martedì 28 settembre 2010

Some comments to the 4th and 5th rules of my “Transits and Solar Returns”





Some of my English language readers, sometimes, wrote to me, in a critical way, to express their disappointment towards what I wrote in these two rules.
The common feature of these critiques is the following: it is not possible that every time that we have in our Solar Returns Maps an Ascendant or Sun, or Mars or a stellium in the first or in the sixth or in the twelfth Houses, we will live a tremendous year with sickness, injuries, big troubles, etc., because these astrological positions are very frequent.
Let me remind you the 4th and the 5th rules:


4) Remember that if the Ascendant, a stellium, or the Sun of the Solar Return lies in the 1st, the 6th, or the 12th House, with almost no difference of strength between them, you should expect to have a very burdensome, dangerous, critical and gloomy year in one or more aspects of your life – not just specifically concerning your health, work or love alone. In almost the totality of cases, it will be an annus horribilis, a year that you’ll remember for many years more, and yet a year to forget. I understand that with these words of mine I emphasize this rule extraordinarily – but it is exactly what I intend to do. It is my opinion that no author has ever declared this fact with such a stress, but I find it correct to write down certain rules with exclamation marks – and this is one the rule that needs to be written down so, more than all the others. Some have talked about the 12th House as a fairly negative House, but none has ever demonized it. Also, no one has ever criminalized the 6th and the 1st House either. Simply try and follow this rule, and then let me know. When these Houses are involved in a Solar Return you should expect troubles all around you, in any field of your life: troubles in love, troubles with health, with justice, with money, with a death, and so on.

5) The very same rule applies to Mars in the 12th, 6th, or 1st House of the Solar Return. This position alone may be enough to spoil a year that other elements of the Solar Return or other transits made out to be a very good year.


Well, I will begin my “defence” telling you an episode of my past as professional astrologer.
Once upon a time a customer of mine was asking me about his life. I, before starting our consultation, made some checks on his sincerity: “Please, tell me what terrible thing damaged you about 12-13 years ago”.
“Nothing, absolutely nothing!”.
And his wife: “But, what are you saying? Have you forgotten that you were very near to throwing yourself out of the window?”.
“Yes, it is true, but after it everything ended!”.


Writing this episode I don’t want to affirm that most customers are liars.
No, I want to say that – fortunately – all of us forget the troubles of life.


But let me go in details.
First. Take a 52 pages newspaper: is it true or not that 51 out of 52 pages are full of bad and very bad news, every day? And is it not true that the only good news page refers to a new biochemical discovery that, probably, will give us a cure for cancer in thirty years?
Second. In these rules of mine we have to consider that when I write about sickness and injuries I refer to physical and psychological troubles and then do you think that it is very rare that you broke your knee last year, suffered from a depression two years ago, had a marriage crisis three years ago, were in tribulation for a school crisis of your kids four years ago, cried a lot for your father’s death five years ago and so on?
Third. Many times the subject is not conscious of the penalization suffered in that year. Two examples: 1) A man is happy because nothing bad occurred to him in that year, but I know that his wife has a  love affair while he doesn’t. 2) A sickness has started in the body of a person that believes his year was wonderful.
Fourth. I never said that every time we have the Sun or Mars or the Ascendant or a Stellium in the first or in the sixth or in the twelfth Solar Return’s Houses we will lose a leg under a bus, but, at the opposite, if we lose a leg under a bus, in a very disgraceful year, we, certainly, have the Sun, or Mars, or the Ascendant or a Stellium in the twelfth Solar Return’s Houses.
Fifth. Last but not least we have to remember that these bad situations listed in the 4th and 5th rules will be much worsened if, in the year in object, there are some very heavy transits like a Saturn on the Sun or Uranus squaring the Moon, etc.


Per Niko. Scusami se hai dovuto riscrivere la tua richiesta più volte, ma ho avuto una settimana di "passione" con Fastweb che mi ha fatto durare un banalissimo guasto ben 8 giorni!
Io credo che spostandoti solo di poco, rispetto a Barcellona, puoi ottenere una RSM magnifica: Kulusuk, Groenlandia, via Copenaghen e Kangerlussuaq, con una spesa non esagerata, ma con risultati decisamente migliori. Osserva il grafico. 




Sono disponibili le nuove Agende dell'Astrologo 2011 pubblicate dall'American Federation of Astrologers. Eccole:




Per Lorenzowizard. Cercherò di scrivere oggi qualcosa sul Presidente del Consiglio e su come vedo la Politica in Italia in questo momento.


Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo









   

11 commenti:

Anonimo ha detto...

Buongiorno!

Ieri sul corriere della sera, un articolo anteprima a tutta pagina annunciava che oggi sarà in libreria l’ultimo libro di Umberto Veronesi dal titolo “Dell’amore e del dolore delle donne”. Mi è venuta subito in mente la lettura che fece il nostro Maestro alla fine degli anni ’80 del tema natale del grande oncologo, possessore di una congiunzione Venere/Giove in V radix, Sole in Sagittario in III, ASC in Vergine. Un uomo di grande vitalità fisica e intellettuale che, con questo libro dedicato interamente alle “donne incontrate, curate e amate”, rende omaggio al settore della vita che più gli ha regalato soddisfazioni.

Un altro articolo, stesso quotidiano, sempre ieri, questa volta in prima pagina, di Francesco Alberoni dal titolo “Innamorarsi è l’occasione per conoscersi nel profondo” mi colpisce perché scrive: “Noi conosciamo il nostro io più profondo solo attraverso un altro essere umano.” E poi continua: “Questo straordinario processo di conoscenza è possibile solo a due condizioni. La prima è che ciascuno, nel raccontare la sua vita, dica la verità. Solo chi è sincero sul suo passato apre il suo cuore e il suo animo all’altro e può fondersi con lui senza perdere la sua identità. L’altra condizione è la libertà. Ciascuno deve essere libero di esprimere se stesso, di chieder all’altro ciò che ci piace e dirgli ciò che non ci piace. L’innamoramento è una grande occasione per conoscere i propri desideri profondi senza farsi schiacciare da limiti, vincoli, tabù, abitudini che ci frenano. Molte persone però non hanno il coraggio di lasciar emergere il sé più profondo, si inibiscono, tacciono, mentono o mostrano solo gli aspetti che pensano possano piacere all’amato. Invece è solo la continua progressiva conoscenza reciproca che fa durare l’amore. Perché l’essere umano ha mille volti, mille potenzialità e quando ci liberiamo dai freni e ci abbandoniamo fiduciosi le facciamo sbocciare, per cui ogni incontro diventa nuovo e stupefacente.”

Verità e libertà l’uomo le conquista strappando i veli dell’Ego. Saturno e Urano sono forze cosmiche alleate con l’anima in questo processo.. Si dice che entrambe i pianeti non favoriscano l’amore, che uno priva e l’altro destabilizza… Ma siamo sicuri? Se è vero che abbiamo le risorse per superare le risonanze planetarie, la via per raggiungere tale perfezione passa, tanto per cominciare, attraverso la rottura degli schemi prodotti dalla mente… Se è vero che l’anima ha scelto ad hoc i propri aspetti stimolanti rappresentati nel proprio mandala natale, sa anche che tutte le risonanze messe in moto sono forze alleate al proprio apprendimento se vengono viste con l’occhio scintillante di luce divina…
Auguro una splendida giornata a tutti.
Danila

Liza Franklin ha detto...

Dear Mr. Discepolo, I have been connecting on your website to find out my ascendant and now I can check out the gap. Really I found two Glendale in California, but I was born in Glendale in Los Angeles county at about 34 degrees north, the other one is about 40 north. For the first one my first house is on 25 Sagypt, while for the second one my first house is around 15 Sagypt, as you kindly showed me. Checking again on Glendale,Los Angeles, about my birthday in Fernando Island,the first house of my solar return is just in the middle of 11th natal house, really far from 12th one. Can you confirm it? Thanks for your kindness and for your time spent for myself. Best regards. Liza Franklin

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

per lorenzowizard: in effetti nel mio blog non c'è alcun tuo commento. un abbraccio a tutti e ovviamente uno speciale al maestro.

Lorenzowizard ha detto...

Caro Ciro
grazie per le parole di consolazione. La mia frenesia di scelta credo derivi da Urano, che sul mio oroscopo comincia ad agire già 7-8 gradi prima di ogni transito di congiunzione, come è successo col Sole. Ora tocca a Marte e ne combinerà delle belle. Ma Urano su Marte può essere un'occasione unica di uscire dallo stato "nebuloso", con l'aiuto di una valida RSM, se poi uno non lo fa a 40 anni, quando?... Non so a che età Van Wood abbia cominciato a dedicarsi seriamente all'astrologia, è un vero enigma, sarebbe interessantissimo saperne di più.

Per Al Rami

Allora il blogger non ha salvato il mio commento. E dire che ne ero sicuro. Forse sono le impostazioni, o il mio account di gmail non è adatto. Dovremmo discutere della cosa tra noi, troviamoci sul fasanforum, che dici?
Berlusconi sta per beccarsi un AS di RS in XII, con la combinazione Urano-Giove in VII sia di RS che di transito. Grossissimi guai in vista, temo giudiziari, i peggiori della sua vita. Quanto alle separazioni non gli rimangono che quelle con Bossi e Tremonti... Infine la Luna in X mi fa sospettare che lo vedremo impegnato in una nuova campagna elettorale durante l'anno. Bisognerebbe consultare Astral Detector con un campione di riferimento formato dai leader di partito: Berlusconi, Bossi, Fini, Casini, Bersani, Di Pietro, Vendola (e Grillo??)
Ciao a tutti.

Anonimo ha detto...

Caro Ciro, purtroppo non potrò partecipare al convegno di Milano ma vorrei chiederti l'invito per una mia giovane amica che sarebbe veramente felice di partecipare all'incontro.
Si chiama Francesca Tortorella e nel tempo si è veramente interessata all'Astrologia.Proprio nei giorni del Convegno si trasferirà a Milano e, a meno di imprevisti lavorativi, sarebbe lietissima di essere tra voi.
In attesa di una tua risposta,ti faccio i miei più affettuosi auguri di successo, Bianca

Anonimo ha detto...

Buona sera a tutti,
scusate la mia gioia spontanea e modesta, ma è tre giorni che voglio scrivere questo: FINALMENTE E'USCITO IL LIBRO DI CIRO.

Anonimo ha detto...

Ancora buona sera,
non so perchè ma ultimamente sono proprio impedita nell'usare il computer. E' meglio che mi firmi sempre. Il post precedente che esprime la felicità dell'uscita dell'ultimo libro di Ciro, è mia.
Nicoletta Bolla

stefano ha detto...

Caro Ciro e cari bloggers.Volevo chiedere un commento sulla mia prossima R.S.Dopo una serie di ricerche sono riuscito a scoprire che nonostante il mio certificato di nascita affermi che sono nato alle 10.45 in realta' sarei nato tra le 10.34 e le 10.38 del 30 ottobre 1964 a Milano. In base a questo ho deciso di passare il mio compleanno o in Cina (Dalian, Shenyang o Qiqihar) o in Corea del Sud (Seoul) pero' non so decidermi su quale di queste quattro. Ho deciso di scartare Shanghai perche' Marte si troverebbe troppo vicino alla cuspide della casa sesta .Potete aiutarmi.? Le mie aspirazioni sarebbero quelle di passare l'esame di riflessologia a cui mi sono iscritto e riuscire a mettermi finalmente in proprio.Mi piacerebbe mettermi in contatto con chi e' stato in Cina o in Sudcorea negli anni passati.

Per quanto riguarda la politica credo che ne vedremo delle belle essendo il 29 settembre anche il compleanno di Bersani e il 2 ottobre quello di Di Pietro.

Un caro saluto a tutti.

Stefano Meriggi

Un caro saluto a tutti

Lorenzowizard ha detto...

Per Ciro:
Vorrei sottoporti un quesito che ritengo fondamentale, quello del metodo da adottare per fare ricerca sugli ambiti non-standard dell'astrologia.
Secondo te, qualsiasi affermazione non basata su assunti tradizionali dovrebbe essere fatta solo sulla base di accurate verifiche su un vastissimo campione statistico o è possibile astrarre un principio dalla valutazione di un numero relativamente limitato di casi?
Facciamo un esempio. Rimaniamo al problema dei gradi monomeri, che è stato l'oggetto di una nostra precedente discussione. Ammettiamo di volere fare una ricerca sul significato simbolico dei gradi occupati dalla Luna. Un materiale d'indagine particolarmente adatto potrebbe essere costituito dai grandi romanzieri, che come ha scoperto Gauquelin, hanno spesso una Luna dominante. Un possibile metodo di lavoro potrebbe essere in questo caso:
1) Nell'ipotesi che la tematica letteraria sia influenzata dalla qualità della loro Luna, dividere un gruppo di essi in autori di romanzi d'avventura (Verne...), erotici (Lawrence...), filosofici (Dostoievski...), ecc.
2) Identificare i gradi lunari che si presentano più spesso in ciascun gruppo.
3) Nel caso un singolo grado prevalga nettamente in un gruppo (es. il 15° del Sagittario nel gruppo dei romanzieri d'avventura), classificare questo grado come "grado dell'immaginazione avventurosa" (per poter parlare di "grado della vita avventurosa" bisognerebbe ovviamente lavorare su un campione di esploratori, e non di scrittori.)
Si perverrebbe così a etichettare almeno uno dei 360 monomeri in senso qualitativo, e la cosa potrebbe essere ripetuta con altri fra essi.
Il quesito assumerebbe questa forma: una ricerca del genere avrebbe valore solo se effettuata su un numero gigantesco di temi, o già da un centinaio si potrebbe ricavare una risposta almeno orientativa sul piano simbolico/intuitivo?
(Pongo come presupposto che anche con un campione modesto si sia in grado di giungere a un risultato chiaro, il che non è detto che avvenga).
Rispondere sì o no non è banale, in quanto se è lapalissiano che con un campione molto vasto si potrebbero raggiungere risultati molto più certi, bisogna anche considerare che i gradi monomeri, secondo la Tradizione, possono assumere un valore prevalente su quello degli aspetti, signorie, presenze, ecc. solo nel caso di destini eccezionali, e i romanzieri eccezionali (come i musicisti o gli scienziati) sono relativamente pochi, e non certo il numero gigantesco di cui ho parlato sopra.
Lavorare con le migliaia, come Gauquelin, sarebbe in questo caso impossibile, e ci si dovrebbe accontentare un centinaio di temi al massimo: da qui il problema se, data l'evidente impossibilità di raggiungere una vera significatività statistica, ci si possa contentare di qualcosa di meno, e dare per buona la conclusione che la Luna a 15 del Sagittario sia "mentalmente avventurosa", anche se ciò è valido per 7 o 8 celebrità letterarie su 90/100 e nient'altro.
La risposta mi sta molto a cuore.
Ciao Ciro, e ciao a tutti!

Lorenzowizard ha detto...

Per Danila

L'individuo che conosce se stesso attraverso l'Altro e il sentimento per l'Altro è l'estroverso di Jung. Questo tipo di carattere proietta i suoi contenuti inconsci in forma di amore, per esempio, e solo dopo averli così oggettivati nella forma di un modo di vedere e di sentire l'Altro (un "transfert") può riconoscerli come parte di sè: questo si dice "ritirare la proiezione", e più comunemente "imparare a vedere l'altro per ciò che è": il che implica dall'altro lato imparare anche a vedere se stessi per ciò che si è, poichè le qualità proiettate vengono integrate nel Sè di chi ha effettuato la proiezione: così, dopo aver amato e conosciuto l'altro, l'estroverso impara a amare e conoscere Sè.
Il caso dell'introverso è opposto. L'introverso non scopre se stesso nelle relazioni ma nella solitudine e potrebbe imparare a conoscersi anche vivendo su un'isola deserta. Le sue proiezioni avvengono all'interno, sul materiale delle fantasie che emergono nella coscienza: se l'introverso, come artista, è capace di oggettivarle ad esempio nel romanzo, questo materiale che lui stesso ha prodotto diventa l'Altro con cui ci si confronta, in cui si riconosce se stessi, e da ultimo ci si distacca, avendo imparato ciò che prima era ignoto a noi stessi.
Se vuoi puoi provare a tradurre questa dialettica in termini astrologici...

Anonimo ha detto...

Salve a tutti, mi aiutate a trovare delle località per le proxime RS (quelle del 2011)delle figlie di miei cari amici? Sono nati la prima a Pontecagnano(SA) il 03/03/2001 alle 21,40 e la seconda a Battipaglia(SA) il 14/06/2005 alle 11,10 am.Per la prima avrei trovato New York e per la seconda Parigi.Ma non ne sono molto convinta.Che ne dite?Grazie e buona giornata a tutti.Gioia M.