giovedì 14 maggio 2009

La prossima RL di Paola







Per Paola. Secondo me stai andando alla grande e non hai bisogno di spostarti, ma volendolo fare, la soluzione di Albertolai mi sembra più che buona. Io, solitamente, mi reco a Reykjavick o via Copenhagen o via Parigi. Come per tutte le cuspidi, anche in questo caso bastano 2° e 31’ primi per considerare Saturno fuori dalla decima e a Reykjavick è fuori.

Oggi, a Milano, in corso Magenta 21, dalle 16 alle 21, potrete ammirare alcune opere, come quella mostrata qui, di Isabella Vismara, un’amica e simpatizzante dell’Astrologia Attiva. In bocca al lupo all’Autrice!

Vi ricordo anche l’appuntamento, sempre di oggi pomeriggio (ore 18), alla Feltrinelli di Napoli dove il nostro amico Ugo Gangheri presenterà un suo CD tanto atteso.

Per Al Rami. Certamente, ma perché vuoi privare gli altri di ciò? Perché non lo pubblichi direttamente sul blog?

For Neena. Look the Natal Chart of Margaret Thatcher, first minister in UK from 1979 to 1990. Her Solar Return for October 1990 shows an Ascendant in her tenth House of Natal Chart. Contemporarily Saturn, Uranus and Neptune passed from 10° in Capricorn to 20° in Capricorn, at the square of her natal Sun. Early then a month after her 1990’s birthday, on November 20th, after 12 years of leadership, she gave her demission. The Ascendant in the tenth House of the Natal Chart, like I wrote even in this example of my book “Il sale dell’astrologia” (Capone editore, gennaio 1991), can obtain best results, but if is contemporaneous to very bad transits, like Saturn or Uranus or Neptune or Pluto, for example, passing in the tenth House of Natal Chart or in a square angle with the natal Sun or the natal MC, then this position can be terrible and it can speak to us of a ruinous fall.

For your 2 examples of Mars and Descendant: yes, Mars works only in the seventh House and not in the sixth House.

Per Chandra. Ti ringrazio, anche a nome degli altri, per i molti link al simbolismo dell’Aquila e per la dedica personale:

“Lungo il cammino della vostra vita fate in modo di non privare gli altri della Felicità. Evitate di dare dispiaceri ai vostri simili, ma al contrario, vedete di procurare loro gioia ogni volta che potete” (proverbio Sioux)

Naturalmente io penso di muovermi nella direzione di donare gioia, o almeno sollievo, alle persone che mi chiedono consiglio e aiuto, ma questo lo dovete decidere voi se è così o meno.
Parlando del grande popolo dei pellerossa vorrei ricordare qualcosa di molto triste che mi colpì durante il mio viaggio a Kuujjuaq, nell’alto Quebec, qualche anno fa. La popolazione locale, di origine, era una via di mezzo tra i pellerossa e gl’inuit. Fino a pochi decenni fa essi si dedicavano alla caccia e alla pesca e combattevano l’orso per sfamarsi e per coprirsi durante gl’interminabili geli invernali.
Successivamente il governo del Canada, un po’ come era avvenuto negli USA, assegnò una sorta di assegno mensile a questi abitanti e diede loro una casa e i servizi indispensabili per vivere.
La cosa che mi colpì come una coltellata al cuore, mentre ero lì, fu visitare l’ospedale. In effetti non vi era alcun ospedale e anche se i canadesi venuti da Montreal lo chiamavano così, si trattava di un manicomio. Molti di questi indigeni, infatti, trascorrevano le lunghe ore della giornata nell’unico posto di ristoro che vi era lì e, non potendo bere alcolici, mangiavano hamburger in continuazione. Molti di loro, discendenti di fierissime e meravigliose popolazioni indiane, perdevano il senso della vita.

Per Angel. Volendo puoi usare un significato tanto estensivo al concetto di Dispositore, ma te lo sconsiglio fortemente. Credo che la prima cosa che imparai dal mio Grande Maestro (André Barbault) perché la trovai ricca di verità, fu: “Usate una tastiera di pochi simboli, dieci astri, dodici segni, dodici Case e gli aspetti. Non vi occorre altro”.
I dispositori li uso sempre e funzionano benissimo, come anche le Case derivate, ma – secondo me – ogni uso estensivo dei simboli, a volte “tirati” per i lembi, non aggiunge informazioni a un quadro natale, ma soltanto possibili elementi di confusione.

Per Eli. Sì, come tu dici, molte volte dei ciarlatani riescono a sedere al Palazzo, ma poi si accorgono che è una baracca…

Benvenuta Giustina e sono certo che qualcuno di buona volontà ti dirà qualcosa su tale sinastria.

Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento