domenica 17 febbraio 2008

Una buona notizia, credo, per i lettori francesi



È finalmente disponibile, dopo molti anni di assenza dalle librerie, la seconda edizione del mio testo Transiti e Rivoluzioni Solari, tradotta in francese, per le Edizioni Ricerca ’90, che potrà essere acquistata solo attraverso Internet. Si tratta di un volume di grosso formato (15x22 cm) e di 468 pagine, del peso di 1 Kg. Rispetto alla sua prima edizione "Traité complet d'interprétation des transits et des Révolutions solaires en astrologie" è un libro abbastanza diverso perché rivisto in diversi punti e a cui sono state aggiunte molte pagine (usando un font più piccolo). Esso si può acquistare attraverso il seguente url:

www.solarreturns.com/buynowfr.htm

Il costo è di 30 euro, comprese le spese di spedizione a mezzo posta "prioritaria", in ogni parte del mondo, e verrà spedito a partire da questo mercoledì. Il libro che, nella versione precedente, fu pubblicato dalle prestigiosissime Éditions Traditionnelles nel 2001, andò esaurito in pochi mesi. Successivamente l’Editore, molto anziano, decise di fermare l’attività editoriale e di continuare solo con quella di libreria specializzata. In questi anni ho ricevuto tantissime richieste, soprattutto dalla Francia e dal Québec, di studiosi interessati a tale testo, ma non ho mai potuto accontentare alcuno. Spero, adesso, con la formula tipografica che avevo già annunciato, di non farlo mancare più.




Enfin disponible en français le livre de Ciro Discepolo "Transits et Révolutions Solaires", éditions Ricerca '90. Il s'agit de la révision du livre "Traité complet d'interprétation des transits et des révolutions solaires en astrologie", publié par les Editions Traditionnelles de Paris et épuisé quelques mois seulement après sa parution.
Une deuxième partie, riche de nouvelles pages, complète la première édition de ce volume.
Il n'est vendu que sur Internet à l'adresse suivante :

www.solarreturns.com/buynowfr.htm


Ce texte, format 15 x 22 cm, 468 pages, pèse environ 1 kg et coûte 30 euros, frais d'expédition compris, par poste prioritaire dans le monde entier.

Pour tout renseignement complémentaire, écrire à : discepol@tin.it



E veniamo al nostro blog. Cara Paola, vai avanti a tutta birra e non ti preoccupare dei transiti che hai indicato. Quando, in questa RSM, si aggiungerà anche il transito di Giove raccoglierai tante belle soddisfazioni e pazienza se “crescerai di meno”… (al limite metterai un po’ di tacchi). Quando leggeremo il tuo prossimo romanzo? Verrai a presentarlo in diverse città?
Sabrina, a proposito di quanto scrivemmo ieri, dice che, a suo avviso, l’ottimismo è il sale della vita, altrimenti quali sarebbero le basi dell’Astrologia Attiva? “Tu lo hai detto, tu lo hai detto…”, è scritto nel Vangelo, ma assai più semplicemente diciamo che, secondo me, è proprio così. La vita è fatta di molti lupi e di poche pecore, di molte tragedie e di poche lusinghe, di tante sofferenze e di pochi premi, ma l’Astrologia Attiva potrebbe essere la reificazione di una filosofia abbastanza semplice e condivisibile da parte di tanti: il pessimismo nelle idee e l’ottimismo nelle azioni. Se vuoi, rifletti un attimo su ciò. Quando sfogli un quotidiano di 52 pagine, mettiamo, non è vero che 51 sono di brutte notizie e una sola pagina riporta quelle che dovrebbero essere le buone novelle del tipo che è stata scoperta una nuova molecola che, forse, fra cinquant’anni, ci aiuterà a combattere il cancro? Ieri mi sono rivisto due film, a mio avviso, particolarmente interessanti in tal senso (un mondo di lupi): “Eduard, mani di forbici” e il colossale “Wall Street”, di Oliver Stone. Certo, potremmo anche guardare il mondo attraverso i film di Frank Capra o del tipo Mary Poppins, ma io credo che la realtà sia oggettivamente molto dura e che, prim’ancora di essere ottimisti o pessimisti, dovremmo essere realisti. Se poi ho mandato oltre ventimila persone a fare il proprio compleanno mirato, senza mai pentirmi di ciò, beh, credo, appunto, di essere un grande ottimista nelle azioni.

Uranio12 ha portato un po’ di trambusto con le dichiarazioni di un capitano che scrive di RSM senz’avere alcun titolo per farlo e, giustamente, Paola risponde CHISENEFREGA. Mi associo completamente. Anche i nostri avversari del C.I.C.A.P. dicono che cielo natale, transiti e RS sono solo stupidaggini: qualcuno di voi se ne preoccupa? Però, ripeto, cosa non darei per essere una mosca e stare nella stanza di persone come questa quando fanno un consulto. Immaginatevi la scenetta e prendete a riferimento sempre, soprattutto Marte, sul quale solo i ciechi nella mente possono sbagliarsi. “Dunque lei mi dice di essere stata a Boston per il compleanno e di avere messo Marte in settima”. “No, cara signora, il suo Marte è caduto in terza perché occorre domificare per il luogo dove si risiede. Quindi lei ha avuto problemi da fratelli e sorelle o cugini o cognati o nipoti…". "No, mio fratello si è laureato a pieni voti, mio cognato ha trovato un magnifico lavoro, mia nipote un bel fidanzato e, invece, io, sto avendo guerre di ogni genere…". Non sarebbe meraviglioso far registrare, da una mosca, con una microtelecamera e poi trasmettere su “Striscia la notizia…”? Ormai sono rimasti in pochissimi i colleghi che credono a questa sciocchezza di impostazione e certo conducono una battaglia dura perché anche gli studenti del primo corso, leggendo di che si tratta, capiscono subito, come Graziano Vagnozzzi che non le ha provate ma usa la logica, che le RS vanno domificate per dove ci si trova nell’attimo del retun.
A chi può far piacere, ricordo questo mio breve scritto su detto argomento:

http://www.cirodiscepolo.it/Articoli/Juan_Carlos.pdf

Doriana chiede come si inseriscono nuove località in Astral. È molto semplice. Prendiamo, per esempio, il posto dove probabilmente sono stato per il mio ultimo compleanno lunare (poi faremo un nuovo concorso per il prossimo), Tamanrasset, nel deserto del Sahara: 22°47’N e 5°31’E. Allora tu scrivi Tamanrasset nella casella della località. Poi scrivi “22,47” nello spazio della latitudine e “-5,31g” in quello della longitudine: il meno è perché siamo a est di Greenwiche e la lettera g indica al programma che si tratta di gradi (infatti Astral potrebbe accettare la longitudine espressa anche in ore). Poi si mette 0 o qualunque numero nello spazio del fuso orario, se detta località ci occorre per le RSM (oppure si deve consultare un programma che tenga conto dei Regimi Orari Mondiali, come Aladino, se si desidera sapere nel dato anno che fuso orario vigeva lì) e quindi si preme la “M” a fianco a questi dati, M che sta per memorizza. È tutto.

Sono d’accordo con Doriana quando ricorda a Uranio12 che non siamo in guerra con alcuno ed è troppo simpatica la sua frase: “Noi non schiacciamo la domificazione a nessuno…”.

L’idea di conoscerci attraverso il segno principale che, come sapete, è quello che indica l’indirizzo della nostra libido (in quale Casa si trovava il Sole al momento della nascita) mi sembra una buona cosa. Sabrina, se sei nata intorno alle 7 del mattino, la tua libido è da Ariete, come la mia.
Bene, per oggi mi sembra che ci siamo scambiate idee interessanti. Buona domenica (chiuso alle ore 11.30).
Ciro Discepolo
http://www.solarreturns.com/
http://www.cirodiscepolo.it/

Posta un commento