martedì 26 gennaio 2010

L’interessante caso Nichi Vendola



Interessante la vicenda del grande successo personale di Nichi Vendola nelle primarie per le regionali in Puglia. Questo al di là delle tifoserie di partito che vorrebbero vedere morto questo o quel candidato, anche tra chi si definisce astrologo e non comprende il valore della ricerca pura in astrologia.


In questo caso il Palazzo (tutta la dirigenza PD) ha subito un duro colpo che è segnato, esattamente con il picco di domenica 24 gennaio, da AstralDetector (vi ricordo che sia i picchi negativi che quelli positivi corrispondono a momenti critici e vanno valutati i cambiamenti bruschi di crescita e di decrescita della curva, insieme ai “treni d’onda”). L’ingrandimento del grafico già pubblicato settimane fa è riprodotto in questa pagina.





Per Alberto B. Credo che i tuoi sogni ti mostrino la paura di salire in barca per affrontare il mare-oceano del tuo inconscio. È un mare difficile da navigare, ma ti porterà lontanissimo.





Per Michele. Penso che dovresti chiedere a Katia che è stata così gentile da occuparsi del tuo caso e che potrebbe continuare a farlo. Se non vuoi mettere Venere in 12^ puoi riferirti alla zona intorno a Jibuti che ti mostra Aladino GE. Oppure, e con questo do un consiglio operativo a Katia, si può ordinare ad Aladino di mostrare tutte le soluzioni che abbiano il MC a 5° in Ariete, cercando tra gli aeroporti prima e tra le città poi.

Relativamente all’Indice di Pericolosità dell’Anno vi ricordo che il valore spartiacque di 20 punti è preoccupante, quando viene superato, solo se – mettiamo – un punteggio di 30 o di 40 si riferisce a una posizione durissima tipo l’AS in 12^ o Marte in prima. Se, invece, nessuna delle trenta regole, soprattutto quelle che indicano pericolo, è stata compromessa, allora vuol dire che tale punteggio si riferisce a molti transiti pesanti e a nessuna posizione pericolosa di RSM: dunque si può accettare tranquillamente.




Ringrazio Fernanda Nosenzo a cui ricambio sentimenti di stima e di ammirazione: non dimentichiamo che è una collega che dopo gli ottant’anni ha perfino imparato a gestirsi da sola le proprie pagine web. È un “cane sciolto” come me e perciò combattuta dalle associazioni. Una volta provocò un grosso incidente diplomatico tra André Barbault e Jean-Pierre Nicola sulla mia rivista, ma non gliene ho mai voluto perché la dialettica delle diverse posizioni culturali è sacrosanta, quando non viene avvilita da squallidi “mezzucci da cameriere”.



La collega Clara Negri mi fa sapere che momentaneamente ha ritirato le copie del suo libro con i racconti “horror”, per problemi di stampa.


Per Alberto B. Secondo te cosa significherà, tra le altre, il molto prossimo ingresso del lungo transito di Giove nella settima Casa e sul Giove radix della mia compagna? Segnati le date così, tra le altre cose, potrai tenere un piccolo seminario dal titolo: “Come individuare le date dell’inizio del pianto da parte di qualcuno”.



Per Rosella. Hai ragione, Google ha affettato una parte dell’indirizzo. Con quello completo dovresti riuscire:


http://www.solarreturns.com/images/foto_seminari_22_gennaio_2010.zip


Per Paola Calvetti. Cara Paola, comprendo il tuo sdegno perché tu pensi che, vivendo nella civilissima Milano e facendo parte di un consesso culturale, certe regole di correttezza intellettuale andrebbero rispettate per default. Accorgerti che la scorrettezza culturale sia tanto diffusa, ti indigna, giustamente.

Forse, per una tua parte ancora piena di candore sei portata a commettere alcuni piccoli errori.

Ecco, per esempio, quanto ha sempre suggerito, soprattutto con l’esempio della propria vita, André Barbault ai suoi allievi:



- non fare mai oroscopi segno-solari

- fare sempre previsioni

- se vuoi essere un vero astrologo, la base del tuo lavoro devono essere le previsioni. Sì, perché se ti limiti a fare previsioni sui personaggi di Novella 2000, nessuno verrà mai a spiattellarti sulla faccia che gli hai causato un grave incidente stradale e allora potrai continuare a dire fregnacce del tipo che Marte in sesta fa bene alla salute.





Ecco, tu pensi che alcuni sedicenti astrologi dovrebbero essere interdetti dal fare previsioni agli altri e, invece, il Grande André Barbault, che queste cose le ha capite molti anni prima di noi tutti, dice esattamente il contrario: fate fare le previsioni, in consulti privati, a chi voglia avere il privilegio di definirsi astrologo perché poi, dopo un anno, ne dovrà rendere conto a chi lo ha pagato e se la vedrà male se è andato di molte volte fuori del segno dicendo solo vaccate partorite nella propria mente e mai sperimentate.


È deceduta ieri la nostra anziana collega Linda Wolf. Ci siamo incontrati in diverse occasioni. Il nostro rapporto è stato di rispetto reciproco, seppure non abbiamo mai sviluppato corsie preferenziali di corrispondenza o altro. Lei si è occupata prevalentemente di oroscopi segno-solari, ma era anche una studiosa che si misurava sul campo facendo consulti privati e, per quanto detto poco fa, va apprezzata già per questo.

Vi racconterò due brevi cose su di lei che non tutti conoscono.

Lei fu, agl’inizi degli Anni Settanta, l’astrologa personale di Patty Bravo che la portava con sé ovunque e la interrogava in continuazione.

Quando andavamo ai congressi di astrologia, i giovani giornalisti erano sempre a caccia di piccoli scoop nelle presenze dei relatori o nelle loro relazioni. Purtroppo, allora, ma anche oggi, tanti giovani erano anche abbastanza ignoranti e più di una volta sentivo qualcuno di loro gridare: “C’è Linda Wolf, c’è Linda Wolf!”. Ovviamente la confondevano con la scrittrice Virginia Woolf.

Visto che siamo sull’argomento, anche a costo di annoiarvi, vi ripeterò come la penso sulla questione oroscopìa.

Due nostri bravissimi colleghi hanno fatto per tutta la vita soprattutto oroscopi segno-solari.

Il primo è Peter Van Wood. Vi ho detto molte volte che lo considero un grandissimo astrologo. Sull’astrologia previsionale è certamente tra i migliori del mondo. Mi spiace non si sia mai occupato di Rivoluzioni Solari perché credo che sarebbe diventato il più bravo di tutti noi.

L’ultima volta che l’ho sentito al telefono mi è sembrato un po’ giù di morale. Caro Peter, se mi leggi, sappi che ti vogliamo bene in tanti e ti ammiriamo!

Lo stesso dicasi per Antonino Anzaldi. Non eccezionale nell’astrologia predittiva, ma certamente imbattibile nella cultura classica applicata all’astrologia nei consulti personali.

Oggi sta piuttosto male e gli manca il lavoro. Faccio appello agli amici romani di adoperarsi per tentare di sostenerlo in ogni modo, anche utilizzando queste pagine per iniziative in cui potremmo essere coinvolti tutti.



Per Al Rami. Tu lamenti di essere stato discriminato dal CIDA perché mio allievo e amico: ma davvero ti interessa tanto partecipare a seminari dove ti spiegano di infilarti un AS di RS in dodicesima Casa? O di leggere una rivista dove gli articolisti e il direttore falsificano i riferimenti bibliografici? Non pensi che il problema è più loro che vostro? Dato che questi signori, per ovvi motivi, mi fanno la guerra ormai apertamente e a tutto campo, gli renderò pan per focaccia e ai miei seminari futuri non accetterò iscritti a questa squadra. Qualcuno potrebbe dire: “Ma la base non sa quello che fa il Palazzo!”. Beh, ora lo sa.



Condivido al 100% quanto scritto da Katia. E aggiungerei che tali duelli potrebbero essere possibili (ma perché dare loro importanza?) se le pubblicazioni e le centinaia di esempi da raffrontare avessero date non sospette: quaranta anni fa, trenta anni fa, venti anni fa… e non la settimana scorsa!

La tua chiusa, poi, è sacrosanta: se ci muovessimo in un mondo accademico, queste persone sarebbero state sbattute fuori a pedate!



Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
http://www.solarreturns.com/
www.lunarreturns.com
www.cirodiscepolo.it
Posta un commento