lunedì 2 marzo 2009

L’Editoriale



Editoriale (numero di Aprile 2009 di Ricerca ’90)

Ricerca ’90 ha pubblicato per venti anni di seguito, senza mai saltare un solo numero. Se mi guardo indietro vedo questa mia creatura come una delle realtà più positive della mia vita.
Essa è stata il trampolino di lancio di tanti bravissimi colleghi che forse solo grazie alla sua esistenza hanno potuto farsi conoscere dal mondo astrologico nazionale e internazionale. Su queste pagine sono stati ospitati studi, scritti, saggi di grande e di grandissimo valore. Senza togliere nulla ai molti bravi colleghi, di ieri e di oggi, vorrei citare tre esempi per tutti.
André Barbault ci ha donato molti suoi scritti, alcuni dei quali in esclusiva assoluta, come il contenuto di un lungo pomeriggio di domande e risposte a uno dei nostri convegni di Vico Equense: astrologia pratica, risposte dirette a domande precise, condensati di sapere introvabili su qualunque libro.
Lisa Morpurgo ha scritto in esclusiva per questa rivista i suoi articoli più importanti: la serie completa del suo “Un lungo cammino”.
Io e Luigi Miele abbiamo pubblicato in esclusiva per Ricerca ’90 le nostre importantissime ricerche sull’ereditarietà astrale che fanno già parte della storia dell’astrologia.
La rivista è letta in molti Paesi del mondo ed è stata varie volte recensita in sedi autorevolissime. Il suo target è ed è stato soltanto uno: il Sapere, al di là di ogni interesse di scuola o di credo, al puro servizio della crescita della nostra amata Astrologia.
Alcuni amici e prestigiosissimi colleghi, come Luciana Marinangeli, ci hanno seguito da subito e per sempre, onorandoci con la loro amicizia e Sapienza. Altri si sono allontanati da noi per motivi diversi: ricordiamo tutti con piacere e siamo orgogliosi di avere pubblicato su questa testata interi saggi, costosissimi da un punto di vista editoriale, di autori che non avrebbero potuto pubblicare diversamente.
Non abbiamo mai chiesto militanze esclusive o fedeltà nei secoli. Il prezzo della rivista, pressoché invariato in questi venti anni di pubblicazioni, a fronte di costi lievitati forse di dieci o di cinquanta volte, è sempre stato – come sanno tutti – puramente simbolico.
In questi ultimi anni sono cambiate molte cose, nel panorama astrologico italiano e internazionale e nel mondo dell’editoria e delle comunicazioni.
Si impone, perciò, una decisione importante alla quale vorrei partecipaste tutti voi che in qualche modo fate parte di questa famiglia.
Scrivevo più su che tanti bravi colleghi ci hanno inviato i loro scritti originali e hanno avuto il piacere di vederli pubblicati su di una rivista prestigiosa che, tra le altre cose, è conservata in alcune importantissime biblioteche soprattutto italiane.
Da un po’ di anni, con la grande e positiva diffusione di Internet, sono cambiate alcune realtà fondamentali che ci impongono delle riflessioni.
La quasi totalità degli articoli e dei saggi che ci giungono sono già stati pubblicati in rete, magari anche su più siti contemporaneamente.
Questo ci fa chiedere, innanzitutto: qual è l’attuale funzione della rivista? Quella di diffondere il Sapere? Non credo, dato che esso è già molto diffuso attraverso la Rete e, seppure poche persone si ostinano a non usare ancora il computer, ogni articolo o saggio che sia è pubblicato quasi in tempo reale e pressoché a costo zero su più siti virtuali.
Allora, a voler capire bene, l’attuale funzione della rivista non è forse quella di salvare su carta e custodire nelle biblioteche pubbliche e private ciò che è già stato diffuso sul web? Sì, ma allora dovremmo ammettere che la rivista non è più uno strumento al servizio dei Lettori, ma di pochi Autori che possono, in questo modo, godere della doppia pubblicazione: in rete e su carta.
O mi sbaglio?
Secondo voi, in tale prospettiva, ha senso che la rivista continui a pubblicare e che il sottoscritto continui a sobbarcarsi oneri di vario genere per nulla indifferenti?
È doveroso, credo, aggiungere una seconda importante considerazione.
Lasciamo da parte, per un attimo, la presente situazione e guardiamo a Ricerca ’90 da un altro punto di vista.
Personalmente, come credo tutti voi, tento di suddividere abbastanza equamente le mie risorse e le mie energie: la ricerca innanzitutto, la lettura, la stesura, se possibile, di nuovi testi, la ricerca di nuovi algoritmi utili per l’applicazione dell’Astrologia Attiva, la preparazione di seminari e conferenze, un po’ di vita privata, di vacanze, e ancora una parte di lavoro per la rivista, un’altra per il blog e tante cose ancora.
Ultimamente il blog mi sta assorbendo tantissimo, e con piacere. Come saprete esso è divenuto anche internazionale in quanto vi partecipano appassionati di Astrologia Attiva di varie parti del mondo.
Alcune ore della mia giornata, mediamente, le investo per preparare il blog.
Sono giunto, purtroppo, però, a un punto critico. Tra i molteplici impegni che occupano la mia giornata, quello doppio e contemporaneo per la rivista e per il blog confliggono tra loro e io sono davvero al punto in cui dovrei operare una scelta: proseguo con il blog o con la rivista?
Ecco la domanda che vorrei girarvi.
Resta inteso e scontato che Ricerca ’90 non potrà mai finire, almeno con me vivente. Potrebbe, però, cambiare periodicità: da trimestrale fisso a magazine aperiodico, composto di tanti numeri unici a cadenze diverse, a seconda della mia disponibilità economica, di tempo, di energie…
Ecco, allora, mentre resto nell’attesa dei vostri commenti, dei vostri consigli e suggerimenti, magari anche dei vostri rimproveri, vi consiglio di attendere prima di abbonarvi, nuovamente, per il prossimo anno.

Nel frattempo ho anche deciso di accettare la richiesta di molti lettori e di utilizzare queste pagine per ripubblicare, uno per volta, alcuni miei libri non più disponibili sul mercato da decenni. Iniziamo questa volta con il mio Ritratti di celebrità, del lontano 1991, e spero di avervi fatto cosa gradita.



Sommario del numero 78 (Aprile 2009)

Editoriale ......................................... ....... pag. 2

Pasquale Foglia
La democrazia è solo un’illusione ....... " " 5

Simone Berti
Cercando protezione .............................. " " 11

Pasquale Foglia
Breve sintesi
dell’astrologia fogliana …………........ " " 22

Pasquale Foglia
A cosa serve la sofferenza? .................. " " 29

Pasquale Foglia
Ecco dove, come, quando e perché
i pianeti influenzano la nostra vita! ............" " 35

Pasquale Foglia
Elogio della RSM,
viaggio iniziatico moderno! ........................" " 39

Luigi Galli & Ciro Discepolo
Supporto Tecnico per la pratica delle RSM:

Alleanza compagnie aeree ……………. ." " 46

Recensioni ................................................." " 48

Ciro Discepolo
Schegge di Blog ......................................." " 53

Ciro Discepolo
Ristampa del libro
Ritratti di celebrità ..................................." " 56


Per Giuseppe. Caro Giuseppe, credo ci sia un problema di comunicazione tra noi. Prima mi rimproveravi di non avere risposto alle tue domande, ma io l’avevo fatto. Adesso mi rispondi che non ti voglio aiutare… Se tu intendi dire “Non mi vuoi aiutare dicendomi che è buona la località scelta da me…”, allora hai ragione, non ti voglio aiutare.
Se, invece, intendi che voglio evitarti un pessimo anno aiutandoti a cercarlo a Bucarest, allora non ci capiamo.
Tu insisti dicendo che la RSM, con Saturno congiunto all’AS in 12ª e con Urano in sesta, a Bucarest, è ottima o comunque buona. Io la penso all’opposto e qui dovremmo capire chi è l’esperto. Poi mi dici di essere Rambo, ma mi escludi di poter andare a Karachi: Rambo ci andrebbe tenendo il jet tra i denti per tutto il percorso e trasportando, nel contempo, una jeep con un braccio e un autocarro con l’altro. Mi dici ancora che è un problema economico e io ti ripeto: “Sei sicuro che un viaggio a Bucarest costi meno che uno a Karachi? Hai considerato le diverse compagnie? Hai chiesto anche a Celeste?”. Infine mi domandi se un Leone compensato possa diventare un Leone classico: credo di sì, per esempio agendo contemporaneamente con la medicina omeopatica, i compleanni mirati, l’alimentazione (più da “predatore”) e la psicologia. Spero che questa volta sarai più indulgente verso di me.

Benvenuto anche a Giovanna e spero che i molti bravi volontari che si esprimono qui vogliano continuare a dare una mano ai nuovi ospiti.

Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it

18 commenti:

cristiana ha detto...

Carissimo Discepolo...intanto la ringrazio infinitamente per la pubblicazione del libro non piu' edito "Ritratti di Celebrita'", spero che seguano anche gli altri a cui tengo moltissimo, anche se non mi pare giusto vengano pubblicati in ricerca 90 ad un modico prezzo...
Per quanto rigurda la Rivista ed il Blog egoisticamente , non potrei farne a meno e se anche uno solo dei due venisse a mancare non solo mi dispiacerebbe infinitamente , ma mi verrebbe meno uno strumento prezioso per attingere conoscenza sull'arte d'urania dove partecipano i migliori dell'astrologia ..spero questo non accada, mai e che si trovi una soluzione..
Cristiana

Niko ha detto...

Per Cristiana: è vero ieri ho fatto un pò di confusione! Ho parlato sia del figlio di Giovanna sia di Matisse, per quest'ultimo non mi preoccuperei di dominanti nella RS, io avevo consigliato le Azzorre o Capo Verde per farle evitare quanto meno i problemi di salute che poteva avere se andava a Londra, se si vogliono anche evitare problemi relativi al denaro, ho trovato Nuuk in Groenlandia, sempre che per Matisse vada bene, dove lo stellium finisce tutto in terza casa.



Niko

Pasquale Foglia ha detto...

Caro Ciro,
desidero innanzitutto ringraziarti per la pubblicazione di tutti gli articoli che ti ho inviato. Certamente, mi sento un po' in colpa per il fatto che tali articoli sono anche sul web, nella mia rubrica di astrologia scientifica sul network piuchepuoi.it.
Vero è anche però che la rivista, come dici tu stesso, è qualcosa che resta e che ha il fascino di sempre.
Egoisticamente parlando, spero che Ricerca'90 non cessi mai di esistere perché è grazie ad essa, e a te che ne sei il direttore paziente... e lungimirante, che sono cresciuto astrologicamente.
Credo che sia giunto il momento di scrivere il mio primo libro di astrologia, ma francamente dopo l'esperienza del mio saggio pedagogico "La felicità a portata di mano" che ho dovuto distribuire io stesso alle librerie e che è un business soltanto per l'editore Boopen che mi ha venduto già 325 copie, mentre io non ci guadagno quasi nulla se non il piacere di vedere il mio libro nelle vetrine più prestigiose di Salerno e Avellino, quasi quasi mi è passata la voglia.
Comunque la vita è fatta di esperienze e non mi pento di nulla, ovvero non ho recriminazioni.
Concludo ringraziandoti ancora una volta per avermi confermato sempre la tua fiducia.
Con gratitudine e amicizia
Pasquale Foglia

pasquale iacuvelle ha detto...

Ciao a tutti,
per Giovanna,se dai uno sguardo a Joinville o San Paolo in Brasile dovrebbero essere perfette anche se fosse nato prima o dopo.
La questione posta da Ciro certamente fa riflettere,la rivista è certamente una testata di rilievo,il blog penso comunque abbia aperto nuove frontiere e volumi di informazione riguardo l'astrologia prima non raggiungibili da tutti e con la partecipazione di tutti dovendo scegliere,e avendo la possibilità di poter rivedere la periodicità di ricerca 90 per me penso forse sia la migliore soluzione,ciao Pasquale.

giovanna ha detto...

grazie,Pasquale,ma se leggi quello che ho scritto a Niko sto cercando di evitare di mettere Sole e Urano in 9 Casa o in X perchè ho problemi di salute,Se ricordo bene per essere sicuri bisogna stare almeno a 12,5 gradi dalla cuspide.
quale località del Brasile mi consigli?
Grazie di cuore

francesca76 ha detto...

Internet non ha memoria. E' un'enorme piazza, e sicuramente ha tutti i meriti e i vantaggi che volete. Ma su internet non può capitare di incontrare per caso un testo di Astrologia, cosa che invece può succedere in libreria o in biblioteca, per consentire a neofiti di accostarsi con calma e umanità a questa disciplina.
Io metterei la rivista aperiodica e con la clausola di copyright esclusivo di Ricerca '90 per il materiale pubblicato.

pasquale iacuvelle ha detto...

Cara Giovanna,
non condivido la tua opinione perchè essendo ottima la RS i valori di 10 non possono che esprimersi che al positivo quindi non vedo cosa hai da temere.
Poi riguardo te sei tu a dover partire per una buona RS per prima se temi qualcosa,e se vuoi amplificarla con un'ottima sinergia con i tuoi familiari viene dopo.
Ciao Pasquale.

Giuseppe ha detto...

Caro Maestro,
ti invito a rileggere bene il mio post,perchè non credo che tu mi abbia risposto veramente o per intero,oppure hai finto di leggere.
Ti stò chiedendo aiuto,escludendo Karachi e per una località
accessibile a me.
Non ho mai detto che Bucharest è ottima,ma che è meglio di Napoli e che comunque,non convince neanche me.
Lo stesso discorso vale per Hofn(Islanda) o per Helsinki.
Se vuoi rispondere leggi prima bene,se vuoi aiutare fallo per davvero considerando anche certe esigenze altrui.
Non voglio il massimo,voglio solo
parare.
Un saluto.
Giuseppe.

francesca76 ha detto...

GIUSEPPE
forse non sei stato proprio gentile

Niko ha detto...

Anche io sono d'accordissimo con Pasquale riguardo a Giovanna, che dovrebbe partire lei se ha dei problemi di salute, la RSM del figlio non può peggiorare o migliorare di molto la salute della madre, altrimenti occorerebbe creare la sinergia con i familiari, ma in primis dovrebbe effettuare lei stessa una buona RSM.


Niko

Alberto B. ha detto...

Caro Giuseppe, o vai a Karachi oppure Budapest è come darsi una coltellata al braccio. Certo non si muore, ma si resta cmq feriti.
Io credo che le vie di mezzo, quando si tratta di un vero cambiamento per la nostra vita, non debbano essere prese in considerazione.
Le RSM non vanno usate come palliativo, ma devono essere sfruttate allo loro massima potenza.
Se non ricordo male anche il Maestro Ciro è stato a Karachi ed anche se non è il posto dove tutti vorrebbero vivere rimane l'unica soluzione davvero valida.
Tu credi che il Maestro non avesse la possibilità di calcolare un posto diverso? Io credo di sì, solo che chi vuole praticare davvero l'Astrologia Attiva e quindi utilizzare le RSM alla max potenza non deve avere paura delle mete da raggiungere!
Spero che rifletterai.....

giovanna ha detto...

per Pasquale:anche io sono andata e andrò a fare la mia RSM,cercavo solo di ottenere una perfetta sinergia perchè i miei problemi sono veramente seri.
Ho molta fiducia nella tua competenza astrologica per cui seguirò i tuoi consigli.
Ancora una volta mi colpisce la tua grande disponibilità.Grazie di cuore.

al rami ha detto...

caro maestro, ho ascoltato l'intervista su radio2... di certo meritavi più attenzione e molto più tempo. vabbè.... una saluto a tutti.

Marco Celada ha detto...

Caro Ciro,

per il tuo quesito relativo a Ricerca ’90 e Blog cerco di pensare nella direzione culturalmente migliore e cioè di mantenere entrambe le situazioni ma le tue motivazioni di scelta sono importanti;
una disamina corretta può però essere fatta conoscendo i costi della rivista considerando ovviamente anche il tempo dedicato dai vari attori che partecipano alla preparazione della stessa;

una soluzione potrebbe essere quella di ridurre i costi della rivista creando la sola versione web acquistabile dagli utenti del Blog che appositamente si dovrebbero registrare per “scaricare” una versione della rivista e ciò potrà essere fatto una sola volta da una data utenza; in pratica chi vuole “scaricare” una versione della rivista deve effettuare il pagamento; è possibile prevedere forme di abbonamento biennali;
inoltre grazie alla presenza del Blog che ci tiene allineati anche sulle novità, la rivista potrebbe diventare semestrale.

Marco

Sergio ha detto...

Caro Ciro,
in merito, anche se sono un astrologo inquinato, sto dando ampie spiegazioni nel mio libro (quello sul sesso non lo sto scrivendo perchè non posso fare pratica) che spero di finire presto.
Cari saluti

plutone54 ha detto...

Caro Ciro, mi sento chiamata in causa anche io quando si parla di Ricerca '90, poichè anche io faccio parte, come tanti, degli abbonati storici. Da quello che scrivi traspare decisamente la tua obiettiva difficoltà a tener testa a tutti gli impegni:allora, per evitare di tagliarsi la testa quando fa male, è certamente più saggio trovare la medicina. Questo gioco di parole è solo per dire che, come al solito, "in medio stat virtus". La soluzione migliore,per me, sarebbe quella di continuare la stampa della rivista in maniera più "anarchica". La aperiodicità non è segno di inaffidabilità nè di mancanza di serietà. Adesso anche il blog è diventato necessario, ma qua è tutto necessario, allora il contatto diretto di internet serve per mantenere il fil rouge,l'aggiornamento, la rapida dinamica comunicativa, il botta e risposta di cui molti necessitano. La parte scritta raccoglierebbe, come ha fatto finora, le tue ultime novità nel campo della ricerca e gli scritti e le esperienze di coloro che hanno voglia di scrivere. Esistono in giro tante pubblicazioni per appassionati di materie non di massa, basta anche una volta all'anno, una pubblicazione magari più corposa, ma non spezzare questo filo, come scrivesti in un editoriale di tempo fa...

Per Giuseppe. Effettivamente c'è un problema di comunicazione, mi intrometto perchè quello che tu scrivi viene continuamente affrontato da chi parte per il viaggio di compleanno e anche da chi manda la gente in giro per il mondo, come me. Esiste sempre il meglio di qualcosa e se abbiamo la fortuna di poterlo individuare, perchè non approfittarne? Karachi è stata una mia meta di RSM pochi anni fa, donna sola,straniera biondina e senza burka, sono andata in mezzo ai talebani, ho fatto amicizie sul posto che ancora conservo in contatto mail. All'aeroporto mi hanno perquisita per bene, ho passeggiato su quella specie di spiaggia paludosa e nel mercato tipico, ho comprato souvenirs, ho visto sparare ai semafori ai mendicanti che non pagavano il pizzo per chiedere l'elemosina. Ho speso poco,cambio di volo ad Ankara, alberghetto medio ma pulito, sono stata 2 giorni e quel viaggio di compleanno mi ha cambiato la vita, lo rifarei anche adesso, senza paura.Non sono un'incosciente, ma ho valutato bene il tutto. Vorrei invitarti ad informarti meglio su come andarci spendendo poco e stando tranquilli. Luciana

bianca ha detto...

per plutone 54:ho veramente apprezzato il garbo con cui hai sciolto una querelle che aveva perso completamente, da parte di Giuseppe,il rispetto della buona educazione verso una persona, Ciro Discepolo, sempre disponibilissima e cortese.
Non solo, ma hai dato anche le giuste informazioni per invogliarlo a intraprendere un viaggio che non sembra impossibile...
per Pasquale:forse ricordo male e non ho il tempo di controllare ma mi sembra di ricordare che Ciro Discepolo sostiene che in caso di transiti negativi sui pianeti personali non conviene evidenziare la X Casa di RS con pianeti difficili.Controllerò appena ho un minuto di tempo.Mi riferivo alla tua risposta a Giovanna.che pensi? Grazie

Valeria ha detto...

In merito alla questione della mancanza di tempo, da parte di Ciro, per il blog e la rivista - cosa che capisco molto bene, dato che anche a me a volte ci vorrebbero giornate di 48 ore per fare tutto ciò che vorrei - propongo, nel mio piccolo, di occuparmi della traduzione in italiano dei commenti che arrivano in inglese (e viceversa delle risposte di Ciro dall'italiano all'inglese), per risparmiargli "almeno" una parte del tempo che gli servirebbe per tali attività.
So che non è "La Soluzione", ma se può essere utile almeno in parte, mi offro volentieri.
Per quanto riguarda una eventuale scelta, sono anch'io d'accordo sulla aperiodicità della rivista, purché continui, e forse sulla gestione del blog insieme a qualcun altro... non so, non ho idea se Ciro abbia qualcuno a cui potrebbe affidare tale compito, ma suppongo che in qualsiasi attività, quando gli impegni aumentano, si debba affidare parte del proprio lavoro a terzi. Non so se la cosa sia applicabile a questo blog, è solo un concetto generale che mi è venuto in mente...