieri, ma mi sarebbe utile sapere dove non riesci ad andare.









Niko ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "The Natal Chart Of My Father (Italian)":

Ciro, ho una domanda da porti: conosco una mia amica che, però, non parte per i compleanni mirati, quest'anno ha avuto Marte in sesta, Ascendente tra prima e seconda e, infine, stellium in ottava con Saturno! l'ex marito che le dava il mantenimento per la figlia, da qualche mese non le dà più i soldi perchè dice di lavorare poco; pensi che se fosse partita per il compleanno, il marito continuava a darle i soldi? il nostro destino è legato a quello degli altri? spero che la mia non sia una domanda banale...


Niko



Caro Niko,
la tua domanda non è affatto banale. Ovviamente i nostri destini sono tutti concatenati. Quando noi ci pretendiamo una RSM cattiva, ci accadono una serie notevole di disgrazie, anche quelle che non ci sembrano tali e che neghiamo. Io mi ero posto 4 obbiettivi da raggiungere con la mia ASR di Novosibirsk dello scorso anno: in effetti ne ho raggiunti molti di più e quasi tutti erano legati a cose che dovevo ottenere da altre persone. Altrimenti che partiremmo a fare? Un caro saluto. 








Domani e dopodomani sarò all'estero e pertanto vi prego di postare quesiti "light". Io cercherò comunque di far funzionare il blog come sempre (più di uno al giorno per tutti i giorni dell'anno). Se non doveste ricevere risposta a un vostro commento, per favore ripostatelo martedì. Grazie. 








Buona Giornata a Tutti.
Ciro Discepolo




STATE MOLTO ATTENTI A DARE I VOSTRI RISPARMI ALLE POSTE ITALIANE SE NON VOLETE PERDERLI




Notizie di servizio


Per postare una domanda o un commento, visualizzare la pagina con il blog di quel giorno e portarsi sotto a tutta la pagina. Quindi entrare nella scritta “Posta un Commento” oppure “Tot Commenti” e lasciare il pallino nero su Anonimo. Quindi scrivere il messaggio e, dopo averlo firmato con il proprio nome e cognome o con un nickname, spedirlo. Occorre sempre che aggiungiate luogo, giorno, mese, ora e anno di nascita. Solitamente rispondo nel blog del giorno dopo.


To post a Query or a Comment

To post a question or a comment, visualize the page with the blog of that day and go under to the whole page. Then enter the writing “Sets a Comment” or “Tot Commenti” and leave the black little ball on Anonymous. Then write the message and, after having signed it with your own name and last name or with a nickname, send this message. It always needs that you add place, day, month, time and year of birth. I answer usually in the blog of the day after.


Per vedere bene i grafici zodiacali e le foto, occorre cliccarci sopra: si ingrandiranno.

To see well a graph, click on it and it will enlarge itself.


Passando il puntatore del mouse su di un grafico, leggerete, in basso a destra dello schermo, il nome della località consigliata. Se ciò non dovesse avvenire, vi consiglio di usare come browser Chrome di Google che è gratuito e, a mio avviso, il migliore.

Where it will be my birthday?
Passing the mouse pointer on a graph, you will read, in low to the right of the screen, the name of the recommended place. If this didn't have to happen, I recommend you to use as browser Chrome of Google that is free and, in my opinion, the best.



A che ora sarà il mio compleanno? (At what time I will have my Solar Return?):





Qual è l’Indice di Pericolosità del Mio Anno?
CALCULATE, FREE, YOUR INDEX OF RISK FOR THE YEAR (as explained in the book Transits and Solar Returns, Ricerca ’90 Publisher, pages 397-399):




Quanto Vale il Mio Rapporto di Coppia?
Test Your Couple Compatibility:



Posta un commento