giovedì 3 novembre 2011

For My Japanese Readers





That want to buy my books in Japan, from a few days it is possible here:










Per Giulia di Sora che scrive:


Buonasera Ciro,
intanto voglio dire di condividere in pieno quanto da te espresso in riferimento alla richiesta di A.P. di una tua opinione riguardo alla Primavera Araba. Tenendo presente, come giustamente hai detto che l'argomento andrebbe approfondito molto e non può essere liquidato in poche righe, voglio solo aggiungere che ritengo centrato in pieno il giudizio e direi anche l'autocritica fatta a proposito di noi occidentali e alle forme di violenza sottili e nascoste che con un' analisi più accurata potremmo "smascherare" in ogni dove e per le quali quasi quasi vorremmo attribuirci una sorta di autoindulgenza sulla base della nostra presuntuosa, arrogante convinzione di razza superiore rispetto agli altri abitanti del pianeta( non so se qualcuno ricorda l'infelice espressione esplicita in tal senso nel corso di un intervento pubblico del nostro più popolare!!! rappresentante politico).
Detto questo voglio esprimere una considerazione riguardo l'esorcizzazione dei simboli.
Ho letto il tuo racconto di quella volta in cui hai tentato, invano, di farti arrestare per evitare un problema peggiore da te previsto e poi punrtualmente verificatosi.
Non posso a tal proposito non pensare, partendo da una visione fondamentalmente fatalista dell'esistenza,che, se non sempre quanto meno a volte, i simboli, che tu stesso definisci in alcuni casi potentissimi, sono più forti della nostra volontà, della cui forza nel determinare alcune nostre azioni, sono pure fermamente convinta. Penso,dunque, che,in questi casi, a nulla serve cercare di "dirigere" gli eventi altrove perchè tanto prima o poi il simbolo si esprimerà nel suo significato più stretto.
Sbaglio?
P.S. Mi fa piacere partecipare, con molta modestia, a questo blog. Grazie per tutti i tuoi interventi, di qualsiasi tipo essi siano, perchè da te si può solo imparare.
Giulia di Sora



Cara Giulia,
e a noi fa piacere se intervieni sempre, anche per dire che non sei d'accordo. In questo caso ti dico come la penso. Quando non riuscii a farmi arrestare a Petropavlovsk non furono gli astri o i simboli a sbagliare, ma si trattò di un mio errore. Avrei potuto pensare che macchine obsolete fossero poco sensibili e avrei dovuto nascondere un coltello di dimensioni maggiori.
Il corridoio simbolico scelto, dunque, era giusto, ma io sbagliai i calcoli sulla lunghezza della lama del coltello. Se fossi stato più attento, avrei centrato il bersaglio. Il punto di tutto il discorso, secondo la mia esperienza, è questo: noi siamo fallibili, gli astri no. Ma noi utilizziamo la potenza e la infallibilità degli astri per ottenere dei risultati, non la nostra potenza. Un caro saluto.










Per Alessandra di Catania. Qui sotto è il mio consiglio per il compleanno: Gisborne, New Zealand. Spero che lo seguirai perché difficilmente ti capiterà un'altra RSM così buona in vita tua. Molti auguri.









Per Alessandra Marchi. Anche per te questa RSM per King Salmon Alaska è forse la migliore che potrai utilizzare nella tua vita. Tuttavia considera che tu hai, di nascita, una brutta congiunzione Venere-Saturno e allora, se vuoi tesaurizzare i risultati di una simile piccola bomba positiva, ti consiglio di seguire attentamente i consigli del mio capitolo "Il teorema Jeoffré" nel libro Astrologia Attiva, edizioni Mediterranee.  Con i migliori auguri.










Per Marco Celada:


Caro Marco, grazie del link, ma sinceramente non ho capito molto. Magari se ci spieghi di più è meglio.















Una lettera molto interessante.




Ciao Ciro,
sono un tuo lettore ma da poco tempo. In passato mi eri anche antipatico perché qualcuno mi diceva cose schifose di te. Credo che hai capito di chi ti stò parlando un burino che prima frequentavo e che ora ho sgamato e sò che se la mena tanto a fare il professore, ma è solo uno sfigato fallito che si passa le giornate a piangere e é anche una carogna con gli amici.
Tu hai scritto sul blog che se uno si naSCONDE IL NOME E COGNOME E ANCHE LA FACCIA E ANCHE LA VOCE E ANCHE LA DATA DI NASCITA ALLORA SIGNIFICA CHE CE DEVE AVERE lo scheletro nell’armadio. Io mi sto appassionando all’astrologia con qualche tuo libro e ti voglio fare un regalo anzi più di un regalo perchè er sorcio come lo chiami tu di scheletri nell’armadio ne tiene molti. Per oggi te ne dico uno che è una bestia, un rabioso e anche un violento.
Chiedigli che cosa é successo il giorno 11 aprile 1998. Sò sicuro che non ti risponderà ma te lo dico io: é   stato fermato al commissariato Trevi perchè ha menato a na guardia, fermato per oltraggio e resistenza e violenza.
Questo é quel delinquente che si copre la faccia e si nasconde il nome e la voce e la data di nascita. Ti voglio fare anche un’altro regalo e ti mando il suo certificato di nascita.
Ti scriverò ogni tanto per regalarti altri scheletri dell’armadio de sto burino che mi fa schifo.
Un amico




Ecco, come vedete, l’estratto di nascita dice che Maurizio Tonino è nato a Napoli il 7 marzo 1955, alle 23.45 e il suo grafico vi dice molto più di mille parole (se siete astrologi perché se siete come quella gallina scema che ha scritto che mio padre aveva la stessa intelligenza del mentecatto, perché non è in grado di riconoscere una intelligenza superiore, con un Mercurio in Scorpione(!) che forma aspetti con quasi tutto il grafico e soprattutto ha una quadratura Mercurio-Urano - come dire una congiunzione o un trigono per questi due astri - e un trigono Mercurio-Plutone, allora non potrete leggere nulla nel cielo di questo essere spregevole. Ma se una è una gallina e vuole dimostrare ogni giorno che non capisce nulla di astrologia, si accomodi che le segneremo con la matita rossa e blu tutte le idiozie che dice e che la condannano a non poter mai diventare un’aspirante astrologa).

Io non so se i fatti scritti in una lettera anonima cartacea siano veri, ma da astrologo ho fatto delle verifiche e gli astri sembrano proprio quadrare con i fatti narrati.
Questo spiegherebbe molte cose della natura di questo poveraccio che mi telefonava piangendo e che quando non gli regalai un giocattolo da duecentomila euro iniziò una persecuzione paranoica ventiquattro ore al giorno.


Qualcuno dirà: “Ma così ti esponi e potresti finire davanti a un giudice!”. È proprio quello che desidero ottenere già da anni, ma questo essere infame e vile, che non a caso ha come sostenitori, oltre i venti suoi altri nickname con cui scrive la quasi totalità dei post nel suo blog di odio, anche tre-quattro persone vili e spregevoli che a loro tempo avranno ciò che si meritano.


Prima di fornirvi le prove di quanto questo essere sia abbietto, desidero fare una parentesi. A mio avviso, per colpa di poche persone, il web, almeno relativamente all’astrologia, è divenuto invivibile e si procede, tutti i giorni, a insultare e ad attaccare il lavoro degli altri, invece di studiare, scrivere, fare ricerca, far progredire l’Astrologia.
A mio avviso è ora di finirla e spero che altri seguiranno il mio esempio o che perlomeno apprezzeranno quanto farò, indipendentemente se sono miei sostenitori o avversari.



Come dicevo se potessi finire davanti a un giudice, non chiederei di meglio. Ci ho provato, ma senza riuscirci e vi racconterò l’intera storia, con tanto di prove.


Quando, anni fa, scrissi che avevo denunciato il soggetto fu esattamente così. Solo che allora non conoscevo molte cose che oggi sono stato costretto ad apprendere a mio danno, anche se costui presume di essere in una botte di ferro, ma ha commesso il solo errore per il quale dovrà pagare tutto.


Io, come credo anche voi, pensavo che bastasse denunciare per diffamazione Tizio o Caio, portare delle prove e avere la possibilità di un giusto processo penale davanti a un giudice in carne e ossa. Niente di tutto ciò.
Feci la mia denuncia e allegai una montagna di prove che mi davano la sicurezza non di un giudizio veloce ed economico, ma almeno di un giudizio.
Così non fu. Infatti vi è un magistrato che viene incaricato di svolgere delle indagini preliminari per poi proporre il proseguimento in giudizio o l’archiviazione del tutto.
Il magistrato in oggetto ha facoltà di ascoltare il querelante o il querelato o entrambi.
Decise di interrogare (in prima persona o attraverso organi di polizia) soltanto il querelato a cui fu chiesto: “Abbiamo qui moltissimo materiale che dimostra la persecuzione che lei sta portando avanti ogni giorno, giorno e notte, nei confronti del querelante. Perché fa questo? Perché odia tanto questa persona?”.

Allora il vigliacco in oggetto, e questo è scritto su due sentenze in mio possesso e di cui vi mostrerò un piccolo stralcio, per salvarsi dal carcere, per evitare di finire in un processo penale, dichiarò: “Vedete, io non sopporto le ingiustizie e quando assisto a una grossa ingiustizia vedo rosso e decido che perseguiterò per tutta la vita una persona. Da quando io ho letto che Ciro Discepolo vende, sul suo blog, una cura contro il cancro a base di borotalco, allora ho deciso che lo perseguiterò per sempre!” (cito, qui e altrove, a memoria ciò che il mio avvocato ha saputo chiedendo udienza al magistrato).

La cosa allucinante non è il comportamento di questo sporco individuo che per salvarsi dal carcere mi ha diffamato attribuendomi un reato vergognoso, ma la cosa che può sembrare assurda è che egli è stato creduto sulla parola e, nella sentenza, il magistrato ha chiesto l’archiviazione del caso perché un individuo che lucra sui malati terminali è giusto che sia messo alla pubblica gogna.



Naturalmente io feci ricorso e chiesi di mostrarmi almeno uno straccio di prova dal quale risultasse ciò, ma dopo molti mesi, quasi un altro anno dopo, con forti altre spese, anche il secondo giudice accettò, senza ulteriori indagini, la dichiarazione vile di questo rifiuto della società, un fallito che alla sua età non ha prodotto nulla se non veleno verso gli altri (non dimenticate che ha anche attaccato e insultato André Barbault, Marco Celada e altri colleghi di prestigio).


Lui avrà pensato che il Giove al MC nella RSB di quest’anno, e Venere in settima, gli daranno l’impunità, ma non conosce bene come stanno le cose (soprattutto i tempi della giustizia).

La giurisprudenza italiana, come mi hanno spiegato dei bravi giudici e avvocati, tende sempre di più a fare proprio il primo emendamento della costituzione americana che dice che ogni cittadino ha diritto di critica e che tale diritto viene al primo posto assoluto in ogni contenzioso.


Per questa ragione voi avete visto che su Facebook fu aperta una pagina in cui si invitavano le persone a iscriversi per assassinare il Premier Berlusconi. Si parlava di uccidere il Presidente del Consiglio e il Presidente del Consiglio non fu capace di oscurare quella pagina. Ora lasciate perdere che si trattava di Silvio Berlusconi: sarebbe accaduta la stessa cosa anche se la pagina avesse raccolto le firme dei volontari per uccidere D’Alema o Rosy Bindi o chicchessia.


Il reato di diffamazione, ormai, per quanto mi hanno spiegato, è una cosuccia da niente e basta una bugia del querelato per fermare la macchina della legge.

Il reato di calunnia, invece, è cosa cento volte più grave e non va in prescrizione dopo tre mesi, ma dopo molti anni. Inoltre prevede pene molto più severe e se è provato non si può pensare di scansare una pena severa.

Come potete leggere nello stralcio di una delle due sentenze, sono i giudici stessi che mi fanno da testimoni sulla calunnia del soggetto.


Io avrei voluto evitare di procedere ancora per destinare all’Astrologia le poche risorse economiche e il poco tempo che possiedo ancora, ma ormai non si può più andare avanti così.
Mi occorreranno almeno tre anni per poter portare il Tonino davanti a un giudice e una cifra molto alta che mi costringerà a privarmi di tutto o quasi. Naturalmente quella che dovrà pagare lui sarà molto più alta in denaro (avvocati e risarcimento danni morali e materiali in sede civile) e in pena che in questo caso è pressoché certa perché non parliamo più di centinaia di frasi scritte, ma di una sola piccola frase che compare anche in due sentenze di rigetto della mia richiesta di giungere a un giudizio penale.

Dunque che mi denunci pure perché è proprio davanti a un giudice che desidero andare e spero che l’ultimo regalo che riuscirò a fare all’Astrologia sarà quello di neutralizzare per sempre un serpente simile.



Dall’insieme di questo tema, se lo sapete leggere, avete il quadro di un essere cattivo, depresso, vendicativo, ottuso, che ripete idiozie all’infinito, che vorrebbe obbligare i Professori che hanno certificato la mia ricerca a trovare i dischetti nei loro archivi per farli esaminare a lui: lo Sceriffo, il più grande ignorante di questa Terra che continua a dire che la ricerca descritta nel libro che conoscete andava fatta senza il campione random e non gl’interessa che i Professori dicano il contrario: esso (dato il nome che si è dato), che ha prodotto zero in tutta la vita, ne sa di più dei Professori di statistica coautori del libro dove è scritto che tutti i calcoli e le analisi statistiche furono rifatti in sede universitaria! Inoltre, seguendo la sua malattia mentale, egli potrebbe pretendere di vedere con i suoi occhi, per giudicare da Sceriffo, se gli appunti di Keplero sulle sue leggi planetarie esistono davvero o sono una invenzione: se gli appunti non si trovano, Keplero non ha scoperto nulla!


L’altro giorno, messo alle corde, ha dovuto ammettere dei piccoli bug nel suo software (15 gradi di errore nell’Ascendente di nascite italiane!) e l’assenza di un database con i regimi orari del suo software: complimenti! Ma questo software lo vende anche?



Il resto ce lo dirà il tempo, ma anche il postino che sappiamo tornerà a portarci altre interessanti notizie su questo rifiuto umano.



Per ora chiudo qui e chiedo scusa ai miei Blogger, ma non li avrei mai disturbati con una storia tanto squallida se non fossi stato costretto a farlo.
Tuttavia una speranza di veloce conclusione della faccenda ce l’ho (io non sono uno spirito elevato e superiore come tanti): il Tonino è già stato ricoverato una volta per gravi problemi cardiaci e c’è speranza che presto ci liberi per sempre dalla sua fetida presenza.























Dear John, Repulse Bay can be well, also. But what adventure? In these places, in winter, I sent hundreds of people and also I went there not once. 











Cara Scara, oggi ho lavorato moltissimo e sono assai stanco: per favore, spiegati meglio. 











Per Pina Santonicola: cara Pina, le stelle non sono acqua!












Per Roberto Minichini che scrive: E'molto interessante ed importante questo ultimo libro di Ciro Discepolo ,Luciano Drusetta e Margherita Fiorello . Per chi non conosce i termine della questione è molto semplice : negli ultimi anni si è sempre più diffusa una corrente di astrologia tradizionale che recupera le antiche conoscenze e tecniche , in gran parte dimenticate o sottostimate dai moderni astrologi . Personalmente sono completamente a favore del recupero , per quanto possibile dopo secoli di abbandono , dell'antica Tradizione , ellenistica ,medievale o rinascimentale che sia . Ho notato però con dispiacere che fra molti astrologi tradizionali si è creato uno spirito settario e un pò fanatico in cui l'unica vera astrologia sarebbe quella tradizionale ( o quello che si è riuscito a ricostruire di essa ) e si è sviluppata una ostilità oppure uno spirito proselitista nei confronti degli astrologi moderni . Questo libro invece rappresenta una curiosità dal notevole fascino , perchè ci fa conoscere il dialogo fra un astrologo ultramoderno e ultradinamico e i rappresentanti della concezione tradizionalista più intransigente e colta .Seguo da tempo gli scritti di Margherita Fiorello , che ammiro e rispetto molto e che considero una grande esperta e sapiente . Un libro tutto da leggere per chiunque è interessato alla cultura astrologica ! Cari Saluti da Roberto Minichini


Sì, caro Roberto, credo tu abbia colto un aspetto importante di questo libro: io e Luciano Drusetta abbiamo voluto invitare anche Margherita Fiorello, brava astrologa di orientamento lontanissimo dal nostro, perché pensiamo che su di un argomento così importante sia meglio un coro che un assolo. 
E come potrai leggere se ti procurerai il libro si possono esprimere concetti importanti nell'assoluta diversità di opinione, ma anche con il massimo grado di civiltà. Dipende da persona a persona. 









For all. This is not an important piece of news but I ask you to read it anyhow because it will explain, to some, the background noise which has been disturbing Astrology for some years (Per Tutti. Non è una notizia importante, ma vi invito a leggerla in quanto potrà spiegare, a qualcuno, il perché di un certo rumore di fondo che disturba, da qualche anno, l’Astrologia. Appena avrò un po’ di tempo, creerò altri tre o quattro blog per altre persone su cui vi state ponendo delle domande):












Buona Giornata a Tutti.
Ciro Discepolo


7 commenti:

antonietta ha detto...

ciao,
sono antonietta, e la prima cosa che voglio dirti e che sto bene di salute , al momento ho solo una brutta distorsione alla caviglia, ho fatto la rsm a minneapolis MN, ho recuperato dei soldi , l'amore e come se per me fosse scomparso, lavoro litigo con i colleghi, i miei figli si sono fidanzati. io ho provato a seguirti ma dovevo cominciare 40 anni fa ,mi sono resa conto quanto hai studiato per arrivare a quello che sei oggi - un grande-un maestro-- rsm del 2012 ho pensato bruxelles che dici , sono del 12.03.55 nocera inf,re ore 6.30 circa un abbraccio antonietta

anna ha detto...

Buongiorno a tutto il forum e al Maestro Ciro Discepolo; sono un'appassionata di astrologia e da poco tempo di Rsm e a tal proposito avrei una domandina da rivolgere a lei o ai piu esperti:
se Saturno di transito entra in V casa natale ma contemporaneamente Giove di Rs in quell'anno specifico è posizionato in V casa, che clima respirerò in ambito sentimentale o ludico-ricreativo? Dovrò aspettarmi sofferenze o gioie?
Da evidenziare che la Rs è buona e non presenta afflizioni da I, VI o XII casa.
Grazie della vostra gentilezza e buona giornata.
Anna

Giuseppe Galeota Al Rami ha detto...

Questa di oggi è una notizia...BOMBA!
La persona in questione ha quotidianamente infangato anche il mio nome e la mia immagine, ha permesso a gente del suo blog di offendere me e la mia famiglia. Ora per lui e per i suoi malvagi sostenitori è finita. Lo avevo avvisato che prima o poi la verità sarebbe venuta fuori e che si sarebbe autodistrutto. Ho spesso invitato i suoi scagnozzi a un confronto, ma chissà come mai, sono sempre fuggiti dopo aver scritto un insulto sul mio o sul suo blog. Alcuni di loro hanno diffuso in giro accuse infamanti: che io sia un ladro di previsioni, che sia acritico, corrotto. E la malvagità è tutta racchiusa in quel blog di serpi velenose, pronte a ferire, offendere, insultare anche solp per divertimento. la bontà di cuore e la genuinità di spirito non è da tutti. Alcuni invece han capito immediatamente di che pasta era fatto Maurizio Tonino e hanno abbandonato il suo blog dopo un brevissimo scambio con me: han avuto il coraggio di mettersi in discussione, l'intelligenza per discernere che prima di giudicare bisogna conoscere. Oggi posso gioire perchè finalmente il regno del terrore sta per finire e io posso tornare a sperare in un mondo civile, dove mai più tali soggetti potranno permettersi di giudicare la mia vita, il mio operato, con cattiveria diabolica.
Scusate questo sfogo ma oggi anche per me è un giorno bellissimo.

Francesca Marchi ha detto...

Gentilissimo Professor Discepolo,
la ringrazio molto per la cortesia che mi ha fatto, mi sono divertita ad andare su astrolgia in linea però i calcoli danno asc. di Rivoluzione cuspide 12 casa....
Li vi è scritto che non è una posizione consigliabile..
BOH... forse Lei ha un programma più sofisticato-
cmq le ridò i miei dati :
22 febbraio 1969 ore 2.05 a Verona
Grazie e mi scusi per la mia ignoranza in materia...
Comprererò oggi stesso il libro da Lei consigliato, se lo trovo a Verona...se no andrò su amzon.it
Con Affetto
Francesca Marchi

Alessandro ha detto...

Caro Ciro se dovessi consigliare a un'amica una rsm per proteggere la salute è meglio posizionarle Giove in VI casa o Venere?
Grazie mille
alessandro

Anonimo ha detto...

Caro Ciro, niente di misterioso per carità.
Cos'é capitato? Solamente quello può essere capitato a tutti già centomila altre volte...
Volendo proporvi alcune sintetiche riflessioni in merito all'interessante caso proposto da Al Rami (donna nata a Taranto l'8 maggio 1979, 10:15), attorno alle 22:00 di martedì sera ho inviato un post (seguito subitamente da un secondo di precisazioni). All'indomani non avendoli visti pubblicati assieme agli agli altri pervenuti, mi sono rammaricata per il fatto che siano finiti chissà dove (eppure il semaforo verde in cima alla pagina si era acceso...)
Il rammarico non è dovuto al fatto che possa essersi perso il concetto... E invece si; quando una cosa riesce ben scritta, non solo è più efficace, semplicemente "è", da sé sola.
Senza farti perdere tempo, se confermi di non aver ricevuto le righe che ho mandato, dopo il ciclone libri (complimenti!), quando torneremo sull'argomento, proverò a riformulare. Oppure no; provo velocemente adesso.
Attirata da alcune risonanze (anch'io sono nata l'8 maggio, anch'io ho Giove dominante, anch'io ho la famigerata congiunzione, strettissima, Venere-Marte), in ossequio al tuo condivisibilissimo invito alla lettura del TN con "colpo d'occhio strutturale", apparentemente un ossimororico, volevo piuttosto far osservare che l'osso sacro per così dire del TN in questione, ossia il fascio di opposizioni tese tra lo stellium imperniato all'MC (Mercurio-Marte-Venere) più Sole poco discosto, e Plutone al IC, sono... l'ossimoro di questa persona. A differenza della figura retorica dell'antitesi, i due termini che nell'ossimoro si contrappongono non si equivalgono nel giudizio, ma uno dei due ha sempre funzione "determinante" nei confronti dell'altro. Come a dire che uno è il pronunciante dell'altro. Come se l'uno indicasse una realtà che non ha ancora nome. Come se in questa piega profondissima che regge il tema, ci fosse la contraddizione della persona per poter indicare il concetto di sè più abissale. Come in poesia: O viva morte, o dilettoso male (Petrarca). (Parte Prima)

Anonimo ha detto...

(Parte Seconda)
Al MC è imperniata una compagnia, pure un poco sgomitante nel determinatissimo desiderio di brillare, che... vorrebbe recitare a soggetto. Ma come in un'orchestra preromantica (in cui non è ancora apparsa la figura del direttore ufficiale), Plutone (primo violino a loro insaputa) dirige e suona.
Ulteriori tre condizioni al contorno pregiudicano la possibilità che la compagnia di giro intoni e/o detoni la recita: un illusivissimo Nettuno (in Sagittario, Vcasa), idealista ed eccitato purificatore di entrambi i termini a contrasto (trigoni allo stellium al MC, sestile a Plutone); un cerebralissimo Urano (in Scorpione, IVcasa), probabile minatore crudele ed inaffettivo (opposto al Sole, quinconce a Venere, semiquadrato alla Luna); un Sole in difficile e scomoda posizione apicale (quinconce a Plutone e Nettuno, opposto a Urano). Inoltre Saturno, libero della partita. Inoltre veramente interessante il coinvolgimento degli angoli del cielo in questo discorso (come dire: questioni cardinali).
Giove dominante all'AS (in Leone, XIIcasa), friziona ulteriormente con un paio di quadrati poco gratificatori la compagnia di canto (Mercurio-Marte), e dignitoso dolente si sostiene appoggiato da una compostissima Luna. Obbiettivamente un dominante poco incisivo (e forse un tantino inflattivo) in questa guerra dei due mondi.
Ho la netta impressione che la signora per conoscere se stessa e finalmente sfavillare, debba scendere all'inferno, in questo caso quanto mai civile ed educato, del proprio Plutone (in Bilancia, IIIcasa, apprendimento sociale e intellettuale). Lui (con questo religioso Nettuno, e in misura minore con il frigido Urano) sa il nome e il tempo di ciascun attore in stallo sulla scena. Se la signora saprà fidarsi (di sé), darà il via alla recita.
... O piuttosto, portare a ri-velarsi (!) i tre lenti farabutti (Plutone, Urano, Nettuno + Saturno fuori orbite).
Perdonatemi ogni eventuale ingenuità.
Grazie ancora Ciro per l'occasione,
Scara