giovedì 17 aprile 2008

La discussione fa bene al Sapere


Si legge nel carteggio Freud-Jung che il primo grande maestro disse al suo allievo, pressappoco: "Dovremo fare della mia teoria un dogma!". E lì Jung abbandonò Freud. La discussione fa sempre bene al Sapere perché fa progredire quest'ultimo e pertanto trovo legittimo che sia Massimiliano che Giulia, Al Rami, Doriana, Sergio e gli altri tentino di portare avanti le loro idee. Fortunatamente, tranne casi rarissimi, su questo sito nessuno si è messo a insultare gli altri perché non la pensavano come loro. Se vi posso suggerire un metodo, vi propongo di esaminare i fatti della Storia su personaggi storici di cui si conosce abbastanza fedelmente l'ora di nascita. In questo modo è possibile comprendere se è meglio utilizzare orbite strette, larghe o larghissime, ma facciamolo nell'interesse comune di una ricerca della Verità e senza rancori che lasciamo volentieri ai nostri avversari che non hanno argomenti.
Caro Sergio, la statistica è la statistica e non ci possono essere due visioni diverse della stessa. Tuttavia hai citato un caso addirittura esilarante che è comune a tutti i nostri simpatici avversari del CICAP che dovrebbero raccontare barzellette nei cabaret. Il prof. Longo sosteneva una tesi che è paradossale e che, purtroppo, è la stessa sostenuta da tutti i cloni di Piero Angela, a cominciare da Alberto Angela. La tesi è la seguente (tenetevi forti): "I professori di statistica non capiscono (sic!) che la statistica non può essere applicata all'astrologia perché non si possono matematizzare concetti come la malinconia, la felicità, il rancore, e via dicendo...".
Allora voi spiegate loro che chi si è occupato di statistica e astrologia ha cercato quante volte un campione sportivo è nato con Marte un po' dopo la levata e la culminazione, ma loro fingono di non avere sentito e continuano a dire che gli statistici non hanno capito nulla... Ecco perché io penso che possiamo anche dibattere con costoro (ma che ciò avvenga sempre rigorosamente nel corso di dirette televisive o radiofoniche!), ma se lo facciamo, dedichiamo il nostro tempo e le nostre fatiche al pubblico che ci ascolta e non certo per ridare la vista ai ciechi... In tal senso ho anche ricevuto, privatamente, questa mattina, una lunga lettera alla quale cercherò di rispondere, ma ho una giornata di quelle davvero toste...
Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
www.solarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento