mercoledì 13 gennaio 2010

Welcome to a new entry from Portugal!












We are pleased hosting a new entry blogger from Portugal, a country that gave me a lot of fortune, in the past, with many Aimed Solar Returns. I think that a good solution for you, next birthday, is Antalaha in Madagascar (see the chart).


Per Katia che scrive: “Caro Ciro considero questo spazio una risorsa preziosa, un’occasione di confronto e di scambio per chi si interessa, studia e pratica l’astrologia attiva, la possibilità di ricevere chiarimenti o conferme direttamente da chi ha inventato la RSMA e dai suoi allievi almeno per me ha un valore. Non mi sembra che sia molto rispettoso il fatto che ricevuti i suggerimenti del bravo Pasquale, che stimo molto, si riposti la stessa richiesta di ben 4 RSMA, questo vuol dire che non si da valore al lavoro e al tempo dedicato. Fatta questa premessa mi permetto di lanciare una proposta perché questo blog non diventi un’occasione di “scrocco”. Sarebbe cosa intelligente e molto utile che le persone si sforzassero di ricercare da sole la possibile destinazione, magari leggiucchiando qualcosina che non fa mai male, e poi chiedessero conferma se hanno lavorato bene o male, sarebbe per loro uno stimolo all’apprendimento e per tutti i frequentatori del blog un’occasione per accrescere le proprie conoscenze. Un caro saluto a te e a tutti i bloggers”.




Condivido la tua proposta: magari ognuno potrebbe prima dire dove penserebbe di recarsi per il compleanno e poi chiedere consigli. Trovo anche eticamente sbagliato, come ho scritto in passato, se si ricevono risposte dai blogger (non è questo il caso), chiedere ad altri blogger cosa ne pensano delle soluzioni trovate. Come sai non faccio più consulti da circa quattro anni, tranne per poche persone care che continuo a seguire. Ma se mi accorgessi che costoro sottoponessero il mio lavoro al giudizio di altri, le abbandonerei semplicemente perché sarebbe, a mio avviso, una grave mancanza di tatto.


Ricevo e volentieri pubblico le notizie relative a due importanti seminari che il mio amico, prof. Michele Rossena, terrà prossimamente presso l’Istituto che presiede. Mi sembra trattarsi di seminari adattissimi a molte persone, soprattutto a tante che si riempiono la bocca di parole come “ombra”, “proiezione” e via dicendo e non hanno mai fatto una vera analisi del profondo…


Istituto Italiano per le Scienze Umane - ONLUS Via del Parco Margherita 2/4 80121 Napoli Tel. 081 406369 Fax 081 409191http://www.scienzeumane.it/ e-mail: info@scienzeumane.it





Per il ciclo Laboratorio della Comunicazione
"I sentimenti del quotidiano fra dolore e piacere"

Venerdì 15 gennaio 2010 - Ore 17,30


"Invidia e gelosia"


Curato e condotto dallo psicoterapeuta
Michele Rossena


"Fra i sentimenti che attanagliano il quotidiano di molte persone l'invidia e la gelosia vengono talora associate. In realtà le loro radici non sempre corrispondono. L’invidia, in quanto desiderio frustrato di ciò che non si può raggiungere, ma che altri, in condizioni analoghe alle nostre, raggiungono con successo, è il sentimento che più ostacola, assorbendo energie importanti delle persone, la migliore espressione del loro potenziale personale.
La gelosia affonda solitamente le sue radici nella rivalità fraterna, vivendo la persona emozioni infantili di ambivalenza con manifestazioni palesi o sommerse di odio e aggressività verso un rivale, ritenuto colpevole di aver 'rubato' amore."


Per partecipare è necessario essere iscritti

Per informazioni contattare la segreteria
dal martedì al venerdì dalle 9,30 alle 13,30





Per il ciclo Laboratorio della Comunicazione
"I sentimenti del quotidiano fra dolore e piacere"

Venerdì 4 dicembre 2009 - Ore 17,30


"Impotenza, potere personale, onnipotenza"


Curato e condotto dallo psicoterapeuta Michele Rossena


Inizia il Laboratorio della Comunicazione ideato e condotto dallo psicoterapeuta Michele Rossena. Si tratta di un seminario teorico-esperienziale che vedrà un ulteriore approfondimento il sabato mattina a cura di Antonella Giuffrida e che nell'occasione sarà dedicato alla ricerca di quel sano e produttivo potere personale, realizzabile solo attraverso un percorso mirato: dall'antico senso di impotenza, coperto e difeso dalle tante forme di onnipotenza tipiche del nostro vivere d'immagine, pian piano si intravedono all'orizzonte le prime possibilità di realizzazione del proprio potenziale personale fino alla piena autostima, carburante indispensabile per la piena realizzazione di sé.


Per Ludovico e Cristiana. Ci sono fiumi di riferimenti: in letteratura, nel cinema, in psicoanalisi, ecc. L’omosessualità maschile, dal punto di vista tecnico, viaggia molto attraverso l’oralità. Sigmund Freud (Toro e quindi gola-oralità) potrebbe essere un valido esempio di omosessualità non accettata e non vissuta. Egli fumava continuamente grossi sigari e morì dopo 23 operazioni (se non erro) di cancro alla gola. Questo non significa, naturalmente, che tutte le persone del Toro o con una forte seconda Casa siano omosessuali, ma certamente in loro vi è una base potenziale forte in tal senso e poi, a seconda dei periodi storici, del paese dove si vive e di molti condizionamenti sociali-religiosi-politici, si sceglie se seguire o non questa strada.
Secondo me uno dei più alti esempi cinematografici di ciò lo troviamo nel film di Liliana Cavani, Al di là del bene e del male, che ho rivisto recentemente, nonostante sia stato distrutto al rogo dalla censura italiana (è un desiderio, quello di usare forni e roghi, molto comune nel nostro Paese, come sapete, a cominciare da Wikipedia e continuando con i censori che ci dicono quali film possiamo vedere e quali no).
Torniamo alla Cavani. Nel suo splendido film ella narra la storia dello strano menage a tre tra Paul Rée, l’amico Fritz (Friedrich Nietzsche) e Lou Salomé, giovane russo-ebrea che diventerà una importante psicoanalista. Siamo alla fine del diciannovesimo secolo e il loro “scandaloso” rapporto a tre fa da desktop a un possibile salto di morale tra due secoli, dopo che Dio è “stato ucciso dallo stesso Nietzsche”. Le tematiche che s’intrecciano nel film sono tante e complesse, a cominciare dal consapevole e volontario (secondo la Cavani) contagio della sifilide da parte di Friedrich Nietzsche che ricevendolo da una giovane prostituta siciliana lo utilizzerebbe, sempre secondo la Cavani, come una metafora di liberazione assoluta da ogni tabù per superare, appunto, la cosiddetta morale del bene e del male.
La scena forse più rappresentativa del film in oggetto (1977) è quella che viene riproposta agli spettatori più volte, attraverso il ricordo ossessivo di Paul Rèe che la sbirciò, seminascosto, di notte e in luoghi isolati della capitale italiana dove si riunivano spesso omosessuali: un uomo, un po’ volontario e un po’ no, violentato, oralmente, da un gruppo di almeno sei-sette uomini.
Da quell’istante, secondo Liliana Cavani, il giovane che qui è medico, ma che la storia ci descrive come futuro poeta, inizia a prendere coscienza della propria omosessualità per poi decidere di viverla liberamente.



Per Tutti. Con l’anno nuovo vi rinnovo le curve di AstralDetektor per seguire meglio gli avvenimenti del Governo e del Partito Democratico. Le vedete qui oppure, ingrandite e meglio, al seguente indirizzo:

www.cirodiscepolo.it/images/AstralDetectorPartitoDemocratico2010.pdf

e


www.cirodiscepolo.it/images/AstralDetectorGovernoBerlusconi2010.pdf

Per quest’ultimo, come potete vedere vi è uno “spike” enorme, tra ieri (la durissima presa di posizione di Fini alla Camera dei Deputati?) fino al 24-25 gennaio circa. Naturalmente, a mio parere, questo non significa assolutamente che il Governo cadrà, ma che attraverserà un altro dei suoi momenti durissimi, tutti elencati nel grafico davanti a voi.

Vi ricordo che per capire meglio questi grafici, potete consultare il libro pubblicato da me e da Pino Valente e scaricabile gratuitamente a questo indirizzo:

http://www.programmiastral.com/ci_siamo_con_la_datazione_informatica_degli_avvenimenti.pdf

Buona giornata a Tutti.
Ciro Discepolo
http://www.solarreturns.com/
http://www.cirodiscepolo.it/


Posta un commento