mercoledì 25 marzo 2009

Due cose su Google Earth


Come sapete stiamo lavorando per offrirvi alcune altre meraviglie nell’uso già quasi fantascientifico di Aladino. Parallelamente alla progettazione delle nuove performance annunciate, essendo un “error hunter” senza sosta o “scassa ombrelli micidiale”, se vogliamo usare una espressione nostrana, quando ho un pizzico di tempo (mai) cerco di fare le pulci al lavoro già elaborato e archiviato. È stato così che mi sono accorto di una modalità operativa in Google Earth che se non ben compresa, può generare errori anche nelle nostre applicazioni. Osservate la figura. Se desideriamo inserire un segnaposto alla località di Okhotsk, Russia, clicchiamo sull’apposito simbolo. A questo punto si apre anche una finestra dove ci verrebbe naturale andare a scrivere noi la longitudine e la latitudine che desideriamo correlare a quel luogo. Il programma ce lo permette e ci permette di salvare così il famoso file google_earth.klm di cui ho già scritto in questo spazio. Ma non tutti hanno Marte in Vergine in aspetto a tutto il resto del proprio tema natale e quindi nessuno, credo, in un secondo momento, va a verificare se le coordinate memorizzate sono rimaste invariate. E qui viene fuori la sorpresa! Le coordinate sono cambiate!
La regola non scritta, ritengo, ma che ho trovato sperimentalmente e che occorre a noi è una doppia regola:

1) Non bisogna scrivere le coordinate geografiche, ma spostare il segnaposto finché sotto alla pagina si leggano le coordinate che desideriamo attribuire a quel punto e, soprattutto, che desideriamo restino invariate per sempre e per quello specifico punto.
2) Non è la punta del segnaposto che indica le coordinate del luogo, ma esattamente il centro geometrico dell’oggetto, del simbolo grafico.

Ecco, abbiamo fatto un altro passo avanti, mentre Stefano Briganti e Pino Valente ci preparano altre cose meravigliose per i nostri studi.

Ogni tanto, dalla pagina del sito astral.htm, scaricare nuovamente i file di aggiornamento perché possiamo apportare piccole variazioni e non è detto che ve le segnaliamo giorno per giorno.
Vorrei infine ricordare che Aladino non è un programma in costruzione. Esso fu terminato diversi anni fa ed è collaudato e perfettamente funzionante da anni e anni. Ogni tanto noi pensiamo ad alcune “perle preziose” che realizziamo e regaliamo ai possessori di Aladino, ma si tratta di nuove performance di cui il programma non ha bisogno per poter funzionare secondo il progetto iniziale.


Per Luciana. Mi permetto solo una piccola rettifica al tuo post di oggi. Il racconto dell’uomo che parte… non è di Volguine, ma del sottoscritto. Credo sia contenuto proprio nel libro “Astrologia Applicata” oppure in “Astrologia Attiva”. Esso fu uno dei primi grandi insegnamenti di astrologia che ricevetti direttamente dal grande Norbu che, quando ero giovanissimo, mi insegnava yoga a Napoli. Parlavamo proprio di come far nascere un’impresa, un’azienda, un matrimonio… Lui, con la sua grande saggezza, mi spiegò: “Da noi, in Tibet, si fa quasi tutto con l’aiuto dell’astrologia. Se un contadino deve partire per un lungo viaggio, va a chiedere consiglio all’astrologo. Costui gli suggerisce un giorno e un’ora per iniziare il viaggio, ma il contadino non può farlo in quei tempi. Cosa accade? Accade che il contadino parte ugualmente, con il suo sacco in spalla. Poi fa duecento metri e torna indietro. Magari un mese dopo riprenderà quel viaggio che, comunque, è già nato sotto buona stella”.
Sono stato fortunato, molto fortunato nella mia vita, anche a incontrare maestri come Norbu.
Viva il Tibet libero e abbasso tutte le “democrazie” comuniste e fasciste del mondo!

Per Nicoletta. Perché il mio scritto ti ha depressa? Forse non hai fatto caso che il nostro amico aveva posto un if alla base della sua richiesta: “… se vorrò occuparmi molto seriamente di astrologia…”. In questo caso c’è da studiare tanto. Se, invece, ci si accontenta di canticchiare il motivo, senza conoscere la musica, si può fare anche molto più in fretta. Potrei farti nomi e cognomi di sedicenti astrologi divenuti tali in un paio di settimane…

Buon pomeriggio a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento