giovedì 29 maggio 2008

Notizie varie


Care Amiche e cari Amici,
vi segnalo nuovamente (questa volta con la copertina) il saggio del nostro collega Pasquale Foglia che vi consiglio molto di studiare.

Ricevo da Franca Mazzei e pubblico volentieri, quanto segue:

Domenica 22 giugno '08 Franca Mazzei terrà uno Stage intensivo teorico-pratico sulla Sinastria (comparazione astrologica dei Temi Natali di due persone legate da un rapporto affettivo o professionale).Lo Stage comprende anche una dispensa e 24 Temi Natali di coppie famose (18) e non (6).Massimo 12 partecipanti.Orari: dalle 15 alle 19.45 (con un break-spuntino intorno alle 17.30)Dove: a Milano in Viale Brianza, 26 (MM Loreto, Caiazzo, Stazione Centrale).Iscrizioni: entro il 12 giugno.Info: 02.28510984 - 338.2716999 - francamazzei@infinito.it
Un abbraccio e grazie!
Franca

Blogger, da questa mattina, mi ha costretto a scegliere una nuova veste grafica, impedendomi di lasciare quella che c'era e che mi piaceva di più: ci sarà qualche altro genio a dirigere le cose...

Cara Donatella,
allora esaminai attentamente transiti e RS per quell’avvenimento straordinario della mia vita, e lo potrei rifare, ma in questo momento sono così preso da altri bellissimi avvenimenti della mia vita (avvenimenti in cui l’eventuale premio sarà elargito in misura assai ridotta in rapporto ai miei sogni, seppure resterà tra le cose migliori della mia vita) che i miei pensieri sono concentrati altrove... Riguardo alle altre due domande, come sempre la risposta è complessa e richiederebbe moltissimo tempo e spazio per rispondere. Forse ci torneremo sopra, ma sono sostanzialmente d'accordo con quanto dice Paola e altri nostri amici. La RSM offre risultati oggettivi e riconoscibili da parte di tutti. Le dichiarazioni menzognere di alcuni bugiardi non fanno testo (soprattutto quando si possiedono le loro precedenti versione scritte e inviate per email). Con ciò mi aggancio anche a quanto dice Sabrina a proposito del fatto che la RSM non è per tutti perché non tutti hanno lo stesso quoziente intellettivo. Facciamo un esempio. Tutti quelli che mi seguono da anni, sanno bene che ho scritto, in più occasioni, che L'UNICO MODO per correggere un orario è il famoso protocollo dei tre anni e quindi io non posso mai avere dichiarato ad alcuno (tranne ai bugiardi) che sia riuscito a bypassare uno strumento che io stesso ritengo unico e insostituibile. Tuttavia il problema, a mio avviso, non è questo: se qualcuno non si riconosce nei risultati di una RSM, mentendo e omettendo cose importantissime dell'anno trascorso, non c'entra più neanche l'orario di nascita, ma soltanto la cattiva fede.
Cara Doriana, se ti interessa sapere anche cosa penso io della possibilità di esorcizzare Marte e Saturno in quinta di RS, la risposta è semplice: ciò non è possibile, altrimenti non scriverei che "Marte e Saturno si possono piazzare soltanto in nona e in terza Casa". In caso contrario, con questo criterio, potremmo anche non partire e tentare di esorcizzare un Marte in 12ª. Forse una volta ciò si poteva anche fare, ma i veleni che sono nel nostro sangue oggi, sono mille volte superiori a quelli di dieci o venti anni fa...
Caro Sergio,
ti ringrazio per la buona volontà che dimostri, ma non credo di avere bisogno di essere difeso dagl'imbecilli.
Infine, almeno per oggi, a Uranio che è ridiventato 12, vorrei rispondere che, secondo il mio parere, anche la pedofilia è un argomento tanto complesso che non lo possiamo confinare a un singolo item o a una piccola serie di item.
Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it

9 commenti:

Sabri ha detto...

Caro Ciro,
io non ho per nulla voluto intendere che la RSM non e' per tutti perche' non tutti hanno lo stesso Q.I.
Mi spiace che tu abbia inteso quanto da me scritto in questo modo piuttosto spiacevole visto che fai riferimento ad un parametro valutativo dell'
intelligenza del singolo - il Q.I. appunto - che e' comunque molto parziale nella valutazione complessiva di una persona.
A mio parere, non si tratta di Q.I. della singola persona che si applica nello studio delle RSM, bensi' della possibilita' o meno (dato dal tipo di KARMA, cioe' dal livello evolutivo raggiunto) di comprendere appieno l'astrologia.
So bene che tu, per tua stessa ammissione, non ti occupi di astrologia karmica ed esoterica, ma io intendevo dare solo un mio punto di vista, su cui ognuno puo' riflettere se vuole e poi trarne le proprie conclusioni.

Saluti a tutti,
Sabrina.

al rami ha detto...

un ringraziamento a tutti per le risposte alle domande da me sollevate. un ringraziamento speciale a Donatella (se non sbaglio sei nata il 21 12 come me.)per avermi dato la tua risposta (credo che solo l'esperienza potrà togliere eventuali e ulteriori dubbi). Caro maestro Ciro, sono un po' rattristato del fatto che tu non voglia sapere nulla del CICAP. io sono certo al 100% che i tuoi lavori metterebbero a tacere lor signori e vinceresti il premio in denaro(bandito da loro) a chiunque fosse in grado di dimostrare fenomeni "paranormali" anche se io penso che nell'astrologia di paranormale non ci sia proprio nulla. i signori continuano a parlare delle statistiche dei coniugi francesi, ma non sanno delle tue incredibili ricerche? se sapessero dei tuoi eccezionali risultati, l'astrologia non farebbe un ulteriore balzo in avanti e avrebbe più credibilità nei confronti della scienza? siccome io tifo per te (da sempre) e siccome le tue ricerche sono "rigorose", mi aspetto un riconoscimento "esplicito" da parte di questi signori, ma anche di altri organismi. il pensiero di scienziati, filosofi etc., presenti sulle "osservazioni politematiche" mi sembra un po' riduttivo (non perchè non valga il pensiero di questi professionisti)e credo che la tue ricerche debbano avere il plauso che meritano a livello internazionale; per me è motivo di orgoglio avere un connazionale che si sia spinto oltre i limiti della trasdizione.

Graziano Vagnozzi ha detto...

Al rami mi pare che tu abbia troppa fiducia nel fatto che questi signori del cicap siano in buona fede. In troppe occasioni mi sono accorto che costoro non hanno alcun interesse ad accertare nessuna realtà e che la loro aria di condiscendente disponibilità è pronta a virare verso reazioni isteriche quando si trovano davanti ad un interlocutore appena più impegnativo del mago Otelma. Credo sinceramente che il famoso premio quelli del cicap non sarebbero pronti ad assegnarlo neanche se a reclamarlo si presentasse il mostro di Lochness in carne e ossa.

Doriana ha detto...

Cari amici, grazie a tutti per i consigli (che date sempre con grande generosità e perizia)e soprattutto al Maestro.
Purtroppo per il mio amico non è una scelta la RS di quest'anno (e degli altri anni), perchè per molti motivi non pratica le RSM, quindi comunque si beccherà tali posizioni e il mio intento è, per quanto possibile, aiutarlo ad esorcizzarle un pò.
Cara Giulia, so bene che dura solo due anni la presenza di saturno in IV (peccato che poi passa in V e per me che sono già poco fortunata in quel settore... quasi quasi lo terrei in eterno in IV!), e grazie ai tuoi consigli ho imparato a sorriderci un pò, mentre mi dico a saturno! E ti dirò... non è poco!
Un abbraccio a tutti

Pasquale Foglia ha detto...

Ciao Ciro,
ti sono infinitamente grato per aver raccomandato nuovamente il mio saggio agli amici del blog. Di amici come te ce ne sono pochi.
Un abbraccio
Pasquale

Pasquale Foglia ha detto...

Ciao Ciro,
ti sono infinitamente grato per aver raccomandato nuovamente il mio saggio alle amiche e agli amici del blog. Di amici come te ce ne sono pochi.
Un abbraccio
Pasquale

Donatella ha detto...

Caro AL Rami: esatto, 21.12!! Che bella data eh?

Caro Ciro, in effetti mi pareva strano che tu non avessi studiato RS e transiti per quell’avvenimento!

Grazie a Ciro, Doriana e a Paola per le loro risposte.

(Mi scuso per aver scritto troppo!)

Se qualcuno mente riguardo agli avvenimenti dell’anno di RS è ovvio che non fa testo, su questo non c’è alcun dubbio. Io mi riferivo alla possibilità che qualcuno, in buona fede, cercando di collegare la lettura di una RS all’anno che ha vissuto, riscontrasse qualche difficoltà. Giustamente avete indicato due possibilità per spiegare ciò (oltre alla malafede): la possibilità di un orario di nascita sbagliato e la non conoscenza delle regole di lettura.

Un'altra possibilità però esiste. Una persona non è sempre così cosciente di tutto. Ci sono tutta una serie di meccanismi di difesa che ci potrebbero impedire di essere obbiettivi nel fare il bilancio di una RS.
Vediamo un esempio estremo. Immaginiamo che ad una persona avvenga qualcosa di oggettivamente terribile e che egli rimuova questo evento traumatico. Ci si ritroverebbe a parlare con una persona che nega di aver avuto tali brutte esperienze nel corso dell’anno. E quante volte si mente a sé stessi, anche se in buona fede? Quante persone sostengono con forza che non è poi così importante l’esser stati lasciati da una certa persona ma in realtà si mentono perché non riescono ad ammettere a sé stessi di esserne ancora innamorati? Non siamo robot che possono sempre dire con certezza cosa è accaduto di rilevante nella nostra vita. L’inconscio non è così accessibile. In fondo, anche quando dici che un processo tumorale potrebbe esser cominciato in una brutta RS passata , parli di qualcosa di cui il corpo era a conoscenza ma di cui la persona non aveva coscienza alcuna.

Con questa riflessione ci si avvicina un pò al discorso di Sabrina. Io qui ho parlato di meccanismi di difesa, Sabrina ha parlato del grado di consapevolezza raggiunto dall'individuo che potrebbe impedire la comprensione dell’astrlogia, Ciro ha parlato del QI. Ognuno di noi ha tirato in ballo delle variabili che potrebbero impedire di riconoscere una RS come veritiera.

Comunque sia, mi par di capire che Ciro sostenga che, se studiata correttamente, una RS segnala in modo obbiettivo e (variabili di cui sopra permettendo) riconoscibile gli eventi più importanti.

Qui però, secondo me, subentra il discorso della soggettività. Mi spiego meglio. Una RS segnala gli eventi più importanti: ma importanti per chi? A me verrebbe da rispondere: per il soggetto in questione. Per chi se no?

In genere per tutti è importante l’amore, una vincita, la morte di una persona cara, una soddisfazione professionale, la nascita di un figlio, ed altre cose simili. La RS li segnalerà e la persona, se è in buona fede, ammetterà la cosa. Queste sono cose importanti. Ma lo sono per chiunque?

Se davvero la soggettività non contasse, allora dovrebbero esistere degli eventi importanti in senso assoluto, importanti per tutti. E anche nel caso di eventi minori, dovrebbe esserci un ordine universale di priorità. Ma esiste veramente? Forse la realtà è che ci sono eventi che piacciono ed eventi che sono temuti dalla maggioranza, da quasi tutti. Ma non da tutti. Per cui la soggettività sembra non essere tale.

Un evento che la maggioranza ritiene importante, può non sembrare importante per la persona? Ed in tal caso, esso, verrebbe segnalato comunque?

Perché se così fosse (H2), ecco perché qualcuno in buona fede potrebbe non ritrovarsi nella descrizione della RS. Se invece così non fosse, allora ecco che l’ipotesi corretta sarebbe la prima: si segnalano gli eventi importanti per la persona. Eventi soggettivamente importanti.



Non tutti abbiamo esattamente la stessa scala di valori, non tutti attribuiamo la stessa importanza ad un evento di un certo tipo. Ci sono delle differenze interindividuali, una scala di priorità non universale. Si segnala un evento come il più importante anche se per il soggetto esso non riveste molta importanza? Anche se il più importante, da un punto di vista soggettivo, è un altro? Faccio un esempio.
Non è mai accaduto che qualcuno dicesse “l’asc e giove in quinta in effetti mi hanno portato l’amore, ma l’evento più importante per me è stato la morte del mio cagnolino”.? Magari mi dirai di no. Ad ogni modo: chi decide se è più importante la donna o il cagnolino? Se è più importante la vincita alla lotteria, la pubblicazione di un articolo o la morte della nonna? Su cosa si basa la decisione? Se davvero non si basa su come gli eventi saranno sentiti dalla persona, da quanto è affezionato alla nonna, da come il soggetto vede la morte ecc., ecco che si capisce quanto possa diventar difficile comprendere la propria RS.

Se non erro, tempo fa, Giulia scrisse che a causa di una RS che presentava qualche brutta presenza in case pericolose (sat nella RS del marito se non erro), aveva temuto il peggio. E poi è avvenuto che a morire è stato un parente con cui non c’erano molti rapporti. Ecco, in casi del genere si vede che per quanto una persona possa essere intelligente ed in buona fede, in alcuni casi, gli eventi segnalati potrebbero stupire. (Ma forse semplicemente non c’era nulla di più importante da segnalare.)

Al Rami, ha scritto "
a livello soggettivo, quell'unica posizione aveva soppiantato quasi completamente la montagna di "negatività" delle case malefiche". Posso chiederti dove cadeva il tuo ascendente di rivoluzione?

Donatella ha detto...

Paola, grazie mille x la tua testimonianza.

Marte in sesta, è vero, mi ha portato solo disagio psicologico, ma non so quanto sia stato gentile. Non bisogna sottovalutare le sofferenze non fisiche. Credo che marte abbia dato il via ad una sofferenza che non è durata affatto poco, ci ho messi anni a superare questa cosa. E certe ferite possono tornare a sanguinare anche dopo tanto tempo. Specie se non si viene lasciati bene e se certe cose non sono del tutto chiare. C'è come un tallone d'achille che ci si porta dietro, una maggior fragilità psicologica, dei timori che prima uno non aveva. Meno fiducia.

Quando dici che saturno si è comportato da copione ti riferisci ad entrambi gli episodi che ho raccontato? (in piedi in treno ed incidente stradale) Anche un satuno in terza avrebbe potuto segnalare quell'incidente?

Scusami se ti faccio domande!

Pasquale Foglia ha detto...

Ciao Ciro,
desidero informarti di una cosa che ti fa sicuramente piacere sentire a proposito di Marte: mi sono accorto che quando Marte celeste attiva la mia Venere in Leone e non solo quella, divento particolarmente intraprendente....
Ormai l'ho sperimentato tante volte!
Un abbraccio
Pasquale