giovedì 31 dicembre 2009

Come vi avevo promesso


Vi scrivo di una importante previsione che feci quattordici mesi fa e di cui sono al corrente, in tutti i dettagli, una dozzina di persone che leggono questo blog. La data dell’evento da me probabilmente intercettato è slittata perché io la collocavo tra novembre scorso e, al massimo, il 15 di dicembre 2009.
Come avevo promesso – e fino a oggi ho mantenute sempre tutte le mie promesse – nei prossimi mesi scriverò un libro, direttamente in inglese e con il dovuto e sapiente editing di chi lo fa per me da anni, in cui racconterò tutta questa storia nei suoi più piccoli dettagli. Si tratterà di un libro in PDF e lo stesso sarà scaricabile gratuitamente dalla rete.
Esso sarà un mio regalo all’Astrologia e penso che potrà interessare tantissimi lettori.
Si tratta di una previsione difficilissima, nata dall’osservazione del tema di una terza persona: una scintilla, un flash, una possibile intuizione su cui ho lavorato, poi, per settimane, incrociando i temi natali, le Rivoluzioni solari, le Rivoluzioni lunari, i transiti lenti e veloci e le curve di Astral Detector di oltre trenta soggetti legati a quello principale.
Molti di voi conosceranno il cosiddetto principio di indeterminazione di Heisenberg secondo il quale noi siamo in grado di modificare la realtà solo osservandola.
Ma tanti di voi sanno anche che la parte filosofica dell’applicazione dell’astrologia mi interessa poco, perché miro direttamente a risultati concreti e ripetibili.
Questo studio, che non avrei mai voluto redigere perché un suo esito secondo le mie previsioni provocherebbe molto dolore in alcune persone a cui vorrei evitare ogni sofferenza, a mio giudizio è stato fortemente “inquinato”. Vi prego di non travisare quanto sto dicendo e di ricordare soprattutto che lo stesso ha per me un solo valore scientifico, di verifica della capacità, da parte dell’Astrologia, di prevedere eventi precisi, nei modi e nei tempi.
L’esperimento è ancora in atto e il libro, quando uscirà (appena potrò) conterrà l’intero racconto, anche se io mi fossi sbagliato del tutto.
Dicevo che l’esperimento è stato fortemente “inquinato” perché ci sono state delle “fughe di notizie” che non ci dovevano assolutamente essere, perché il titolare della previsione, per quanto mi risulta, è ricorso a modalità di vita assolutamente anormali, perché a me sono state volutamente taciute circostanze importanti per mesi e mesi di seguito e perché io stesso che avrei dovuto comportami in maniera neutrale di fronte a un fatto del genere, ho orientato il mio comportamento in direzione opposta all’avverarsi di tale avvenimento.
Quando scrivo “inquinato”, non intendo dire che le stelle possano essere plasmate dal comportamento umano, ma più semplicemente che la mia visione della vicenda è stata alterata da molti e diversi eventi umani.
Non posso dilungarmi in particolari, però vorrei farvi un esempio che forse vi guiderà, in parte, sulla sostanza dell’esperimento e sulle spiegazioni che io vi darò, dal mio punto di vista, circa l’esito dello stesso, quando esso avrà dato un esito.
Pensate a un grande astrologo indiano che indichi al suo migliore amico: “Durante il mese di luglio, tu non potrai sfuggire alla frattura di una gamba”.
Ora, se l’interessato, resterà a letto, in una zona non sismica e in un ambiente non soggetto a possibili incendi e prendendo tutte le precauzioni del caso, tra cui quella di non scendere mai dal letto facendosi applicare un catetere, voi pensate che tale previsione si potrà avverare?
Le cose, naturalmente non stanno esattamente in questo modo e, volutamente, vi ho condotto fuori pista.
Il mio studio, compiuto esclusivamente per una finalità scientifica, comporta sconfinamenti nella religione, nella filosofia, nell’astrologia, nel libero arbitrio e in mille altre cose di cui non voglio e non posso parlarvi oggi.
Io credo che le stelle non si siano sbagliate perché, come si dice “tre indizi fanno una prova”, a maggior ragione dovremmo anche dire che oltre cento indizi fanno una super-prova.
Ma lasceremo parlare gli astri.
Infine vorrei ribadire che, per quanto mi riguarda, trovo la capacità di predire con grande precisione gli avvenimenti umani futuri (cosa già descritta in diversi miei libri relativamente a diversi esempi complessi e di difficilissima lettura) quanto di più affascinante possa esistere nell’esercitare le funzioni del pensiero umano.


Buon Anno Nuovo a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento