sabato 16 febbraio 2008

Le conferme di Didier Castille alle mie tesi sul compleanno



André Barbault, in un numero speciale de l'astrologue dedicato interamente alla statistica, ha indicato solo tre nomi che, secondo lui, hanno fatto la storia della ricerca statistica in astrologia: i coniugi Gauquelin, il sottoscritto (insieme a Luigi Miele) e Didier Castille.
Quest'ultimo giovane ricercatore e astrologo francese ha avuto (vorrei vedere il suo cielo natale) la fortuna di lavorare all’Istituto Centrale dell'Anagrafe in Francia e così, un bel giorno, si è portato a casa un dischetto con decine di milioni di date di nascita di francesi: il sogno di ogni ricercatore statistico in astrologia.
Tuttavia i brillantissimi risultati che egli ha conseguito non dipendono affatto dalla fortuna, ma da grande talento. Infatti tutte le date erano senza orario di nascita e come avrebbe potuto utilizzarle? Egli ha pensato di lavorare esattamente sui compleanni e sul giorno di nascita dei molti soggetti a disposizione. È venuto fuori un insieme spettacolare di ricerche che dimostrano, tra le altre cose, come la più alta percentuale di persone si sposi il giorno del compleanno o nei giorni intorno al compleanno e come i figli nascano il giorno del compleanno di uno o di entrambi i genitori.
Insomma io sono molto grato a Didier Castille che, oltre ogni ragionevole dubbio, ha potuto dimostrare, in maniera schiacciante, la regola numero 1 delle mie 30 e di cui, tra i commenti di ieri e di oggi, hanno scritto, credo, due di voi tra cui Paola che ha ricordato la signora morta a Milano il giorno dopo del proprio compleanno.
Sempre a Paola vorrei dire di smettere subito di fumare perché, purtroppo, l'ammalarsi di cancro, per un fumatore, non è più una probabilità, ma una certezza. Sulla colonscopia non avere troppa paura: è certamente molto dolorosa, soprattutto quando la sonda giunge fino in fondo. Io la faccio ogni quattro anni, come credo dovremmo fare tutti. A volte l'ho fatta con l'aiuto di 10 cc di Valium (cara Zia Paperina anche io mi curo omeopaticamente, ma quando occorre il Valium occorre il Valium) endovena, ma altre volte senza anestesia. Ti consiglio di farla a testa bassa e con una cannuccia di ossigeno che ti aiuti a respirare meglio.

A Doriana che mi chiede se la mia foto rappresentava la Mongolia devo dire che già Luigi aveva acutamente indicato il centro del Sahara, ma se osservate bene quegli scogli e quelle onde, non pensate che potrebbe trattarsi anche del picco del Cervino?

Cara Zia Paperina (essendo un marchio di fabbrica, come Zio Ciro, credo si debba scrivere con le due maiuscole) non temere: non hai fatto baccano. Sei molto utile a tanti e mi alleggerisci di molto lavoro. Continua pure così e fatti anche una doppia dose di crack! Non penso che sia violazione della privacy o sciacallaggio guardare i dati di nascita del povero maresciallo: la nostra si chiama Astrologia Attiva e ha lo scopo di aiutare a prevenire, a evitare. Certo, se noi leggessimo solo i guai degli altri, senza proporre un possibile rimedio, allora si potrebbe parlare di sciacallaggio. Anche io dico tutto perché sono convinto che ci sia il rimedio o un parziale rimedio.

Graziano Vagnozzi ha ricordato "Io sono leggenda". Bene questo film c'entra con l'Astrologia Attiva: una bravissima doppiatrice, Mariolina Di Maro, soprattutto con il suo talento, ma anche con l’aiuto dell'Astrologia Attiva, ha avuto il suo primo ruolo abbastanza importante in questo film. Per l'intervista che mi fece Elisabetta Mirti, devo dire che credo io sia tra i pochi a non averla letta: forse la nostra collega ha dimenticato di mandarmene una copia e se tu potessi prestarmela, te la restituirei certamente.

Il nostro Brontolo brontola sul fatto che lo vogliamo chiamare Brontolo, ma poi, simpaticamente, accetta e questo mi fa piacere. L'umorismo, penso, sia sempre il migliore sale della vita. Questa estate mi trovavo in un villaggio turistico e sono stato beccato insieme ad altri ospiti e portato di peso sul palco. Allora hanno passato il microfono e ognuno doveva dire chi era e che lavoro faceva. Non ho saputo resistere alla tentazione di cinefilo e, quando è toccato a me, ho fatto una citazione da film di Woody Allen: "Procuro aborti", ma non l'ha capita nessuno e dopo l'ho dovuta spiegare agli artisti del villaggio. Ti ringrazio, Sergio, per il riferimento bibliografico: l'articolo è già impaginato, ma per un prossimo approfondimento...
Ringraziamo Sabrina e Sabri per averci ricordato il bel motto di Blaise Pascale e la poesia-racconto che ci mostra l'immagine di un dio misericordioso che pensa a noi. Invidio, sinceramente, questo pensiero e un tale atteggiamento verso la vita. Purtroppo io penso, invece, che due punti di riferimento importanti che descrivono la nostra condizione umana siano "Homo homini lupus" (l'uomo è lupo all'uomo, l'uomo mangia l'uomo) e la famosa frase del Vangelo "Vi mando come pecore in mezzo ai lupi".
Però, è bello che ci siano anime così candide e ottimiste, come la stupenda Anna Frank di cui ricordai, settimane fa, la frase "Nonostante tutto credo nell'uomo...".
Zia Paperina, non mi elogiare troppo, altrimenti pensano che sia io a scrivere sotto falso nome... Grazie, infine, a Brontolo, per il suo “Guerra e Pace”. Scherzo, ma mi chiedo: se avesse tutta la giornata a disposizione, che scriverebbe?
Buona giornata a Tutti.

Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it

18 commenti:

Sabri ha detto...

Caro Zio Ciro,
Sabrina e Sabri sono sempre un'unica persona, "una e bina...anzi Sabrina" ;o)
Ieri sera mi sono "imbattuta" in questi due pensieri che gia' conoscevo e li ho trovati molto adatti.
Magari fossi "candida" come scrivi, ma credo che anche di fronte a tutte le brutture possibili, sia fondamentale avere fede sebbene sia la cosa piu' difficile da mantenere in tali frangenti (intendo fede in Dio e fede nella ORIGINALE bonta' di cio' che ha creato).
Cio' non toglie che i tuoi due motti siano veri anche per me, impossibile negarlo, vista l'evidenza di ogni giorno.
In fondo non credi che "l'ottimismo e' il sale della vita" ?
Altrimenti le basi dell'Astrologia Attiva quali sono?

Un caro saluto a tutti i mitici personaggi disneyani che scrivono nel blog.

Sabrina

uranio12 ha detto...

Da ASTRA DEL 2004,LEZIONE D'ASTROLOGIA 58-60

quesito n°8:perche' si debbono usare la latitudine e la longitudine di nascita per domificare il tema di rs?

Risposta di Antonio Capitani:
su quest'argomento ci sono tre scuole di pensiero.La prima sostiene che bisogna riferirsi alle coordinate in cui l'individuo risiede normalmente,la seconda quella che si riferisce al luogo in cui si va apposta per ottenere una posizione propizia dell'ascendente e la terza per il luogo dove si e' nati.Trovo questa opzione la piu' logica in base all'esperienza e alle considerazioni che seguono.
Su un dato di fatto,credo tutte le scuole di pensiero sono daccordo:le posizioni planetarie rimangono tali in qualsiasi punto del globo...Dunque se non possiamo manipolare gli aspeti planetari di rs come possiamo illuderci di trasformare a nostro piacimento la domificazione annuale?La risposta,a parere di chi scrive e' che non possiamo:la rs deve per forza soggiacere alle stesse leggi immutabili dell'orologio cosmico cui sono sogetti tutti i cicli planetari.E' un orologio che scandisce 12 anni fra i passaggi di Giove...anche fra due ritorni consecutivi del Sole sullo stesso grado dello zodiaco passa sempre lo stesso tempo,ovvero un anno e sei mesi circa.Si tratta di intervalli di tempo ben precisi sui quali l'intervento umano non puo' nulla...Ne consegue che il tema annuale e' una derivazione di quello natale e non gia' un avvenimento a se' stante,e che la posizione del sole e dell'ascendente all'interno della rivoluzione sono soggette a leggi esatte e immutabili,che non ci e' dato di forzare.
-fine prima parte-

questo e' il pensiero di Capitani,una bestemmia dopo l'altra,appena ho tempo posto le altre due parti

paola ha detto...

non so chi sia capitani e non leggo ASTRA, ma leggendo il post mi è venuto da pensare un sano CHISSENEFREGA. Abbiamo stabilito, almeno fra noi, che stante i libri e soprattutto l'esperienza di Zio Ciro che le RSM funzionano? Sì. Le abbiamo provate e "schedate" sulla nostra pelle? Sì. E allora? Un punto fermo , almeno per noi, è stato fissato. Da quello ben vengano le considerazioni di chi le prova, le RSM, e non di chi le rifugge. Se avessi trascorso i miei ultimi compleanni a Milano... la mia esperienza di vita non sarebbe stata questa. Perché rivangare?

doriana ha detto...

Sono d'accordo con Paola in pieno, e per quanto io sia grata ad uranio12 per lo sforzo, mi sento di consigliargli di lasciar perdere la fatica della trascrizione...
Direi che non ci è di nessuna utilità disquisire su chi, comunque e mai, è disposto a credere nella efficacia delle RSM.
Molto utile, invece, ritengo sia scambiarci pareri, consigli ed esperienze... per rendere/rci più felici. Giacchè sono in piccola pausa trasloco (buon Dio 12 scatoloni fatti e una sola libreria svuotata... ne ho 5... finirò mai?) qualcuno sa indicarmi come fare ad inserire nuove località in astral ( e con quale unità di misura)?
A proposito dell'argomento esorcizzare: è così ricorrente nei nostri post che mi sono decisa ad aprire uno scatolone e recuperare "atrologia attiva" mia personale e preziosissima bibbia in tal senso... Come dire che nei prossimi mesi sarò naufraga a casa altrui e fra le 4 cose indispensabili cui non posso rinunciare, ci metto proprio quel testo....
Grazie a tutti e buona giornata

Graziano Vagnozzi ha detto...

Pur non seguendo il metodo del RSM (non per scarsa fiducia in Ciro, che considero stare alla maggior parte degli astrologi italiani come un purosangue sta ad un ronzino, ma solo perché non le ho ancora sperimentate di persona) mi pare che il discorso di Capitani non abbia alcuna logica e che le motivazioni addotte siano quantomeno vaghe e fumose.

uranio12 ha detto...

Chi si prepara alla guerra deve conoscere le forze in campo propie e del nemico

doriana ha detto...

Sì Uranio, in caso di guerra è vero. Per fortuna, però, noi non siamo in guerra con nessuno... pacificamente ci rivoluzioniamo mirandoci (cito Giulia). Siamo contenti così, non schiacciamo le "domificazioni" a nessuno...
Altrimenti è come voler convincere un ateo che Dio esiste; se non crede, non crede... (magari anche in buona fede, per convincimento). E ha ragione Paola: chissenefrega! Chi crede alla medicina omeopatica si cura con quella, chi ritiene che sia una bufala ricorre ai farmaci tradizionali (che non è detto che facciano sempre bene e a tutti e oltretutto la chiamiamo scienza!)
Insomma in un paese libero ognuno sceglie quello che più gli aggrada... e il Sig. Capitani può dire/consigliare ciò che gli pare...
Noi possiamo portare la buona "novella" con le nostre convinzioni, esperienze, ecc..., ma mica puoi convertire la gente a forza!
L'unica cosa che possiamo, e, credo, dobbiamo fare, è essere coerenti alla scuola alla quale abbiamo scelto di appartenere.

uranio12 ha detto...

Ok...mi risparmio anche le articolazioni delle dita

doriana ha detto...

Scusa Uranio12 non volevo essere sgarbata con te :-) e spero di non esserlo stata.
Personalmente non la ritengo una battaglia utile, ma ho parlato a nome di tutti e questo non è corretto...

uranio12 ha detto...

Non preoccuparti Doriana,ho capito che non vale la pena informarvi di qualcosa che gia' sapete e avete praticato:e' come dire ai ragazzi di terza media di impararsi bene a addizionare 2+2(anche se molti veramente non ne sono capaci).

A parte questo,ragazzi mi piacerebbe conoscere su quale fronte si muove la vostra libido(non in senso freudiano,eh??).
Ad esempio la mia e' da sole in terza e quindi Gemelli,quella di Ciro e' da prima ovvero Ariete.
E la vostra?Quella di Sabri,Zia Paperina,Brontolo,Doriana ecc,ecc...?E' gia' un modo di conoscerci un po di piu'

Sabri ha detto...

Caro Uranio12,
sono sicura che se chiedi a Zio Ciro, ti sa' dare una sua opinione sulla direzione che la mia libido ha secondo il mio tema, data la sua enorme esperienza nell'interpetazione di temi natali. Secondo il mio attuale livello di consapevolezza posso dirti che "libidicamente parlando" mi esprimo un po' da I casa un po' da V casa; ma ho notato anche una forte corrispondenza in materia di compensazioni tipiche degli assi I-VII e V-XI.
Saro' forse una personcina un po' complessa? ;o)

Saluti,
Sabrina.

doriana ha detto...

La mia libido è da X casa, anche se non mi ci riconosco molto (almeno non nel senso carriera/ambizione).
Zio Ciro mi consigliò di leggere "il temperamento nervoso" di Adler, che di fatto parla della tipologia capricoro. E lì si che mi ci sono riconosciuta... grande abnegazione e spirito di sacrificio pur di essere/sentirmi all'altezza, poichè non mi ci sento mai... Beh ero proprio io!

Sergio ha detto...

Cara Paola,
ti auguro ogni bene per il transito di Giove.

Caro B-right,
grazie per la comprensione, ma il problema non era tanto il lavoro perchè ho fatto lavori ben più pesanti. Il fatto è che capita di farsi male o di avere qualche problema. Tutto si sarebbe risolto con una vera visita. Il fisiatra quando mi ha visitato parlava al telefono delle uova di Pasqua con la moglie (nella mia rivoluzione si vede sole e giove in seconda=alimentazione). A volte basta poco per risolvere grossi problemi, nel mio caso ci sono state 4 "mani da fata" (cioè due fisioterapiste).

Caro Uranio12,
a mio parere meno cose inconsapevoli ci sono meglio è. Per quanto mi riguarda il nemico non bisogna mai ignorarlo e bisogna tenerlo sotto controllo.

Ma forse questo lo dico per la mia libido da 12° Casa...

Salute a tutti
Sergio

Celeste ha detto...

Caro Uranio12 carina la tua idea dello scambiarci dati inerenti la posizione del sole di nascita nelle case.
Anche io ho il sole in terza casa = gemelli,congiunto a nettuno inoltre e la luna in gemelli in 10 casa.
E questo proposito posso riscontrare per esempio un grande amore per i libri, la lettura in generale, le librerie, le biblioteche e anche un certo successo professionale dovuto al contatto con strutture che riguardano la produzione di libri.
Inoltre mi muovo spesso per lavoro.
ma con treni e aerei perchè non guido volentieri. (nettuno?)
Assolutamente assente invece il desiderio di scrivere.
E siccome trovo scritto dappertutto che mi farebbe bene farlo sono piuttosto perplessa.
Credo che l'unica cosa che scriverei volentieri sarebbe un libro, anche fotografico che possa documentare la vita nei paesi poveri (tipo india)...
Ma ho io una domanda per voi perchè in questi giorni vi ho visto scambiarvi consigli per l'esorcizzazione dei simboli - transiti.
Bene, il mio caro saturno transita ora nella mia 12 casa in vergine, seccamente congiunto a giove di nascita.
Contemporaneamente urano transita agli ultimi gradi della 6 casa in aquario e si opporra' tra poco al mio plutone di nascita in 1 casa congiunto all'ascendente in vergine.
Plutone inoltre da 2 anni se ne sta in 4 casa in capricorno ben opposto alla luna in 10.
Insomma, cambiamenti e complicanze a non finire.
Qualcuno mi aiuta con qualche consiglio per esorcizzare questi pianeti così potenti?
PS: ho osservato a posteriori l'entrata e l'uscita di saturno nelle varie case in particolare nella 10 - 11- 12 e pongo un'ulteriore domanda spero non troppo banale per chi ne sa di piu'.
A me pare di aver notato che l'effetto di saturno si faccia sentire in modo pu' intenso quando entra nei primi gradi di una casa e quando ne esce. E' un'impressione?
Grazie a tutti.

paola ha detto...

Provo a rispondere al P.S. di Celeste, avendo AS vergine e dunque Saturno di transito in XII (casa dove ho Luna e Plutone radix): osservo sempre l’effetto dell’entrata dei pianeti (soprattutto il simpatico Marte) nelle mie case e per quanto riguarda Saturno posso confermare che, almeno per quanto mi riguarda, ne sento l’effetto, il cambiamento, all’entrata e meno all’uscita: come se nel tempo, soprattutto se ha dispiegato la sua natura, l’effetto si stemperasse. Ora Saturno fra qualche mese entra in I, terminando il ciclo della XII: per me ha significato più solitudine, letta nel senso di UN PROGETTO importante nel quale mi sono sentita sempre molto sola che ho perseguito e sto perseguendo da sola e del quale spero di raccogliere i frutti con la coincidente uscita di saturno dalla XII e l’ingresso di Giove in V casa e sul mio sole, solitudine ha significato allontamento di persone dalla mia vita, amici e conoscenze, ma soprattutto riflessioni. La mia luna in XII era contemporaneamente bersagliata dai nebulosi strali di nettuno dalla VI e quando era al grado (20) insieme a saturno a 20 del leone, lo scorso anno, ha provocato pensieri profondi ma confusi, intuizioni folli e creative, talvolta dissolte nel distacco dall’esattezza del transito. Ora si stanno allentando, lo sento, questi effetti e da buon capricorno spero che saturno mostri il suo lato costruttivo. E’ sempre stato così: quando ha distrutto, falciato e portato via… da un lato, ha sempre, prima o poi restituito dall’altro. Ecco perché sopporto la solitudine, anzi la sfrutto senza farmi deprimere, perché la sto usando: per scrivere, riflettere, pagando il mio tributo con molte serate e fine settimane richiusa, segregata in casa a scrivere il mio libro. Certo, quando un transito è finito e mi guardo indietro riesco maggiormente a leggerne gli effetti di quando sta operando. I precedenti passaggi in XI hanno portato qualche lutto e in X la fatica di emanciparmi e il minor successo di vendita di un romanzo pubblicato con quel passaggio. Altro non ricordo. La congiunzione con la luna in XII che temevo molto, avendo messo apposta Saturno di RSM 2007 in quarta casa, è stato abbastanza gentile: ho fatto lavori noiosi in casa per dodici mesi…. Quando alla terza casa io ho saturno di nascita proprio lì: doppio effetto. Morte dei miei fratelli (due su quattro) giovani e paradosso ma non molto, successo nella scrittura, che è sempre e comunque (sia che sia un’intervista o un articolo piuttosto che un romanzo) una cosa faticosa, un impegno, raramente una gioia allegra. La maggior parte dei giornalisti che conosco ha valori gemelli, vergine e sole in terza, quelli sono facilitati, scrivono bene, con la dovuta superficialità. Credo non sia un caso che io, anche se scrivo molte interviste, abbia scelto la strada del romanzo. Non mi stupisce che tu abbia passione per libri e biblioteche, no? Non ho ancora capito come scaricare ulteriormente saturno in XII Radix, ma tutto quello che mi viene in mente… o mi capita, lo assecondo. Non ho più paura della solitudine, ormai. Spero di essere stata utile.

uranio12 ha detto...

beh,a quanto pare in questo blog ci sono diverse libido,segno che possiamo spaziare(mentalmente)un argomento in tutte le sfaccettature possibili.
Quindi il nostro brontolo e' da dodicesima:ecco perche' si lamenta sempre(scherzo!).
Celeste condivide con me la libido da terza e dice che non le piace molto scrivere anche se ha postato un super-commento!Mi rispecchio completamente in lei:anche a me piace molto leggere(qualsiasi cosa) e,beh,la mia superficialita' a volte e' molto palese anche se e' contrastata dall'ascendente mio in sagitter.
Riguardo a Sabri,non ho molto capito in quale zona dell'oroscopo e' il suo sole radix.
Celeste,credo che il transito di saturno in dodicesima sia molto duro ma bisogna guardare o meglio osservare le posizioni dei pianeti del tuo rs:Saturno porta prove ma se e' stemparato da una buona rsm i suoi effetti si annullano o meglio si attenuano.
Osserva bene dove hai il tuo saturno di rs e in base a quello come altri elementi avrai gia' una mezza idea di quello che cio' portera'.
Dopo.osserva anche le 12 rivoluzioni lunari di quest'anno e in base ai transiti nota i tuoi periodi piu' negativi che possono essere esorcizzati.

uranio12 ha detto...

Vorrei chiedere a Celeste(sperando che legga questo post)se,avendo un sole in terza come me,abbia una predisposizione verso il fumetto o l'arte grafica in generis.

Sabri ha detto...

Caro Uranio12,
vedo che sono riuscita a depistarti ;o).
Il mio sole radix e' in I casa, ma personalmente credo che non sia sufficiente questa posizione a definire la "libido" di una persona, per questo mi sono permessa di "giocare" ironicamente con la tua domanda.

Un salutone a tutti,
Sabrina.